Storia e Cultura

I 6 momenti più sconvolgenti del meeting di Davos 2024 del WEF

Se ti stai chiedendo perché la testa del diavolo è sull’immagine principale di questo articolo, è perché faceva letteralmente parte dell’arredamento di Davos 2024. Vorrei scherzare. In effetti, vorreiche questo articolo fosse tutto uno scherzo. Ecco i 6 momenti più sconvolgenti di Davos 2024.

A differenza della maggior parte dei media mainstream, non perderò tempo con giri di parole: il World Economic Forum (WEF) è un’organizzazione parassitaria e illegittima gestita da individui non eletti che stanno tentando di rimodellare il mondo… nel peggiore dei modi possibile. È piuttosto difficile sopravvalutare gli obiettivi nefasti di questa organizzazione che si vanta di “penetrare i governi” come una specie di cancro mentre promuove slogan folli come “Non possederete nulla e sarete felici”.

Anche se ignorare questi brividi sarebbe benefico per la salute mentale, è semplicemente impossibile. Questo perché gli annuali incontri di Davos riescono sempre a convocare persone che possono effettivamente realizzare i sogni del WEF, come capi di stato, amministratori delegati di mega-
corporazioni e rappresentanti di ONG globali come l’Organizzazione Mondiale della Sanità.

Mentre questi ospiti si siedono nei comitati e predicano il loro vangelo globalista, vengono in mente due domande: perché sembrano tutti così compiaciuti e in soggezione nei confronti della propria intelligenza? La loro aria di superiorità la dice lunga sulla loro mentalità nei confronti delle masse. Ma, cosa ancora più importante, perché i loro argomenti portano inevitabilmente a meno libertà, a meno qualità della vita e a più controllo orwelliano?

La risposta è abbastanza semplice: il loro obiettivo finale è un governo mondiale distopico in cui le masse sono ridotte a una sottospecie a cui è concessa solo una quantità limitata di libertà e risorse ed è soggetta a costante monitoraggio e interventi farmaceutici. In altre parole, stanno cercando di trasformarci in bestiame.

Per realizzare questa visione da incubo, il WEF utilizza passaggi incrementali. Anno dopo anno, l’organizzazione tenta costantemente di normalizzare nuove idee stravaganti. Quindi, utilizza crisi come quella del Covid-19 per renderle realtà. Il loro motto segreto: non lasciare mai che una buona crisi vada sprecata.

Davos 2024 ha portato alla luce, ancora una volta, una serie di idee inquietanti e radicali che hanno tutte un punto in comune: portano direttamente a un Nuovo Ordine Mondiale distopico. E no, non sono un “teorico della cospirazione”, le parole “Nuovo Ordine Mondiale” sono state letteralmente pronunciate a Davos. Parecchie volte.

Ecco i 6 principali “lowlights” di Davos 2024. Perché i primi 6? Perché il logo del WEF contiene tre 6.

I 6 momenti più sconvolgenti del meeting di Davos 2024 del WEF News Academy Italia

È tutto in faccia.

# 6 Arazzo squilibrato

Prima ancora di approfondire ciò che è stato detto a Davos, dobbiamo considerare alcuni simbolismi. Lo slogan di questo sito è “I simboli governano il mondo” e, ancora una volta, la vera mentalità senza filtri del WEF è stata meglio espressa attraverso un singolo pezzo di “decorazione” piuttosto che con migliaia di parole.

Ecco uno screenshot di una discussione a Davos alla quale ha preso parte l’ex primo ministro britannico Theresa May.

I 6 momenti più sconvolgenti del meeting di Davos 2024 del WEF News Academy Italia

Perché c’è una raffigurazione del diavolo sulla parete sinistra?

Theresa May e le sue amiche stavano discutendo in una stanza decorata con il Walthamstow Tapestry , un grande murale creato nel 2009 dall’artista contemporaneo travestito Grayson Perry.

L’arazzo di Walthamstow.

I 6 momenti più sconvolgenti del meeting di Davos 2024 del WEF News Academy Italia

L’artista: Grayson Perry. Sembra un individuo ben adattato.

C’è un sacco di follia in quell’arazzo ma, per riassumere, raffigura una donna che dà alla luce un bambino la cui scia di sangue conduce direttamente… nella bocca del diavolo.

I 6 momenti più sconvolgenti del meeting di Davos 2024 del WEF News Academy Italia

Di fronte al diavolo ci sono personaggi che ricordano i Tre Re Magi. Inoltre: è quella la Vergine Maria inginocchiata e che offre Gesù bambino al diavolo? I nostri leader discutono del futuro del mondo in stanze decorate con questa schifezza.

L’arazzo è pieno di nomi di aziende reali come Nestlé, Vodaphone, Nike, Microsoft e Glaxo Smith Kline. Si può sostenere che l’opera d’arte commenti le corporazioni e il materialismo che influenzano ogni aspetto della nostra vita e ci conducono a un’esistenza empia.

Tuttavia, poiché la maggior parte di queste aziende sono effettivamente rappresentate al WEF, questo arazzo assume un significato molto letterale. Non è più un commento sociale, è un progetto. E ne sono orgogliosi.

Detto questo, vediamo cosa si è discusso a Davos.

#5 La Malattia X e il Trattato sulla Pandemia

I 6 momenti più sconvolgenti del meeting di Davos 2024 del WEF News Academy Italia

Il panel Disease X a Davos. Il titolo alternativo della sessione: “Spaventare le persone affinché accettino il Trattato pandemico dell’OMS”.

Quando queste persone del WEF ripensano agli anni del COVID, i loro occhi si trasformano in cuori. I lockdown drastici, le mascherine obbligatorie, l’orgia di vaccini… che bei ricordi. A Davos 2024, il WEF ha ospitato una discussione sulla Malattia X, un’ipotetica malattia che potrebbe portare a un’altra pandemia globale.

Tra i relatori c’erano Tedros Ghebreyesus (direttore generale dell’Organizzazione mondiale della sanità), Roy Jakobs (amministratore delegato di Phillips Healthcare) e Michel Demaré (presidente del consiglio di amministrazione di AstraZeneca). In altre parole, gli ospiti erano persone che avrebbero tratto grandi vantaggi da un’altra pandemia.

Il WEF sapeva cosa stava facendo quando ha inventato la Malattia X. Gli stessi relatori hanno ammesso che era “accattivante” e speravano che attirasse l’attenzione dei social media. Bene, lo ha fatto. Ciò ha infastidito e terrorizzato le persone che ora sono convinte che il WEF stia già pianificando un’altra pandemia. Monica Crowley, ex vicesegretario al Tesoro per gli affari pubblici degli Stati Uniti, ha pubblicato su X:

“Giusto in tempo per le elezioni, un nuovo contagio per consentire loro di attuare un nuovo trattato dell’OMS, imporre nuovamente il lockdown, limitare la libertà di parola e distruggere più libertà”.

Nella sua dichiarazione di apertura, Tedros Ghebreyesus ha sottolineato che il termine Malattia X è stato coniato nel 2018 e doveva essere un nome segnaposto per una malattia sconosciuta. Ha anche aggiunto che il COVID è stata la prima Malattia X.

Anche se si dice che la Malattia X sia sconosciuta, l’OMS ha stranamente affermato che potrebbe essere 20 volte più mortale del COVID. Da dove viene questa cifra stranamente specifica?

L’obiettivo di questo panel è abbastanza semplice: normalizzare l’idea che i governi democraticamente eletti non dovrebbero avere voce in capitolo quando colpisce una pandemia. Invece, le entità globali di globalisti non eletti come l’OMS – insieme alle aziende farmaceutiche private – dovrebbero prendere il comando e aggirare i governi.

Per raggiungere questo obiettivo, Ghebreyesus ha esortato i paesi a firmare il Trattato pandemico dell’OMS entro la scadenza del maggio 2024. Ghebreyesus ha detto:

“Si tratta di un interesse globale comune e gli interessi nazionali molto ristretti non dovrebbero interferire”.

Rileggi attentamente la citazione sopra. Queste esatte parole verranno usate più e più volte per giustificare un governo globale. Qualsiasi scusa sarà sufficiente per usare queste parole (ad esempio, cambiamento climatico).

Negli ultimi mesi, i critici hanno avvertito che il trattato giuridicamente vincolante dell’OMS cederebbe la sovranità nazionale a questa organizzazione globale e che ciò equivarrebbe nientemeno che a una presa di potere. Una lettera pubblicata dal gruppo di difesa Advancing American Freedom (AAF) affermava:

“La proposta dell’OMS di consolidare il potere ed erodere la sovranità degli Stati Uniti d’America attraverso il Trattato di preparazione alla pandemia dell’OMS è insostenibile e solleva domande serie e significative riguardo all’indipendenza di azione dell’America e alla capacità di rispondere alle pandemie globali”.

In risposta alle critiche, Tedros ha dichiarato:

“C’è chi sostiene che l’accordo sulla pandemia e l’IHR cederanno la sovranità all’OMS e daranno al segretariato dell’OMS il potere di imporre blocchi o obblighi di vaccinazione ai paesi. Sai che queste sono notizie false, bugie e teorie del complotto.

Non lo so, Tedros. Di solito, quando voi parlate di “notizie false” e “teorie del complotto”, di solito è perché state cercando di ignorare verità scomode… come il fatto che state cercando di realizzare un Nuovo Ordine Mondiale.

A proposito.

# 4 Nuovo Ordine Mondiale

Coloro che affermano che un’élite globale sta cercando di creare un Nuovo Ordine Mondiale vengono solitamente liquidati come “teorici della cospirazione”. Ma cosa succede quando l’élite globale discute casualmente di un vero e proprio Nuovo Ordine Mondiale affinché tutti possano vederlo? Cosa poi? Quando la teoria del complotto diventa un fatto confermato?

Una discussione di Davos 2024 ha visto la partecipazione di Jake Sullivan, consigliere per la sicurezza nazionale di Joe Biden. Non è solo un ragazzo a caso. In precedenza è stato direttore della politica del presidente Barack Obama, consigliere per la sicurezza nazionale dell’allora vicepresidente Biden e vice capo dello staff del segretario Hillary Clinton presso il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Sullivan è stato anche consigliere senior del governo federale degli Stati Uniti durante i negoziati sul nucleare iraniano e consigliere politico senior per la campagna presidenziale di Clinton nel 2016.

In altre parole, ha lavorato con i globalisti più potenti del mondo. Ecco una parte della loro discussione su un Nuovo Ordine Mondiale.

In risposta alla domanda del moderatore che chiedeva se stiamo entrando in un Nuovo Ordine Mondiale, Sullivan ha dichiarato:

“L’era post-Guerra Fredda è giunta al termine, siamo all’inizio di qualcosa di nuovo. Abbiamo la capacità di dare forma a ciò che sarà e, al centro di esso, ci saranno molti dei principi fondamentali e delle istituzioni fondamentali dell’ordine esistente, adattati alle sfide che affrontiamo oggi”.

Il WEF ama dirci che siamo “l’inizio di qualcosa di nuovo”. Naturalmente questa è tutta propaganda. Se non ci fossero “sfide” generate dai media come il Covid e il riscaldamento globale, il WEF non saprebbe come promuovere la sua nuova era. Il motto dell’élite è “L’ordine viene dal caos”. Generano il caos per realizzare un nuovo ordine.

Per le élite, un Nuovo Ordine Mondiale sarebbe senza nazioni o elezioni democratiche. Se pensate che stia esagerando, ecco un video di Klaus Schwab che fantastica su impianti cerebrali che renderebbero inutili le elezioni a Davos 207. Non potete inventarvi una cosa del genere.

Quindi, come sarebbe un Nuovo Ordine Mondiale guidato dal WEF? Ebbene, la Cina comunista è un laboratorio per politiche globaliste totalitarie e il suo sistema di credito sociale è attualmente in fase di test lì. Non sorprende che diversi ospiti di Davos abbiano invocato una tecnologia che renda possibile una cosa del genere a livello globale.

N. 3 Controllo digitale

Ricordi i passaporti vaccinali durante il COVID? Hai presente quella volta in cui milioni di persone si sono improvvisamente trasformate in cittadini di seconda classe e sono state bandite dai viaggi e dagli spazi pubblici perché si rifiutavano di farsi iniettare un prodotto farmaceutico? È stato un errore disgustoso e ripugnante, vero?

Non secondo Davos. Per loro, il COVID è stato un test e vogliono renderlo permanente. Durante la sessione di Davos “Fixing Healthcare, Digitally”, la commissaria europea per la salute e la sicurezza alimentare Stella Kyriakides ha elogiato i passaporti vaccinali come un esempio di ciò che si dovrebbe fare in futuro.

Kyriakides ha casualmente sottolineato che l’intero progetto è stato ripreso dall’OMS che è, ancora una volta, un’organizzazione globalista che opera al di fuori dei governi nazionali. È normale?

Quasi per essere sicuri di capire che Davos è un’élite che parla alle masse, il WEF ha fatto uscire la regina dei Paesi Bassi per cantare le lodi di un’identità digitale. Perché proprio lei? Nessuna idea. Tanto vale far uscire la Regina di Cuori da Alice nel Paese delle Meraviglie , già che ci siamo.

Ma ascoltiamo cosa ha da dire Sua Altezza sugli ID digitali.

La regina Maxima ha affermato che un’identità digitale biometrica dovrebbe essere necessaria per ottenere servizi finanziari, per l’iscrizione scolastica, “per sapere chi ha ricevuto o meno un vaccino” e per i sussidi governativi.

Non ci vuole Nostradamus per rendersi conto che una tale tecnologia potrebbe facilmente trasformare la società in una distopia. Con un tale sistema in atto, una persona non vaccinata potrebbe facilmente essere “sbancata” e vedersi negare i sussidi governativi. In Cina, le persone che criticano il sistema vedono penalizzato il loro punteggio di credito sociale. Ciò potrebbe accadere con un ID digitale?

Queste situazioni ipotetiche potrebbero sembrare paranoiche… se il WEF non dedicasse così tanto tempo a lamentarsi della libertà di parola.

# 2 Censura i critici

Un tema ricorrente nelle discussioni del WEF è, ironicamente, la limitazione della libertà di parola. Tutto ciò che va contro la loro agenda è considerato “disinformazione” e dovrebbe essere sradicato. A Davos 2024, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha affermato che la lotta alla “disinformazione” è la priorità principale del WEF.

Naturalmente, disinformazione è una parola in codice per qualsiasi fatto o opinione che vada contro la loro narrativa. Più avanti nel video, elogia il Digital Services Act che controlla e monitora il “discorso d’odio” – un termine che continua ad ampliarsi fino a inghiottire, ancora una volta, tutto ciò che va contro la loro narrativa.

In un altro video straordinario, un editore del Wall Street Journal ha letteralmente affermato che erano soliti “possedere le notizie”… finché non sono arrivate queste fastidiose fonti alternative.

Nella svolta più ironica possibile, ciò che ha detto è pura notizia falsa. Le fonti di notizie mainstream sono più opache, disoneste e guidate dall’agenda che mai. Diversi mezzi di informazione si sono trasformati in vere e proprie macchine di propaganda in cui l’“informazione” è considerata valida solo se serve un’agenda. 

# 1 Inventare parole

In questo ultimo episodio di follia del WEF, un relatore vuole che l’”ecocidio” sia considerato un crimine grave. OK. Sembra pazzesco. Ma cosa potrebbe essere considerato un “ecocidio”? La donna menziona… la pesca e l’agricoltura. OK. Questo è VERAMENTE pazzesco.

Sì, hai sentito bene. Jojo ha paragonato l’agricoltura e la pesca al genocidio e vuole vedere queste persone punite a livello criminale. Come abbiamo visto sopra, il WEF è specializzato nella creazione di piste estremamente scivolose. E questo è ancora un’altra.

Jojo non è stata invitata a caso. Le sue opinioni estreme rappresentano gli obiettivi a lungo termine del WEF. Se avete seguito le notizie negli ultimi anni, probabilmente avrete notato che le élite hanno intrapreso una guerra totale contro gli agricoltori, soprattutto in Europa. Niente di tutto questo è casuale. Il WEF sta usando l’“ambiente” per diffamare la pesca, l’allevamento e l’agricoltura mentre sforna politiche volte a distruggere i loro mezzi di sussistenza.

A ciò seguono massicci accaparramenti di terre da parte di megacorporazioni e tirapiedi globalisti come Bill Gates. L’obiettivo finale: far sì che gli esseri umani si nutrano di insetti e “prodotti alimentari” altamente trasformati e difficilmente digeribili.
Saranno loro a mangiare delle deliziose bistecche. Non noi.

Insomma

Anche quest’anno, il WEF ha messo in piena luce gli obiettivi a lungo termine dell’élite globale. Mentre amano condire i loro discorsi con parole come “libertà”, “democrazia” e “prosperità”, le loro politiche portano all’esatto opposto. Negli esempi sopra riportati, abbiamo visto discorsi sull’assunzione da parte dell’OMS della risposta alla pandemia a livello globale, sull’implementazione di un ID digitale globale che controllerebbe tutti gli aspetti della vita, sulla censura delle opinioni dissenzienti su Internet, sugli impianti cerebrali che rendono inutili le elezioni e, infine, rendere l’agricoltura un crimine grave paragonabile al genocidio. Ti sembra “libertà, democrazia e prosperità”? O completa follia?

Guarda indietro all’arazzo satanico raffigurato sopra. Questa è la vita che vogliono per te.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio