Scienze e Salute

L’Idea di Virus che Sfuggono da un Laboratorio è “Assurda”. Ecco perchè

“Questa idea che un virus manipolato possa sfuggire da un laboratorio e poi infettare il mondo intero è assurda – completamente assurda. E Ralph Baric lo ha spiegato in modo elegante… Ma possono produrre tossine… come la proteina Spike.”

Sasha Latypova, ex direttrice della ricerca e sviluppo nell’industria farmaceutica, descrive a James Delingpole come “l’idea che un virus creato artificialmente possa sfuggire da un laboratorio e poi infettare il mondo intero è assurda”. Latypova sottolinea che nelle sue ricerche ha scoperto che Ralph Baric, noto per la sua ricerca sul “guadagno di funzione” alla UNC Chapel Hill e autore di lavori come “SARS-Like WIV-COV1 Poised for Human Emergence”, era a conoscenza di questo fatto. L’insider farmaceutico afferma però che è possibile produrre “tossine” come la “proteina Spike”.

“Prima di tutto, questa idea dei virus biotecnologicamente creati, cioè virus che sfuggono da un laboratorio – fa parte di una narrazione e di un’operazione psicologica per spaventare le persone. In questo modo possono dire: ‘Sì, abbiamo mentito dicendo che si tratta di una pandemia zoonotica naturale, ma in realtà la sicurezza nazionale era minacciata perché la Cina ci ha attaccato o perché hanno rilasciato un virus spaventoso dall’Ucraina. Questa è dunque la bugia di riserva. Se la prima bugia non funziona, ci sono altri scenari per preparare le persone”.

Latypova aggiunge:

“Tutto ciò è una bugia, perché nessuno può creare virus in laboratorio. Come detto in precedenza, un virus è un modello teorico. Esistono solo come modelli teorici. Sto esaminando il lavoro di Ralph Baric… [e] nel 2006 ha scritto un ottimo lavoro. Ed è in realtà un autore molto chiaro. E in questo saggio… ha spiegato che non si possono creare virus in laboratorio perché, per creare un virus, anche solo teoricamente… bisogna avere la sequenza esatta. Senza errori. E i virus… sono enormi – sono molecole enormi. Migliaia di coppie di basi. E quando si fa la sequenziazione per cercare di identificare la sequenza, si incontra sempre… un margine di errore, e questo costantemente. Quindi ha detto che, per trovare la sequenza senza errori del virus che causa una malattia o un problema, è necessaria questa sequenza senza errori [ma] nessuno ce l’ha. E anche se la si ha, bisogna sintetizzarla”.

L’insider farmaceutico descrive altri problemi nella creazione di virus artificiali:

È “una cosa smontare qualcosa e vedere quali sono i componenti, facendolo molto precisamente, ma la seconda parte è… come si può sintetizzare questa sequenza? E si affronta lo stesso problema. I loro processi sono soggetti a errori, quindi è impossibile ricostruire sinteticamente questa sequenza”.

“Supponiamo che si ottenga la sequenza esatta e la si sintetizzi senza errori, poi si disintegra immediatamente, perché sono molecole enormi che sono instabili”, aggiunge Latypova. “Per stabilizzarle, ora, bisogna impiegare enormi quantità di risorse. E poi il problema successivo è produrle in grandi quantità, non solo una volta, ma ripetutamente, giusto?

Dopo aver creato il virus senza errori:

“Poi bisogna infettare qualcuno. E ci si prova e riprova e non funziona. E poi supponiamo che si infetti qualcuno… poi questa persona – secondo la teoria – viene morsa da una scimmia, come nei film Outbreak e Contagion, e poi tutte le persone nel mondo si ammalano e muoiono. Beh, questo è assurdo, perché anche se una persona si ammala e, diciamo, emette qualche tossina e ha secrezioni secondarie… i casi secondari sono sempre molto più lievi… E poi non ci sono casi terziari. Quindi non si trasmette. Non si diffonde. Questa idea che un virus creato artificialmente sfugga da un laboratorio e poi infetti il mondo intero è quindi assurda – completamente assurda. E Ralph Baric lo ha spiegato elegantemente”.

Latypova sottolinea però che è possibile produrre e modificare tossine come la proteina Spike:

“Quello che fanno è prendere questo intero virus, che è composto da migliaia e migliaia di coppie di basi, quindi, immaginate, lo spiego come uno squalo. Se sei uno scienziato, studi uno squalo e scopri che la parte più pericolosa dello squalo sono i suoi denti. Allora dici: ‘Ok, non ho bisogno di tutto lo squalo, ho bisogno solo dei denti, posso creare i denti sinteticamente. Posso modificarli in vari modi, giusto? Posso farli più grandi, più larghi, più affilati… Quindi ora ho questo dente di squalo artificiale, e ora posso formulare un’ipotesi su uno squalo e inserirla nel nostro database dicendo: ‘Questo dente che ho fatto proviene da questo squalo che è metà squalo e metà drago’. E poi, poiché non lo sapete meglio… vi ho appena ingannati con questo database, ma è un database scientifico, e poi dico che lo produrrò in Ucraina e lo rilascerò da lì. È a questo che si riduce. Producono tossine che sembrano denti di squalo. Sinteticamente sono piccoli, possono essere stabilizzati in qualche modo, e producono tossine che sono grandi circa 90 kilodalton, e possono combinarle e modificarle, quindi le tossine che possono produrre, più o meno, e poi formulano un’ipotesi, e la tossina è quindi la proteina Spike. E possono produrre la proteina Spike sinteticamente, in modo più o meno coerente. E poi dicono, questa proteina Spike proviene da questo squalo drago che abbiamo nella banca genetica, e questo è il nostro virus SARS-CoV-2. Così funziona.”


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio