Storia e Cultura

La Corsa verso il precipizio dell’Industria: Come le Aziende Scommettono sugli influencer LGBTQIA+ per il Punteggio di Credito Sociale e poi ne Pagano il Prezzo

Un report investigativo di aprile del NY Post ha messo in luce il motivo per cui i dirigenti di alto livello di grandi aziende come Nike, Disney, North Face e Anheuser-Busch stanno spingendo la promozione del marchio verso controversi influencer transgender come Dylan Mulvaney.

Profondamente immersi nel cuore di una questione complessa, riprendiamo il filo dell’indagine esposta nella prima parte dell’inchiesta “MONDO IN TRANSITO, MONDO TRANSGENDER” e MONDO IN TRANSITO, MONDO TRANSGENICO (Parte 2) pubblicata da News Academy Italia. In questa inchiesta abbiamo analizzato le profonde trasformazioni nel sistema educativo italiano attraverso l’adozione della “carriera alias” in oltre 200 istituti scolastici. Tale mossa, spinta da associazioni private in stretta connessione con le comunità LGBTQ+, ha introdotto metodologie educative inerenti all’orientamento sessuale e all’identità di genere, sollevando interrogativi sulla compatibilità con il curriculum tradizionale.

In questa tappa successiva, dirigiamo l’attenzione su aziende di spicco come Nike, Disney, North Face e Anheuser-Busch. Il mondo dell’industria è attualmente chiamato a coinvolgere influencer dei social media, specialmente quelli che si identificano come transgender, al fine di preservare il loro rating nel prestigioso Corporate Equality Index (CEI).

Se le aziende non faranno questo tipo di scelte includendo influencer transgender, rischieranno di perdere il loro prezioso “punteggio di credito sociale” nel Corporate Equality Index (CEI).

Secondo quanto riferito, la CEI è supervisionata dalla Human Rights Campaign (HRC), che è il più grande gruppo di pressione politica LGBTQ+ al mondo. Anche la Open Society Foundation di George Soros ha incanalato milioni in HRC.

Il punteggio di credito sociale può svolgere un ruolo fondamentale in ciò che qualifica o distrugge un’azienda. Le aziende possono raggiungere un massimo di 100 punti totali e ottenere il titolo di “Miglior posto di lavoro per l’uguaglianza LGBTQ”. L’anno scorso, 15 delle prime 20 società classificate da Fortune hanno ricevuto valutazioni del 100%.

La Corsa verso il precipizio dell'Industria: Come le Aziende Scommettono sugli influencer LGBTQIA+ per il Punteggio di Credito Sociale e poi ne Pagano il Prezzo News Academy Italia

Per ricevere un punteggio elevato, le aziende devono considerare le seguenti categorie: “Protezione della forza lavoro”, “Benefici inclusivi”, “Supporto a una cultura inclusiva”, “Responsabilità sociale d’impresa e cittadinanza responsabile”. Le aziende che non soddisfano i criteri perdono punti.

Questa settimana la Disney ha collaborato con il controverso influencer di TikTok Seann Altman che si traveste in un video tutorial rivolto ai bambini. In soli 73 secondi, Altman mostra come vestirsi da Minnie Mouse.

@seannaltman #ad Minnie is ME! I fit right in with Mickey and his friends! @disneystyle #mickeyfriendsstaytrue #Disney100 #grwm #ootd #minniemouse #disneyoutfits #disneycosplay ♬ original sound – Seann Altman
La Corsa verso il precipizio dell'Industria: Come le Aziende Scommettono sugli influencer LGBTQIA+ per il Punteggio di Credito Sociale e poi ne Pagano il Prezzo News Academy Italia
Seann Altman – Altman si descrive come gay e gender-fluid, ma usa i pronomi “lui/egli”, secondo il suo profilo Instagram.

Nell’aprile 2023, Bud Light ha suscitato polemiche dopo aver collaborato con l’influencer transgender Dylan Mulvaney per celebrare l’anniversario di un anno di “femminilità” di Mulvaney. Bud Light ha prodotto lattine di birra per onorare il passaggio di Mulvaney da maschio a femmina.

La Corsa verso il precipizio dell'Industria: Come le Aziende Scommettono sugli influencer LGBTQIA+ per il Punteggio di Credito Sociale e poi ne Pagano il Prezzo News Academy Italia
l’influencer transgender Dylan Mulvaney

Anheuser-Busch, la società madre di Bud Light, ha annunciato di aver avviato significativi licenziamenti a seguito del contraccolpo nazionale e dei boicottaggi contro la società. L’azienda produttrice di birra ha licenziato circa 350 dipendenti. Non è chiaro se siano in arrivo altri licenziamenti poiché le vendite dell’azienda sono crollate. Finora, secondo quanto riferito, Anheuser-Busch ha licenziato il 2% della sua forza lavoro statunitense, principalmente in ruoli aziendali e di marketing.

“Minnie sono IO! Mi sono adattato perfettamente a Mickey e ai suoi amici! Altman ha scritto come didascalia. “Sembro letteralmente Minnie Mouse!” dice eccitato.

Secondo quanto riferito, la Disney è in cattive condizioni e alle prese con gravi problemi finanziari nel 2023 dopo essersi “svegliata”. La società ha notoriamente preso posizione contro il governatore della Florida Ron DeSantis e ha sostenuto gli insegnanti che decidono di insegnare ai bambini al di sotto della terza elementare l’orientamento sessuale e l’identità di genere senza il coinvolgimento dei genitori.

Il presidente dell’azienda Karey Burke ha promesso di prendere di mira i bambini cambiando il 50% di tutti i personaggi Disney in “LGBTQIA e minoranze razziali”. Un analista finanziario di Valliant Renegade ha stimato che la Disney ha perso quasi 1 miliardo di dollari durante l’uscita di otto film da giugno 2022 a giugno di quest’anno.

La Corsa verso il precipizio dell'Industria: Come le Aziende Scommettono sugli influencer LGBTQIA+ per il Punteggio di Credito Sociale e poi ne Pagano il Prezzo News Academy Italia

“La Disney sta sanguinando al botteghino”, ha spiegato l’analista. La produzione dei film Disney è costata 2,75 miliardi di dollari, ma il mercato ha restituito solo 1,86 miliardi di dollari. Ciò ha comportato una perdita sbalorditiva di $ 890 milioni. I film includono “Lightyear”, “Thor: Love and Thunder”, “Strange World”, “Black Panther: Wakanda Forever”, “Ant-Man and the Wasp: Quantumania”, “Guardians of the Galaxy Vol. 3”, “La sirenetta” e “Elemental”.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Davide Donateo

Fondatore, Editore e Direttore Editoriale di News Academy, con una notevole esperienza, già fondatore di Database Italia e della casa editrice inglese Database International. Autore esperto nel campo della geopolitica e dell'OSINT (Open Source Intelligence), impegnato nella produzione di analisi approfondite e informazioni di alta qualità. Notevole Il suo impegno nel diffondere consapevolezza e conoscenza su temi cruciali che modellano il mondo contemporaneo.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio