Storia e Cultura

LA STORIA SEGRETA DI HAMAS – Corbet Report

Non è divertente come le “notizie” dell’establishment facciano sentire il suo pubblico informato anche quando è spaventosamente ignorante? Si verifica un evento come il false flag del 7 ottobre e improvvisamente le stesse persone che non riuscivano a trovare Israele su una mappa sono ora autoproclamate esperti della regione, ripetendo doverosamente tutti i punti di discussione sul conflitto israelo-palestinese che hanno sentito al telegiornale della sera.

Naturalmente, quando provi ad approfondire i dettagli con queste persone, arriverai rapidamente ai limiti delle loro conoscenze.

Chiedete loro di Hamas, per esempio, e probabilmente sentirete che Hamas:

  • è un gruppo terroristico designato;
  • ha giurato di distruggere Israele;
  • ad un certo punto ha vinto le elezioni e ora gestisce Gaza come uno stato teocratico e terroristico;
  • è composto da codardi che lanciano razzi su Israele e usano donne e bambini come scudi umani.

Come spesso accade, ci sono elementi di verità in queste dichiarazioni mediatiche rigurgitate. Ma gli errori e le omissioni in questa narrazione convenzionale, favorevole ai sionisti, sono sufficienti per far sì che coloro che ci credono e lo ripetano senza pensarci, non solo abbiano torto, ma siano pericolosamente in errore.

Sì, le masse sconsiderate che credono in questa propaganda si sbagliano su IsraeleNon si tratta del povero, oppresso e perdente democraticamente eletto del Medio Oriente, ma di una potenza nucleare canaglia di uno stato di apartheid che esercita un’influenza sproporzionata sul mondo attraverso l’uso dello spionaggio (sia reale che virtuale ), sotterfugi lobbying ricatto. . È stato formalmente rimproverato per la pulizia etnica dei palestinesi ed è accusato di massacri atrocità crimini di guerra genocidio nell’ultimo conflitto.

Ma questi pappagalli propagandistici non si sbagliano solo riguardo a Israele. Si sbagliano anche su Hamas.

O, per lo meno, non conoscono la vera storia di Hamas.
Allora, cos’è Hamas ? Da dove proviene? Quali sono i suoi scopi? E, soprattutto, come è arrivato al potere nella Striscia di Gaza?

Oggi rispondiamo a queste domande e dissipiamo, una volta per tutte, la nube di ignoranza che incombe su questo conflitto.

LA STORIA DI HAMAS

Se sei curioso della storia di Hamas e sei un lettore medio (cioè, beatamente ignaro della guerra informativa di quinta generazione che infuria intorno a te), potresti iniziare la ricerca di risposte dove vogliono i guardiani dell’informazione. per iniziare tutte le tue ricerche: Google.

E se ti addentri nella Biblioteca di Babele , finirai senza dubbio per cliccare sul primo risultato: la voce di Wikipedia su Hamas . Da lì imparerai alcuni fatti di base sull’organizzazione, come ad esempio:

  • Hamas è un “movimento politico e militare islamico sunnita palestinese che governa parti della Striscia di Gaza occupata da Israele“.
  • Il suo nome deriva da HMS, l’acronimo della frase araba Ḥarakah al-Muqāwamah al-ʾIslāmiyyah (“Movimento di resistenza islamica“), che è glossata dalla parola araba ḥamās (che significa “zelo”, “integrità” e/o “coraggio” ).
  • È impegnato in operazioni di combattimento contro Israele dal 1989 nel perseguimento del suo obiettivo di stabilire un califfato islamico in Palestina; eccetera.

Se hai pazienza e tenacia, potresti scoprire altre curiosità interessanti sulla storia di Hamas estraendo le note e i riferimenti dell’articolo Wiki. (Caso in questione: ricordate quando il governo irlandese espulse un diplomatico israeliano per aver falsificato passaporti irlandesi durante un’operazione del Mossad per assassinare il capo logistico di Hamas?)

. . . Ma, non importa quanto tu sia paziente, scoprirai presto che le risposte alle domande più importanti su Hamas non si trovano su Wikipedia, una piattaforma che è certamente manipolata dagli agenti sionisti per eliminare qualsiasi informazione critica nei confronti di Israele.

Quindi, se stai cercando la verità assoluta su Hamas, a chi rivolgerti ?

Certamente alle Forze di Difesa Israeliane (IDF)!

Esatto, l’IDF ha un pratico video esplicativo di sei minuti che pretende di raccontarti ” La storia completa di Hamas “, in cui imparerai (SPOILER!) che Hamas:

  • è “un’organizzazione terroristica che governa Gaza“;
  • impiega “attentati suicidi, attacchi con auto, rapimenti e lancio di razzi su Israele” nella sua campagna per “uccidere gli ebrei”; E
  • ha guadagnato il potere dopo che l’altruista governo israeliano ha coraggiosamente ritirato i suoi insediamenti illegali da Gaza nel 2006.

Scoprirete anche che Hamas riceve 100 milioni di dollari all’anno dall’Iran, fondi che utilizza per creare “razzi, droni e una rete di tunnel sotterranei lunga 500 chilometri“.

Alla fine, imparerai che finalmente qualcuno si sta facendo avanti per occuparsi del problema di Hamas una volta per tutte – e rimarrai scioccato (SCIOCCATO! Te lo dico!) nell’apprendere che quel “qualcuno” è l’ IDF!

. . . Ma, essendo un tipo scettico, potresti chiederti se sia una buona idea prendere per oro colato la propaganda dell’esercito israeliano sui propri nemici. E così, nel tentativo di bilanciare la prospettiva ovviamente parziale dell’IDF con una prospettiva altrettanto parziale dall’altra parte del conflitto, potresti rivolgerti a Son of Hamas , che pretende di essere un resoconto diretto delle azioni di Hamas.

Questa autobiografia è scritta da Mosab Hassan Yousef, figlio del co-fondatore di Hamas Hassan Yousef. Contiene informazioni di prima mano che mettono in discussione la storia ufficiale di Hamas. Yousef sostiene , ad esempio, che Hamas non è stata fondata nel 1987, come afferma Wikipedia, ma in un incontro segreto delle autorità spirituali palestinesi e dei leader della resistenza avvenuto a Hebron nel 1986.

Il libro contiene anche curiosità sulla vita di Yousef cresciuto a Ramallah all’ombra dell’occupazione militare israeliana, e racconta come la rabbia palestinese per i maltrattamenti israeliani si sia riversata nella Prima Intifada e nella creazione di Hamas.

. . . Ma continuando a leggere, scoprirai che Yousef è stato reclutato dallo Shin Bet, l’agenzia di sicurezza israeliana, mentre prestava servizio in una prigione israeliana negli anni ’90. Poi scoprirai che ha collaborato attivamente con gli israeliani per dare la caccia, arrestare e contrastare i suoi compagni palestinesi (incluso suo padre, Sheikh Hassan Yousef). Alla fine, ti renderai conto che non stai leggendo affatto la versione della storia di Hamas. Stai semplicemente leggendo un sapore diverso della propaganda israeliana.

Quindi, ricominciando da capo, potresti decidere di rivolgerti a fonti primarie. Ritroverai lo statuto originale di Hamas del 1988 e leggerai che il “Movimento di resistenza islamica” (cioè Hamas):

  • è “una delle ali dei Fratelli Musulmani in Palestina“;
  • si sforza di “alzare la bandiera di Allah su ogni centimetro della Palestina“:
  • sostiene che la Palestina è “un Waqf islamico consacrato per le future generazioni musulmane fino al Giorno del Giudizio” e quindi “la legge che governa la terra di Palestina è la Sharia (legge) islamica“;
  • definisce il nazionalismo come “parte del credo religioso”, intendendo che “[r]esistere e reprimere il nemico diventa il dovere individuale di ogni musulmano, maschio o femmina”;
  • respinge “le cosiddette soluzioni pacifiche e le conferenze internazionali” in quanto contraddittorie ai suoi principi; E
  • ritiene che “di fronte all’usurpazione della Palestina da parte degli ebrei, è obbligatorio issare la bandiera della Jihad“.

. . . Ma, essendo un ricercatore diligente che cerca sempre di corroborare le informazioni (anche le “fonti primarie” come la carta di Hamas), potresti fare qualche ulteriore ricerca e imbatterti in  Hamas: una guida per principianti di Khaled al-Hroub, professore di studi sul Medio Oriente all’Università di Hamas. Northwestern University in Qatar, che sostiene che la Carta di Hamas non è affatto un documento ufficiale di Hamas.

La Carta è stata scritta all’inizio del 1988 da un individuo ed è stata resa pubblica senza un’adeguata consultazione, revisione o consenso generale di Hamas, con rammarico dei leader di Hamas negli anni successivi. L’autore della Carta faceva parte della “vecchia guardia” dei Fratelli Musulmani della Striscia di Gaza, completamente tagliati fuori dal mondo esterno. [. . .] I leader e i portavoce di Hamas hanno raramente fatto riferimento alla Carta o citato brani da essa, prova che essa ha finito per essere vista come un peso piuttosto che come una piattaforma intellettuale che abbraccia i principi del movimento.

Potresti anche immergerti più a fondo nella tana del coniglio accademico per scoprire di più su questa connessione tra Fratelli Musulmani e Hamas. E, mentre siete laggiù, potreste imbattervi in ​​“ Hamas: A Historical and Political Background ”, un articolo accademico pubblicato nell’edizione dell’estate 1993 del Journal of Palestine Studies . Questa versione della storia di Hamas – scritta da Ziad Abu-Amr, ex professore associato di scienze politiche all’Università di Birzeit e attuale vice primo ministro dello Stato di Palestina – colloca Hamas nel suo contesto storico identificandolo come un ramo palestinese del movimento dei Fratelli Musulmani.

Fino agli anni ’80, quando la Jihad islamica radicale si separò dalla Società dei Fratelli Musulmani, la storia dei movimenti islamici in Palestina può essere ridotta alla storia della Fratellanza. La Fratellanza era stata fondata in Egitto nel 1928 da Hasan al-Banna, e presto si diffuse in altre parti del mondo arabo. Nel suo tentativo di rivitalizzare la chiamata islamica, al-Banna ha sottolineato tre elementi: rinascita, organizzazione ed educazione. Fondamentalmente, l’obiettivo del movimento di al-Banna, come di altri gruppi di rinascita islamica, era quello di trasformare la società per avvicinarla il più possibile a quella stabilita dal profeta Maometto e dai suoi compagni. Ciò implicherebbe la creazione di uno Stato islamico, senza alcuna distinzione tra religione e governo, e con il Corano e la Sunna che fungerebbero da base per tutti gli aspetti della vita.

Questo racconto della fondazione di Hamas ci porta dal 1973 – quando il dinamico sceicco palestinese Ahmed Yassin, costretto su una sedia a rotelle, fondò il ramo palestinese dei Fratelli Musulmani a Gaza – agli eventi del 1987. Quel dicembre, una serie crescente di incidenti portò a una protesta nel campo profughi di Jabalia, dove uno dei manifestanti, il diciassettenne Hatem al-Sisi, è stato ucciso a colpi di arma da fuoco da un soldato israeliano. La notizia dell’omicidio di al-Sisi si diffuse rapidamente, innescando una serie di proteste, manifestazioni, scioperi e rivolte in tutta la Palestina occupata da Israele. Questo fu l’inizio di quella che sarebbe diventata la Prima Intifada .

Secondo il racconto di Abu-Amr, fu questa rivolta di massa dei palestinesi nel dicembre 1987 che spinse lo sceicco Ahmed Yassin a convocare una serie di incontri strategici che riunirono alcuni dei più importanti membri della Fratellanza palestinese a Gaza. Dopo diversi giorni di incontri, questo gruppo ha rilasciato una dichiarazione in cui invita i palestinesi a opporsi all’occupazione israeliana. E, secondo Abu-Amr, Hamas ora considera questo il suo primo volantino serializzato.

. . . Ma torniamo all’affermazione di Mosab ” Figlio di Hamas ” Yousef secondo cui il gruppo era stato effettivamente fondato nel 1986 – cioè  prima dell’intifada – e non  nel 1987 come è stato precedentemente riportato. Questo è importante perché, insiste Yousef, Hamas esisteva già nel 1986 e Sheikh Yassin e i suoi compagni cospiratori di Hamas – compreso il padre di Mosab Yousef – avevano trascorso un anno aspettando un incidente “che potesse servire come giustificazione per la rivolta”. L’uccisione di al-Sisi è stata, sostiene Yousef, proprio questo: una comoda scusa per una rivolta.

Quindi, dopo tutto questo scavare, siamo davvero più vicini a rispondere alle nostre domande su Hamas? Forse no.

. . . Ma a questo punto ricorderemo che la storia di solito non è altro che la sua/storia. La nostra comprensione della storia dipenderà interamente da quali fonti ascoltiamo e da quali escludiamo. E, come già sanno i Corbetteer, la storia che ci viene insegnata è solitamente la storia scritta dai vincitori .

Tenendo questo in mente, ci sono ancora fatti storici oggettivi su cui tutti possono essere d’accordo, e la storia di Hamas non è diversa. Quando si tratta di Hamas, la maggior parte delle persone ammette che:

  • Hamas è un movimento islamico palestinese.
  • Riconosce la necessità di una resistenza armata e violenta all’occupazione sionista come parte della lotta per liberare la Palestina dall’occupazione israeliana.
  • Ha ottenuto il sostegno dei palestinesi che erano diventati frustrati dal fatto che i leader politici si fossero impegnati in infruttuosi colloqui di pace.
  • Possiede sia un’ala militare che un’ala politica.
  • Ha vinto le elezioni legislative palestinesi del 2006 e, dopo aver vinto la battaglia contro Fatah nel 2007 , da allora governa la Striscia di Gaza.

. . . Ma da lì iniziamo a ottenere il frazionamento delle narrazioni lungo linee ideologiche. Cosa significa che Hamas governa Gaza? Hamas è un governo? È stato eletto legittimamente? Continua ad avere il mandato di governare? È un’organizzazione politica? Un movimento di liberazione armato? Un’organizzazione terroristica radicale? O tutti e tre?

Tutte queste sono domande valide, che senza dubbio potrei esplorare in un trattato molto più lungo di questo.

. . . Ma c’è una questione che risulta di primaria importanza. La risposta a questa domanda funge da Stele di Rosetta per decodificare la vera storia di Hamas. Questa risposta è tanto ampiamente ammessa quanto studiatamente ignorata. Ma, se dovesse venire alla luce, potrebbe alterare drasticamente la comprensione dell’intero conflitto israelo-palestinese da parte delle masse medie, disinformate e che consumano MSM.

La domanda è: se Hamas è davvero un’organizzazione terroristica così mostruosa (come la propaganda israeliana vorrebbe farci credere), allora come ha potuto prosperare a Gaza, una prigione a cielo aperto attentamente controllata, sorvegliata e bloccata dall’esercito israeliano?

In altre parole: come ha fatto Hamas a diventare un nemico così temibile del governo israeliano proprio sotto il naso di quel governo?

ISRAELE E HAMAS

LA STORIA SEGRETA DI HAMAS - Corbet Report News Academy Italia

Se avete seguito gli eventi nella regione per un po’ di tempo, non sarete affatto sorpresi di apprendere che Hamas è stato incoraggiato e sostenuto da elementi all’interno dell’establishment politico, militare e dell’intelligence israeliano sin dalla sua nascita.

Il fatto che Israele abbia sostenuto attivamente Hamas non è una “teoria del complotto esagerata”. È un fatto ben documentato, attestato più e più volte da addetti ai lavori israeliani e riportato più e più volte dai media mainstream.

Prendiamo l’ articolo del Wall Street Journal del 2009 , “ Come Israele ha contribuito a generare Hamas ”. In esso, il giornalista Moshav Tekuma cita Avner Cohen, un ebreo nato in Tunisia che ha lavorato come funzionario israeliano a Gaza negli anni ’70 e ’80, lamentandosi del fatto che “Hamas, con mio grande rammarico, è una creazione di Israele“. Secondo Cohen, fin dall’inizio la strategia di Israele è stata quella di incoraggiare i radicali islamici in Palestina per contrastare il vero nemico di Israele: la leadership laica palestinese che cercava di ottenere uno stato palestinese attraverso mezzi pacifici e diplomatici.

Invece di cercare di frenare gli islamisti di Gaza fin dall’inizio, dice Cohen, Israele per anni li ha tollerati e, in alcuni casi, incoraggiati come contrappeso ai nazionalisti laici dell’Organizzazione per la Liberazione della Palestina e alla sua fazione dominante, Fatah di Yasser Arafat. Israele ha collaborato con un religioso storpio e mezzo cieco di nome Sheikh Ahmed Yassin, proprio mentre stava gettando le basi per quello che sarebbe diventato Hamas. Sheikh Yassin continua a ispirare i militanti oggi; durante la recente guerra a Gaza, i combattenti di Hamas hanno affrontato le truppe israeliane con le “Yassin”, primitive granate a razzo così chiamate in onore del religioso.

L’ articolo del Journal prosegue poi corroborando ulteriormente questa affermazione, citando il generale di brigata dell’IDF in pensione Yitzshak Segev, che ha persino ammesso di aver organizzato un viaggio in Israele per Sheikh Yassin in modo che potesse ricevere cure ospedaliere. Come più tardi Segev confessò ad un altro giornalista : “Il governo israeliano mi ha dato un budget e il governo militare dà alle moschee”.

Ci sono molti altri esempi di complicità israeliana nella formazione di Hamas.

Nel 2013, Yuval Diskin, capo del servizio di sicurezza israeliano Shin Bet dal 2005 al 2011, disse a Yedioth Ahronoth : “Se guardiamo alla situazione nel corso degli anni, una delle persone che hanno contribuito maggiormente al rafforzamento di Hamas è stato il primo ministro israeliano Bibi (Benjamin) Netanyahu, sin dal suo primo mandato come primo ministro”.

Nel 2019, l’ex primo ministro israeliano Ehud Barak è apparso alla radio dell’esercito israeliano, dove ha affermato che “la strategia di Netanyahu è mantenere Hamas vivo e vegeto… anche al prezzo di abbandonare i cittadini [del sud]… in ordine indebolire l’Autorità Palestinese a Ramallah”.

Yasser Arafat ha detto a un giornale italiano che “Hamas è una creatura di Israele” e ha affermato che l’ex primo ministro israeliano Yitzhak Rabin glielo aveva ammesso.

Le masse tristemente disinformate e fanatiche dei media che abbiamo identificato all’inizio di questa esplorazione – quelle che credono di essere informate sul conflitto Israele/Hamas anche se stanno semplicemente ripetendo i punti di discussione delle teste parlanti – potrebbero essere confuse da tutte queste franche ammissioni. . “Ma perché Israele dovrebbe sostenere i suoi nemici?” potrebbero chiedere sconcertati.

Fortunatamente, questa non è una domanda difficile a cui rispondere. Secondo Ehud Barak , la logica è che “è più facile con Hamas spiegare agli israeliani che non c’è nessuno con cui sedersi e nessuno con cui parlare“. In altre parole, un nemico palestinese radicale e violento offre ai Likudnik radicali e violenti una scusa per evitare di dover impegnarsi seriamente in colloqui di pace con il popolo palestinese.

Ancora una volta, è importante sottolineare che non si tratta di una folle teoria del complotto. È la politica israeliana pubblicamente riconosciuta. Come Haaretz ha ammesso apertamente all’indomani del 7 ottobre, Netanyahu ha persino confessato di utilizzare questa strategia nelle riunioni di gabinetto:

“Chiunque voglia contrastare la creazione di uno Stato palestinese deve sostenere il rafforzamento di Hamas e il trasferimento di denaro a Hamas”, ha detto in una riunione dei membri della Knesset del suo partito Likud nel marzo 2019. “Questo fa parte della nostra strategia: isolare i palestinesi a Gaza dai palestinesi in Cisgiordania”.

Quindi, come si concretizza effettivamente questa strategia nella realtà?

Diamo un’occhiata all’incidente dell’ospedale al-Shifa. Ricordate quando Netanyahu ha vinto il Fake News Award all’inizio di quest’anno per aver pubblicizzato la ridicola animazione dell’IDF che mostrava come “Hamas-ISIS” (qualunque cosa sia) “trasformano gli ospedali in quartier generali per il loro terrore”?

E ricordate come l’IDF ha poi pubblicato un video ( smascherato ) rivelando che questo quartier generale del terrore consisteva in realtà di due pistole e una macchina per la risonanza magnetica (GASP!)?

Ebbene, indipendentemente dalla discrepanza tra la spaventosa vignetta dell’IDF sullo strato del bunker di Hamas e la realtà completamente banale, solleva alcune domande interessanti, come:

Chi, a parte Hamas, avrebbe potuto costruire un bunker del genere?

E quale ragione avrebbero per costruire un bunker sotto un ospedale se non quella di usare quell’ospedale come scudo per le loro attività terroristiche?

Oh questo è vero. Non è Hamas a costruire il bunker. Israele lo ha fatto , quando le truppe israeliane occupavano Gaza. E perché Israele ha costruito il bunkerSecondo Ehud Barak , è stato “per consentire più spazio per il funzionamento dell’ospedale nelle dimensioni molto limitate di questi complessi”.

Quindi ora avete capito come funziona questo gioco: il governo israeliano fa qualcosa, poi aspetta che tutti si dimentichino di quello che hanno fatto, a quel punto finge che Hamas abbia fatto quella cosa – e che sia stata fatta per scopi terroristici. Gli israeliani poi usano questo pretesto come giustificazione per l’invasione militare di Gaza che stavano già pianificando .

Lo stesso ragionamento può essere fatto per gli attacchi missilistici contro Israele che – prima del false flag del 7 ottobre – costituivano la principale causa di Israele contro Hamas. Questi razzi sono costruiti grazie a trasferimenti di fondi e materiali , trasferimenti che il governo israeliano ha esplicitamente facilitato e che Netanyahu ha difeso più più volte . Come riferito dallo stesso Netanyahu in una riunione del Likudnik nel 2019:

“Chiunque si opponga ad uno Stato palestinese deve sostenere la consegna di fondi a Gaza perché il mantenimento della separazione tra l’Autorità Palestinese in Cisgiordania e Hamas a Gaza impedirà la creazione di uno Stato palestinese“.

Si potrebbe dire altro sul ruolo di Israele nel sostenere Hamas, ma forse è giunto il momento di affrontare la questione più importante di tutte, vale a dire… . .

COSA SIGNIFICA?

LA STORIA SEGRETA DI HAMAS - Corbet Report News Academy Italia

Che un governo armi, finanzi, addestri e sostenga in altro modo i suoi presunti nemici è perfettamente comprensibile per coloro che hanno studiato la storia del terrorismo sotto falsa bandiera .

In effetti, gli studenti del mio documentario di cinque ore sulla  storia segreta di Al Qaeda riconosceranno già i numerosi parallelismi tra quella storia e la storia segreta di Hamas. Ad esempio, le origini di Hamas da parte dei Fratelli Musulmani potrebbero ricordarci che, nonostante fossero presunti nemici, gli inglesi collaborarono con la Fratellanza in vari momenti, persino finanziando segretamente il gruppo nel 1942. Potrebbero anche ricordarci che l’intelligence militare israeliana aveva tentato di incolpare la Fratellanza per la propria operazione terroristica sotto falsa bandiera in Egitto nel 1954 ( Operazione Susannah ).

Ma non è necessario essere uno studioso di storia delle cospirazioni per capire cosa sta succedendo qui. Diamine, anche Thomas Friedman, hacker del New York Times, ha dimostrato che gli orologi rotti vanno bene due volte al giorno articolando efficacemente il concetto di base nel suo articolo del 2021, ” Per Trump, Hamas e Bibi, è sempre il 6 gennaio “:

Come Trump, sia Bibi che Hamas hanno mantenuto il potere ispirando e cavalcando ondate di ostilità verso “l’altro”. Ricorrono a questa tattica ogni volta che si trovano in difficoltà politiche. In effetti, ciascuno di essi è stato il partner più prezioso dell’altro in questa tattica sin da quando Netanyahu fu eletto primo ministro nel 1996, sulla scia di un’ondata di attentati suicidi di Hamas.

Sì, proprio come Bush e i neoconservatori che lo hanno burattinato sono stati stimolati dagli eventi dell’11 settembre e proprio come Putin è stato stimolato dagli attentati agli appartamenti russi del 1999, Netanyahu è stato stimolato dagli attacchi di Hamas.

Che questa coltivazione di uno spauracchio durata anni abbia portato agli eventi del 7 ottobre non sorprende; anzi, forse era inevitabile. L’unica cosa che ha sventato il piano accuratamente architettato da Netanyahu e dai suoi cospiratori del Likudnik per radunare gli israeliani attorno alla bandiera e per ottenere il sostegno globale per un altro ciclo di pulizia etnica è che le persone in tutto il mondo stanno vedendo questo ovvio lavoro interno in numero maggiore e ad una maggiore velocità di quella che hanno visto in passato durante l’11 settembre o simili incidenti sotto falsa bandiera.

Certo, ci sono alcune dichiarazioni di non responsabilità che devono essere fatte qui. La prima è che tutto ciò non vuol dire che Hamas – o, più specificamente, le Brigate Izz ad-Din al-Qassam che formano l’ala militare di Hamas – siano del tutto fittizie. Non è che questi combattenti di Hamas siano tutti israeliani sotto mentite spoglie o che le loro armi siano false. Né significa che i combattenti di Hamas siano amanti della pace innocenti e incompresi che non vorrebbero fare del male a una mosca e che sono le povere vittime vessate delle calunnie israeliane.

Piuttosto, nello stesso modo in cui “Al Qaeda” è composta principalmente da veri fondamentalisti islamici – utili idioti che non si rendono conto che i loro attacchi hanno successo solo nella misura in cui servono gli scopi terroristici sotto falsa bandiera dei loro nemici – così fanno anche i ranghi dei combattenti Qassam sono senza dubbio per lo più veri credenti nella causa islamica radicale.

Ancora una volta, è importante comprendere la dinamica: i pazzi del Likudnik hanno bisogno degli elementi più estremi di Hamas per mantenere l’opinione pubblica israeliana terrorizzata e chiedere a gran voce sicurezza. Allo stesso modo, i sostenitori della linea dura di Hamahanno bisogno che i sionisti radicali nel governo israeliano, nelle istituzioni militari, politiche e religiose continuino la loro campagna contro i palestinesi per giustificare la loro ideologia senza compromessi e di lotta fino alla morte.

Inoltre, tieni presente qualcos’altro. L’articolo che stai leggendo in questo preciso momento non è storia. È la sua/storia. In questo caso, la mia storia. Esistono moltissimi altri modi per mettere insieme i pezzi di questo puzzle per formare un’immagine diversa. Una spiegazione completa di Hamas dovrebbe includere un esame della differenza tra i suoi elementi politici e militari molto più attento di quello che ho avuto il tempo di presentare qui, per esempio.

Se vuoi leggere una sua storia ben documentata che sostiene un argomento molto diverso dal mio, ti suggerisco di leggere l’articolo approfondito di Robert Inlakesh per The Last American Vagabond su ” Israele ha davvero creato Hamas? 

Tenendo presente tutto ciò, è importante ricordare due cose finali.

In primo luogo, dobbiamo sempre tenere presente che gli aspiranti governanti dei popoli – siano essi Netanyahu e i Likudnik in Israele o Hamas e i suoi leader a Gaza – stanno giocando giochi geopolitici di alto livello per assicurarsi il massimo vantaggio per se stessi. .

In secondo luogo, dobbiamo ricordare che sono le persone innocenti coinvolte in questo conflitto senza alcuna colpa – ovviamente i palestinesi attualmente sottoposti a genocidio, ma anche gli israeliani – che pagano con la vita per questi giochi.

Finché non riconosceremo queste brutte verità, non saremo mai in grado di scrivere un lieto fine per questa brutale storia.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio