GeopoliticaItaliaNews

RT| Italia Rimprovera Pubblicamente Macron per le Dichiarazioni sull’Intervento in Ucraina

Le dichiarazioni di Emmanuel Macron sulla possibilità di inviare forze occidentali in Ucraina non hanno fatto altro che aumentare le tensioni e non servono a nessun altro scopo, ha detto sabato il ministro della Difesa italiano Guido Crosetto.
Leggi anche: Macron Continua a screditare la Francia Commettendo un Errore Dopo l’Altro sul Fronte della Politica Estera

I suoi commenti arrivano dopo che il presidente francese ha dichiarato in un’intervista a The Economist questa settimana che il suo paese potrebbe prendere in considerazione l’invio di truppe per aiutare Kiev “se i russi dovessero sfondare le linee del fronte” e se ci fosse una “richiesta ucraina” per tale scopo di assistenza. Macron ha anche delineato il suo obiettivo strategico di assicurarsi che la Russia non vinca in Ucraina, sostenendo che un simile sviluppo minaccerebbe la sicurezza europea.

Crosetto ha affermato al Corriere della Sera che, se personalmente non può giudicare il presidente di un “Paese amico come la Francia”, allo stesso tempo non riesce a comprendere “lo scopo e l’utilità di queste dichiarazioni, che oggettivamente non fanno altro che aumentare la tensione”.
Leggi anche: Salvini: Emmanuel Macron rappresenta “un pericolo” per l’Europa

Il Ministro ha inoltre escluso la possibilità che l’Italia invii le proprie forze per intervenire direttamente nel conflitto ucraino“A differenza di altri, nel nostro ordinamento abbiamo un divieto esplicito di interventi militari diretti, al di fuori di quanto previsto dalle leggi e dalla Costituzione“, ha spiegato Crosetto“Possiamo prevedere interventi armati solo a seguito di un mandato internazionale, ad esempio nell’attuazione di una risoluzione delle Nazioni Unite”.

Ha inoltre osservato che, oltre all’impossibilità di inviare truppe italiane in Ucraina, ciò “innescherebbe un’ulteriore spirale del conflitto, di cui non gioverebbero soprattutto gli stessi ucraini”.

«Insomma, non ci sono le condizioni per un nostro coinvolgimento diretto», ha detto Crosetto.

Gli ultimi accenni di Macron ad un coinvolgimento diretto dell’Occidente sul terreno in Ucraina sono stati respinti anche da altri paesi della NATO, in particolare Ungheria e Slovacchia.

Il ministro degli Esteri ungherese Peter Szijjarto ha condannato le osservazioni del presidente francese, spiegando che se un membro della NATO “impegna truppe di terra, ci sarà uno scontro diretto NATO-Russia e sarà allora la Terza Guerra Mondiale”.

Il primo ministro slovacco Robert Fico ha anche sottolineato che la NATO non ha alcuna giustificazione per inviare truppe in Ucraina perché il paese non è uno Stato membro e ha promesso che “nessun soldato slovacco metterà piede oltre il confine slovacco-ucraino”.

Nel frattempo, il ministro degli Esteri britannico David Cameron ha dichiarato che, mentre Londra intende continuare a fornire all’Ucraina armi, che secondo lui Kiev ha il diritto di usare contro obiettivi in ​​Russia, in realtà l’invio di soldati della NATO nel paese costituirebbe una pericolosa escalation”.

Mosca ha ripetutamente messo in guardia l’Occidente dall’invio di truppe in Ucraina, sottolineando che sarebbe costretto ad attaccarli se prendessero parte direttamente al conflitto. La portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha scritto venerdì su Telegram che “non rimarrà nulla” delle forze NATO se verranno inviate in prima linea in Ucraina.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *
Fonti
RT

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio