Scienze e Salute

Quattro tecnocrati stanno perseguendo progetti che rappresentano una minaccia esistenziale per il mondo

Quattro potenti miliardari – Peter Thiel, Elon Musk, Mark Zuckerberg e Marc Andreessen – stanno creando un mondo in cui “niente è vero e tutto è fiction”. Insieme hanno quattro progetti per perseguire le loro visioni: Web3, criptovaluta, colonizzazione interplanetaria e transumanesimo. Questi quattro progetti, insieme all’intelligenza artificiale, rappresentano una minaccia esistenziale per il mondo.

Quelli che seguono sono estratti da un articolo scritto da Jonathan Taplin pubblicato da Vanity Fair. Potete leggere l’articolo completo QUI .

Jonathan Taplin chiama Theil, Musk, Zuckerberg e Andreessen “I tecnocrati”, in riconoscimento dell’influenza del movimento tecnocratico, fondato negli anni ’30 dal nonno di Elon Musk, Joshua Haldeman .

I tecnocrati costituiscono una sorta di direzione interconnessa della Silicon Valley, ciascuno investe o siede nei consigli di amministrazione delle società degli altri. Il loro vasto dominio digitale controlla le tue informazioni personali; influenza il modo in cui miliardi di persone vivono, lavorano e amano; e semina il caos online, incitando alla violenza della folla e innescando corse alle azioni. Questi quattro uomini sono stati a lungo considerati eroi tecnologicamente progressisti, ma in realtà fanno parte di una più ampia svolta antidemocratica e autoritaria all’interno del mondo tecnologico, profondamente impegnati nel preservare lo status quo e nel mantenere le loro posizioni di leadership di mercato o di quasi monopolio. le loro fortune multimiliardarie sono protette da tasse più elevate. (“La competizione è per gli idioti”, ha affermato una volta Thiel.)

In effetti, sono oligarchi americani, che controllano l’accesso online di miliardi di utenti su Facebook, Twitter, Threads, Instagram e WhatsApp, compreso l’80% della popolazione statunitense. Inoltre, dall’esterno, sembrano essere più interessati a sostituire la nostra realtà attuale – e il nostro sistema economico, imperfetto com’è – con qualcosa di molto più opaco, concentrato e irresponsabile, che, se ciò dovesse accadere, controlleranno. .

I tecnocrati non nascondono il fatto che intendono alimentare il governo per finanziare alcuni dei loro progetti più oltraggiosi. E quattro dei progetti che stanno perseguendo per realizzare le loro visioni richiederanno decine di trilioni di dollari di capitale di investimento (per lo più pubblico) nei prossimi due decenni.

Il primo progetto, sostenuto da Andreessen , Thiel e Zuckerberg , è Web3, un mondo virtuale (il Metaverso) a cui si accede tramite visori di realtà virtuale (“VR”), che, nonostante tutti gli evidenti vantaggi che promette, potrebbe finire per convertire il web gratuito in un parco a tema online in cui ogni porta richiede un token crittografico per essere aperta.

Il secondo progetto è il supporto della criptovaluta.

Il terzo progetto prevede il sostegno al sogno irrealizzabile da 10 trilioni di dollari di Elon Musk di mandare gli esseri umani a vivere su Marte .

Il quarto progetto e il più inverosimile è il transumanesimo, un concetto caro al cuore di Peter Thiel . Per comprendere quale potrebbe essere la più grande bugia della Big Tech è necessario immergersi in profondità in questo movimento sociale, che si concentra sulla ricerca e sullo sviluppo di “tecnologie per il miglioramento umano” che un giorno potrebbero consentire alle persone di vivere fino a 160 anni o più. Inutile dire che l’accesso a questi sistemi di estensione dell’età, che non sono ancora stati inventati, sarà incredibilmente costoso, quindi, secondo questo schema, gli unici destinati a sopravvivere fino al secondo secolo saranno probabilmente i multimilionari.

Questi quattro progetti – il Metaverso, la criptovaluta, la colonizzazione interplanetaria e il transumanesimo, per non parlare dell’intelligenza artificiale (“AI”) – rappresentano un rischio esistenziale per il mondo in termini politici, economici e, forse più fondamentalmente, morali.

Il pericolo morale deriva dal fatto che tutti e quattro i progetti incarnano i primi passi verso un transumanesimo realizzato. I transumanisti credono che i miglioramenti tecnologici e biologici consentiranno agli esseri umani di vivere per diverse vite, migrare su altri pianeti e unire il nostro cervello con i computer in modo che le nostre coscienze individuali possano vivere per sempre.

Web3 è il primo passo verso un potenziamento tecnologico umano indossabile. Vivere su Marte richiederebbe un potenziamento tecnologico permanente. E lo stesso transumanesimo prevede un punto in cui l’uomo e la macchina si fondono in una nuova specie di cyborg.

È un movimento che annullerebbe l’idea alla base del liberalismo politico: uguali diritti per tutti. Invece, la propria ricchezza determinerebbe le proprie prospettive future. Il transumanesimo è, per citare il filosofo e politologo Francis Fukuyama, “l’idea più pericolosa del mondo”.

Il transumanesimo prevede un futuro in cui l’intelligenza artificiale e i robot, governati dai tecnocrati, svolgeranno la maggior parte del lavoro, e una parte significativa della popolazione resterà a casa, vivendo una vita fantastica nel Metaverso, sopravvivendo con criptovalute universali pagate dal governo. reddito di base, che coprirebbe la bolletta della banda larga e i micropagamenti Metacoin per tutti i concerti e i club a cui partecipi virtualmente. Chiunque pensi che questa sia una sorta di fantasia distopica dovrebbe visitare la struttura di ricerca e sviluppo di Amazon per vedere il futuro di interi magazzini gestiti da cinque umani e 5.000 robot.

Nick Bostrom, il filosofo dell’Università di Oxford considerato il decano degli studi transumanisti, ha scritto ” Superintelligence “, sostenendo che ci stiamo avvicinando al punto in cui l’intelligenza artificiale supererà l’intelligenza umana. Bostrom avverte che se ciò accadesse, questa nuova superintelligenza potrebbe soppiantare l’uomo come “forma di vita” dominante sulla Terra. Ciò significherebbe che le macchine quasi umane potrebbero migliorare continuamente la propria intelligenza molto più velocemente dei loro inventori completamente umani. Il mostro potrebbe facilmente rivoltarsi contro il dottor Frankenstein.

Mentre Bostrom (e altri, compreso Musk, come ha messo in guardia ) credono che potremmo andare verso una catastrofe esistenziale, l’informatico Ray Kurzweil vede questa singolarità con ottimismo. Kurzweil è ben noto per il suo sostegno alla Singolarità, che profetizza la fine dell’era umana e l’alba di un nuovo tipo di superintelligenza che continuerà ad aggiornarsi e ad avanzare tecnologicamente a un ritmo insondabile.

Non dobbiamo aspettare che Singularity veda il lato negativo morale del progetto transumanista: l’idea che gli esseri umani dovrebbero trascendere il loro attuale stato naturale e i loro limiti attraverso l’uso della tecnologia. Questo perché qualunque problema abbiamo attualmente con la disuguaglianza sociale sarà moltiplicato in modo esponenziale per il tipo di miglioramenti biologici che Thiel e altri stanno seriamente contemplando. Se le persone resistono o gli viene negato il miglioramento, col tempo diventeranno sottomesse alla classe potenziata.

Tutti e quattro i Tecnocrati possono essere descritti come libertari. I libertari in generale sostengono che se il miglioramento genetico o tecnologico degli esseri umani fosse possibile, dovrebbe essere concessa loro la libertà di migliorare la propria intelligenza, personalizzare il proprio aspetto o allungare la durata della vita. Ma questi miglioramenti non saranno economici e, una volta che l’élite avrà accesso ad essi, coloro che non sono potenziati dovranno lottare per acquisire i miglioramenti biologici necessari per rimanere nella nuova corsa al successo.

Uno degli uomini che coniò il termine transumanesimo (insieme a Julian Huxley) fu il crittologo inglese Irving John Good. Good scrisse nel 1965: “Poiché la progettazione delle macchine è una di queste attività intellettuali, una macchina ultra-intelligente potrebbe progettare macchine ancora migliori; allora ci sarebbe senza dubbio una “esplosione dell’intelligenza” e l’intelligenza dell’uomo rimarrebbe molto indietro. Pertanto, la prima macchina ultra-intelligente è l’ultima invenzione che l’uomo avrà bisogno di realizzare”. ChatGPT ci porta in quella direzione.

Come ha osservato l’analista di intelligenza artificiale Eliezer Yudkowsky, co-fondatore del Machine Intelligence Research Institute, “Molte persone ambiziose trovano molto meno spaventoso pensare di distruggere il mondo piuttosto che pensare di non arrivare mai a nulla. Tutte le persone che ho incontrato e che pensano di conquistare fama eterna grazie ai loro progetti di intelligenza artificiale sono così”.

Questa non è fantascienza. Il filosofo britannico Toby Ord, nel suo innovativo ” Il precipizio: il rischio esistenziale e il futuro dell’umanità “, descrive il seguente scenario molto reale che molti ricercatori sull’intelligenza artificiale temono:

[La super IA] potrebbe quindi prendere il controllo di milioni di sistemi non protetti su Internet, formando una grande “botnet”. Ciò comporterebbe un vasto aumento delle risorse computazionali e fornirebbe una piattaforma per aumentare la potenza. Da lì, potrebbe ottenere risorse finanziarie (hackerare i conti bancari su quei computer) e risorse umane (usando il ricatto o la propaganda contro le persone sensibili o semplicemente pagandole con il denaro rubato). Sarebbe quindi potente quanto un mondo criminale dotato di risorse, ma molto più difficile da eliminare. Nessuno di questi passaggi implica nulla di misterioso: hacker e criminali con un’intelligenza di livello umano hanno già fatto tutte queste cose utilizzando solo Internet.

Le persone che stanno inventando questo mondo di intelligenza super-macchina e ingegneria biologica tendono a non credere nella religione. Ma vogliono essere dei. Come sosteneva lo scrittore e commentatore GK Chesterton nel 1932: “La verità è che l’irreligione è l’oppio dei popoli. Ovunque le persone non credano in qualcosa che va oltre il mondo, adoreranno il mondo. Ma soprattutto adoreranno la cosa più forte del mondo”. Oggi la cosa più forte al mondo è la Big Technology. Finché non smetteremo di adorare nel tempio dei Santi Pietro o Elon o Zuck o Marc, rimarremo intrappolati nel futuro che loro desiderano.

Leggi l’articolo completo “Come Musk, Thiel, Zuckerberg e Andreessen – quattro tecno-oligarchi miliardari – stanno creando una realtà alternativa e autocratica” QUI .


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio