Storia e Cultura

La Straordinaria Vittoria dei Talebani nell’Eradicare l’Oppio in Afghanistan: I Pericolosi Risvolti di un Drastico Declino nell’Offerta di Eroina

Il governo talebano in Afghanistan – il paese che fino a poco tempo fa produceva il 90% dell’eroina mondiale – ha ridotto drasticamente la coltivazione di oppio in tutto il paese. Fonti occidentali parlano di un calo fino al 99% in alcune province. Ciò solleva seri interrogativi sulla serietà degli sforzi compiuti dagli Stati Uniti per il controllo della droga in questo paese negli ultimi 20 anni. E mentre le scorte di eroina nel mondo si esauriscono, gli esperti dicono a MintPress News che temono che ciò possa innescare un aumento dell’uso di fentanil, un farmaco decine di volte più potente dell’eroina che già uccide più di 100.000 americani all’anno.

Articolo di Alan MacLeod

Leggi anche:
Come i figli di El Chapo hanno costruito un impero grazie al Fentanyl avvelenando l’America
L’Apocalisse Zombie a Filadelfia – I Video
“PAIN KILLER”, l’Epopea Machiavellica del Commercio di Ossicodone. L’Orrore Nascosto dietro l’Industria Farmaceutica e la Negligenza della FDA”

I TALEBANI STANNO FACENDO QUELLO CHE GLI USA NON HANNO FATTO

I talebani sono già stati descritti come gli artefici della lotta alla droga di maggior successo nella storia umana. Armate solo di bastoni, squadre di brigate antidroga si muovono attraverso il paese falciando i campi di papavero dell’Afghanistan.

Nell’aprile dello scorso anno, il governo talebano al potere ha annunciato il divieto della coltivazione del papavero, citando sia le sue forti convinzioni religiose sia il costo sociale profondamente dannoso dell’eroina e di altri oppioidi, derivati ​​dalla linfa della pianta di papavero, causati dall’Afghanistan.

Non era solo rumore. Una nuova ricerca della società geospaziale Alcis suggerisce che la produzione di papavero è già diminuita di circa l’80% rispetto allo scorso anno. Le immagini satellitari mostrano che la produzione di papavero nella provincia di Helmand, dove viene coltivata più della metà del raccolto di papavero, è diminuita di ben il 99%. Solo 12 mesi fa dominavano i campi di papaveri. Tuttavia, Alcis stima che oggi a Helmand vengano coltivati ​​meno di 1.000 ettari di papaveri.

Invece, gli agricoltori stanno piantando grano per evitare il peggio della carestia a cui hanno contribuito le sanzioni statunitensi. Tuttavia, le Nazioni Unite avvertono che sei milioni di persone sono sull’orlo della fame.

I talebani hanno aspettato fino al 2022 per imporre il tanto atteso divieto per non interrompere la stagione di crescita. Ciò avrebbe causato disordini tra la popolazione rurale poiché un raccolto che gli agricoltori coltivavano da mesi sarebbe stato distrutto. Tra il 2020 e la fine del 2022, il prezzo dell’oppio nei mercati locali è aumentato fino al 700%. Ma data la tenacia dei Talebani – e la loro efficienza nello sradicamento – pochi hanno continuato a coltivare papaveri.

Il divieto sulla coltivazione del papavero è stato accompagnato da una campagna simile contro l’industria della metanfetamina, con il governo che ha preso di mira le piante di efedra e ha chiuso i laboratori di efedrina in tutto il paese.

UN DISASTRO imminente

L’Afghanistan produce quasi il 90% dell’eroina mondiale. Pertanto, l’eliminazione della coltivazione dell’oppio avrà un profondo impatto sul consumo di droga in tutto il mondo. Gli esperti con cui MintPress ha parlato hanno avvertito che una carenza di eroina porterebbe probabilmente a un enorme aumento dell’uso di oppioidi sintetici come il fentanil, un farmaco che secondo le stime del Center for Disease Control è 50 volte più potente.

“È importante considerare i precedenti periodi di carenza di eroina e il loro impatto sul mercato europeo della droga”, ha detto a MintPress l’Osservatorio europeo delle droghe e delle tossicodipendenze (EMCDDA), aggiungendo:

L’esperienza dell’UE nei precedenti periodi di riduzione dell’offerta di eroina suggerisce che ciò potrebbe portare a cambiamenti nei modelli di fornitura e consumo di droga. Ciò potrebbe portare a un ulteriore aumento del poliuso tra i consumatori di eroina. Ulteriori rischi per i consumatori esistenti potrebbero derivare dalla sostituzione dell’eroina con oppioidi sintetici più dannosi, tra cui il fentanil e i suoi derivati ​​e i nuovi potenti oppioidi benzimidazolici”.

In altre parole, se l’eroina non fosse più disponibile, i consumatori passerebbero a forme sintetiche molto più letali della droga. Un rapporto delle Nazioni Unite del 2022 è giunto a una conclusione simile, rilevando che la repressione della produzione di eroina potrebbe portare “a sostituire l’eroina o l’oppio con altre sostanze come il fentanil e i suoi analoghi”.

“Se si toglie tutta l’eroina dal mercato, le persone passeranno ad altri prodotti”, ha detto Matthew Hoh a MintPress. Hoh è un ex funzionario del Dipartimento di Stato che si è dimesso dal suo incarico nella provincia di Zabul in Afghanistan nel 2009. “Ma la risposta non dovrebbe essere quella di riprendere l’Afghanistan, rioccuparlo e riportare al potere i signori della droga, che è fondamentalmente ciò che la gente intende quando lamenta le conseguenze del blocco del traffico di droga da parte dei talebani”, ha aggiunto Hoh; “La maggior parte delle persone che parlano così e ne sono fortemente turbate sono persone che vogliono trovare una ragione per cui gli Stati Uniti provvedano ad un cambio di regime in Afghanistan”.

Sicuramente ci sono state molte manovre da parte americana. Foreign Policy ha scritto di “come la ‘guerra alla droga’ dei talebani potrebbe ritorcersi contro”; Radio Free Europe/Radio Liberty, finanziata dal governo americano, ha affermato che i talebani “tenevano d’occhio la produzione di oppio” nonostante il divieto ufficiale. E l’Istituto per la Pace degli Stati Uniti, un’istituzione creata dal Congresso “dedita all’affermazione che un mondo senza conflitti violenti è possibile”, ha affermato con enfasi che il successo della messa al bando dell’oppio da parte dei talebani è dannoso per gli afghani e per il mondo.

Tuttavia, questa catastrofe imminente non avverrà immediatamente. Lungo le rotte del contrabbando vi sono ancora notevoli scorte di droga. Come ha spiegato l’EMCDDA a MintPress:

Potrebbero volerci più di 12 mesi prima che il raccolto di oppio appaia sul mercato europeo della droga come eroina, quindi è troppo presto in questa fase per prevedere l’impatto futuro del divieto di coltivazione sulla disponibilità di eroina in Europa. Tuttavia, se il divieto sulla coltivazione dell’oppio venisse applicato e mantenuto, potrebbe avere un impatto significativo sulla disponibilità di eroina in Europa nel 2024 o 2025.

Tuttavia, ci sono poche prove che i Talebani siano seriamente intenzionati a sradicare la coltivazione dell’oppio, suggerendo che effettivamente emergerà una crisi dell’eroina.

Un tentativo simile da parte dei talebani di sradicare la droga ha avuto luogo nel 2000, l’ultimo anno intero in cui sono stati al potere. Il successo fu enorme: la quantità di oppio scese da 4.600 tonnellate a sole 185 tonnellate. A quel tempo ci vollero circa 18 mesi perché le conseguenze si facessero sentire in Occidente. Nel Regno Unito, la purezza media dell’eroina è scesa dal 55% al ​​34%, mentre negli stati baltici di Estonia, Lettonia e Lituania l’eroina è stata in gran parte sostituita dal fentanil. Tuttavia, dopo l’invasione degli Stati Uniti nel 2001, la coltivazione del papavero è tornata ai livelli precedenti e la catena di approvvigionamento è ripresa.

COMPLICITÀ DEGLI USA NEL TRAFFICO DI DROGA AFGHANO

La campagna di successo dei talebani per sradicare la coltivazione della droga ha sollevato dubbi sull’efficacia degli sforzi guidati dagli Stati Uniti per ottenere lo stesso risultato. “La domanda sorge spontanea: ‘Cosa abbiamo effettivamente ottenuto lì?'”, sottolinea Hoh:

Ciò mina una delle premesse fondamentali su cui si fondavano le guerre: la presunta connessione tra i talebani e il traffico di droga – il concetto di nesso narco-terrorismo. Tuttavia, questa idea era ingannevole. In realtà, l’Afghanistan era responsabile dell’80-90% della fornitura illecita di oppiacei nel mondo. I principali autori di questo commercio sono stati il ​​governo e l’esercito afghano, entità che abbiamo mantenuto al potere.

Hoh ha chiarito di non aver mai assistito personalmente o ricevuto alcuna segnalazione di coinvolgimento diretto di truppe o funzionari statunitensi nel traffico di narcotici. Invece, ha affermato che durante il suo mandato in Afghanistan c’è stato un “disimpegno consapevole e deliberato dagli eventi in corso”.

Suzanna Reiss, accademica presso l’Università delle Hawaii a Manoa e autrice di “We Sell Drugs: The Alchemy of US Empire”, ha offerto a MintPress una visione ancora più cinica degli sforzi antidroga americani:

Gli Stati Uniti non si sono mai realmente concentrati sul contenimento del traffico di droga in Afghanistan (o altrove). A parte l’alta retorica, gli Stati Uniti sono stati felici di collaborare con i trafficanti di droga quando hanno promosso determinati interessi geopolitici (e in effetti lo hanno fatto, o almeno hanno consapevolmente chiuso un occhio, quando gruppi come l’Alleanza del Nord hanno fatto affidamento sulla droga per alimentare il loro movimento politico contro il regime).”

La trasformazione dell’Afghanistan in uno stato preminente della droga deve molto alle azioni di Washington. Negli anni ’70 la coltivazione del papavero era relativamente limitata. Tuttavia, la situazione cambiò nel 1979 con l’inizio dell’Operazione Ciclone, una massiccia iniezione di denaro nei gruppi di mujaheddin afgani che mirava a impoverire l’esercito sovietico e porre fine alla sua presenza in Afghanistan. Gli Stati Uniti hanno versato miliardi agli insorti, ma i loro bisogni finanziari sono rimasti. Di conseguenza, i Mujahideen sono entrati nel traffico illegale di droga. Al culmine dell’operazione Ciclone, la produzione di oppio in Afghanistan era aumentata di venti volte. Il professor Alfred McCoy, il famoso autore di The Politics of Heroin: CIA Complicity in the Global Drug Trade,

SUPERARE LA CRISI DEGLI OPIOIDI: UN DISASTRO INCOMBENTE

La crisi degli oppioidi è la peggiore epidemia di dipendenza nella storia degli Stati Uniti. All’inizio di quest’anno, il Segretario per la Sicurezza Nazionale Alejandro Mayorkas ha definito il problema del fentanil in America “la più grande sfida che dobbiamo affrontare come Paese”. Nel 2021, quasi 110.000 americani sono morti per overdose, di cui il fentanil è di gran lunga la causa più comune. Tra il 2015 e il 2021, il National Institutes of Health ha registrato un aumento di quasi 7,5 volte dei decessi per overdose. La rivista medica The Lancet prevede che 1,2 milioni di americani moriranno per overdose da oppioidi entro il 2029.

Le autorità statunitensi accusano i cartelli messicani di contrabbandare l’antidolorifico sintetico attraverso il confine meridionale e la Cina di produrre le sostanze chimiche necessarie per produrre il farmaco.

I bianchi americani hanno maggiori probabilità di abusare di questi tipi di farmaci rispetto ad altre razze. Gli adulti di età compresa tra 35 e 44 anni presentano i tassi di mortalità più elevati, sebbene i decessi siano in forte aumento tra i più giovani. L’America rurale è stata particolarmente colpita; uno studio del 2017 condotto dalla National Farmers Union e dall’American Farm Bureau Federation ha rilevato che il 74% degli agricoltori è direttamente colpito dall’epidemia di oppioidi. West Virginia e Tennessee sono gli Stati più colpiti.

Per lo scrittore Chris Hedges, originario delle zone rurali del Maine, la crisi del fentanil è un esempio di una delle tante “malattie della disperazione” che affliggono gli Stati Uniti. Essa nasce, dice Hedges, da “un mondo depravato in cui le opportunità che conferiscono status, rispetto di sé e dignità si sono esaurite per la maggior parte degli americani. Sono espressione di acuta disperazione e morbilità”. In sostanza, quando il sogno americano è svanito, è stato sostituito da un incubo americano. Il fatto che gli uomini bianchi siano le principali vittime di queste malattie della disperazione è una conseguenza ironica del nostro sistema ingiusto. Come spiega Hedges:

Gli uomini bianchi, che sono più facilmente sedotti dal mito del sogno americano rispetto agli uomini di colore che capiscono come il sistema capitalista sia contro di loro, spesso soffrono di sentimenti di fallimento e tradimento, in molti casi quando entrano nella loro mezza età. Si aspettano di crescere grazie alle idee di supremazia bianca e alle banalità capitaliste sul duro lavoro che porta al progresso. Credono nel successo”.

In questo senso, è importante collocare la crisi della dipendenza da oppioidi nel contesto più ampio del declino dell’America, dove le possibilità di successo e felicità sono più scarse che mai, piuttosto che attribuirla all’individuo. Come ha scritto Lancet: “Gli approcci punitivi e stigmatizzanti devono finire. La dipendenza non è un fallimento morale. È una condizione medica e rappresenta una minaccia costante per la salute”.

UN “PROBLEMA UNICAMENTE AMERICANO”

Quasi 10 milioni di americani abusano di oppioidi da prescrizione ogni anno, a tassi molto più alti rispetto a paesi sviluppati comparabili. Il numero di decessi pro capite per overdose da oppioidi negli Stati Uniti è dieci volte superiore a quello della Germania e più di 20 volte superiore a quello dell’Italia, ad esempio.

Ciò è dovuto in gran parte al sistema sanitario a scopo di lucro negli Stati Uniti. Le compagnie di assicurazione private americane sono molto più propense a prescrivere farmaci e pillole rispetto a terapie più costose che vanno alla radice del problema che causa la dipendenza. Di conseguenza, la crisi degli oppioidi viene comunemente definita un “problema specificamente americano”.

Uno dei motivi per cui i medici statunitensi sono molto più propensi a somministrare antidolorifici eccezionalmente potenti rispetto ai loro colleghi europei è che sono stati sottoposti a una campagna di marketing iperaggressiva da parte della Purdue Pharma, produttore del potente oppioide OxyContin. La Purdue lanciò l’OxyContin nel 1996 e i suoi rappresentanti affollarono gli studi medici per promuovere il nuovo “farmaco miracoloso”.

Ma una causa dopo l’altra accusa l’azienda di mentire sull’efficacia e sulla dipendenza dell’OxyContin, un farmaco che ha reso dipendenti dagli oppioidi innumerevoli americani. E quando gli oppioidi da prescrizione, legali ma incredibilmente potenti, si sono esauriti, gli americani si sono rivolti a sostanze illegali come l’eroina e il fentanil come sostituti.

I proprietari della Purdue Pharma, la famiglia Sackler, vengono regolarmente definiti la famiglia più malvagia d’America e molti li incolpano per le centinaia di migliaia di morti per overdose. Nel 2019, Purdue Pharma ha dichiarato fallimento sotto la pressione di migliaia di cause legali contro la società. Un anno dopo, la società si è dichiarata colpevole di accuse penali per aver commercializzato falsamente OxyContin.

Tuttavia, i Sackler guadagnavano denaro dalle loro azioni come banditi. Anche dopo essere stati costretti a pagare quasi 6 miliardi di dollari in contanti alle vittime della crisi degli oppioidi lo scorso anno, rimangono una delle famiglie più ricche del mondo e si sono rifiutati di scusarsi per il loro ruolo nella costruzione di un impero del dolore che ha causato centinaia di migliaia di morti. .

Invece, la famiglia ha cercato di lucidare la propria immagine attraverso la filantropia, sponsorizzando molte delle istituzioni artistiche e culturali più prestigiose del mondo. Questi includono il Guggenheim Museum e il Metropolitan Museum of Art di New York City, la Yale University, il British Museum e la Royal Academy di Londra.

Un gruppo colpito in modo sproporzionato dagli oppioidi come OxyContin, eroina e fentanil sono i veterani. Secondo il National Institutes of Health, i veterani hanno il doppio delle probabilità di morire per overdose rispetto alla popolazione generale. Uno dei motivi è la burocrazia. “L’Amministrazione dei Veterani ha svolto un pessimo lavoro di gestione del dolore negli ultimi decenni, in particolare con l’uso di oppioidi”, ha detto a MintPress Hoh, un ex marine, sottolineando che l’Amministrazione dei Veterani prescriveva oppioidi pericolosi a un ritmo più elevato rispetto a altre strutture sanitarie.

Gli ex soldati spesso lottano con dolori cronici e lesioni cerebrali. Hoh ha sottolineato che circa un quarto di milione di veterani dell’Afghanistan e dell’Iraq hanno lesioni cerebrali traumatiche. A ciò si aggiungono le profonde ferite morali che molti hanno subito, ferite che di solito non possono essere viste. Come ha osservato Hoh:

I veterani si rivolgono a [oppioidi come il fentanil] per far fronte agli effetti mentali, emotivi e spirituali della guerra, li usano per alleviare l’angoscia, per cercare di trovare sollievo, per sfuggire alla depressione e per affrontare i demoni che arrivano a casa con i veterani che hanno combattuto in queste guerre”.

Se i talebani continuassero il loro programma di sradicamento dell’oppio, ciò potrebbe innescare una crisi del fentanil che potrebbe uccidere più americani di quanti ne avrebbero uccisi i vent’anni di occupazione.

SOCIETÀ ROTTA

Se le malattie della disperazione sono diffuse negli Stati Uniti, lo sono anche nello stesso Afghanistan. Un rapporto globale pubblicato a marzo ha dimostrato che gli afgani sono di gran lunga le persone più infelici del mondo. Gli afghani hanno valutato la loro vita 1,8 su 10: questo è l’ultimo posto e molto dietro al leader finlandese (7,8 punti su 10).

La dipendenza da oppio è fuori controllo in Afghanistan: circa il 9% della popolazione adulta (e un numero significativo di bambini) è dipendente. Tra il 2005 e il 2015, secondo le Nazioni Unite, il numero di consumatori adulti di droga è passato da 900.000 a 2,4 milioni, e si stima che quasi una famiglia su tre sia direttamente colpita dalla dipendenza. Poiché l’oppio viene spesso iniettato, sono diffuse anche malattie trasmesse per via ematica come l’HIV.

Il problema degli oppioidi si è diffuso anche nei paesi vicini come Iran e Pakistan. Un rapporto delle Nazioni Unite del 2013 stima che quasi 2,5 milioni di pakistani abusano di oppioidi, compreso l’11% delle persone nella provincia nordoccidentale di Khyber Pakhtunkhwa. Ogni giorno circa 700 persone muoiono per overdose.

IMPERO DELLA DROGA

Considerata la loro storia, è forse comprensibile che i paesi asiatici abbiano generalmente adottato misure molto più autoritarie per combattere la tossicodipendenza. Usare il traffico illegale di droga per raggiungere obiettivi imperiali è stata per secoli una tattica occidentale comune. Negli anni Quaranta e Cinquanta, i francesi utilizzarono la coltivazione dell’oppio nella regione del “Triangolo d’oro” del sud-est asiatico per combattere il crescente movimento indipendentista vietnamita.

Un secolo prima, gli inglesi usarono l’oppio per opprimere e conquistare gran parte della Cina. L’insaziabile sete di tè cinese degli inglesi portò gradualmente il paese alla bancarotta, poiché la Cina accettava in cambio solo oro o argento. Gli inglesi quindi usarono la potenza della loro marina per costringere la Cina a cedere loro Hong Kong. Da lì inondarono la Cina continentale con l’oppio coltivato nell’Asia meridionale (compreso l’Afghanistan).

Gli effetti della guerra dell’oppio furono sorprendenti. Nel 1880, gli inglesi inondavano la Cina con più di 6.500 tonnellate di oppio all’anno. La società cinese crollò, incapace di far fronte alle turbolenze sociali ed economiche che crearono milioni di tossicodipendenti da oppio in tutto l’impero. Ancora oggi i cinesi chiamano questo periodo il “secolo dell’umiliazione”.

Nell’Asia meridionale, gli inglesi costrinsero gli agricoltori a coltivare papaveri invece di colture commestibili, provocando massicce carestie come non si erano mai viste prima o dopo.

E negli anni ’80, gli Stati Uniti vendettero armi all’Iran per finanziare gli squadroni della morte di estrema destra Contras in America Centrale. I Contras erano profondamente coinvolti nel traffico di cocaina e finanziarono la loro sporca guerra vendendo crack negli Stati Uniti – una pratica sostenuta dalla Central Intelligence Agency, secondo il giornalista Gary Webb.

Imperialismo e droghe illegali quindi spesso vanno di pari passo. Tuttavia, con l’eradicazione dell’oppio da parte dei Talebani ben avviata, è possibile che gli Stati Uniti soffriranno per gli anni a venire del fenomeno tipicamente americano della dipendenza da oppioidi. È probabile che l’epidemia mortale del fentanil peggiori, mietendo inutilmente centinaia di migliaia di vite americane in più. Anche se l’Afghanistan cerca di liberarsi dal suo mortale problema della droga, le sue azioni potrebbero innescare un’epidemia che ucciderà più americani di qualsiasi precedente tentativo imperiale di Washington.

FONTE: IL MASSICCIO SUCCESSO DELL’ERADICAZIONE DELL’OPPIO DA PARTE DEI TALEBANI SOLLEVA INTERROGATIVI SU CIÒ CHE GLI STATI UNITI STAVANO FACENDO DA SEMPRE


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio