EconomiaEsteriItaliaNews

La Grecia Apripista: Dal Portafoglio di Identità Digitale ‘Volontario’ dell’UE all’Obbligo Discriminatorio

All’insaputa della maggior parte dei cittadini dell’UE, ad esclusione ovviamente dei lettori di News Academy Italia, l’identità digitale è ora una realtà legale in tutti i 27 paesi del blocco. Il 28 febbraio, il Parlamento europeo ha dato la sua approvazione definitiva al regolamento sull’identità digitale della Commissione europea con un’ampia maggioranza di 335 voti favorevoli, 190 contrari e 31 astensioni. Il Consiglio dei ministri dell’UE ha dato la sua benedizione il 26 marzo. Secondo la Commissione, il prossimo passo sarà la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale e l’entrata in vigore 20 giorni dopo, che secondo i miei calcoli avverrà in soli tre giorni.

Il regolamento dell’UE obbliga tutti gli Stati membri a mettere a disposizione di ogni cittadino che ne desidera uno un portafoglio di identità digitale. Questo è il modo in cui il nuovo sistema viene attualmente commercializzato: come un extra opzionale per i cittadini che vogliono usufruire dei suoi numerosi vantaggi. Il portafoglio può essere utilizzato per memorizzare cognomi, nomi, date e luogo di nascita, sesso o nazionalità delle persone, nonché per consentire agli europei di identificarsi online. I suoi vantaggi pubblicizzati includono la semplificazione dell’accesso ai servizi del settore pubblico e privato attraverso i confini dell’UE, il contributo a snellire la burocrazia e a ridurre i rischi di frode digitale e altre forme di criminalità informatica.

Questa sarebbe una grande notizia dato il potenziale dell’identità digitale di trasformare, nel bene e nel male, una miriade di aspetti della vita dei cittadini dell’UE. Eppure è stato accolto da un muro di silenzio sia nei media mainstream che nei social media. Una volta stabiliti i sistemi di identificazione digitale, lo scorrimento della missione è quasi garantito. Non credete a me; prendiamo quello che dice l’appaltatore della difesa Thales Group, una società che ricava la maggior parte dei suoi profitti dalle armi e dalla guerra ma che è anche una delle forze trainanti dietro lo sviluppo di programmi di identità digitale in tutto il mondo, compresi quelli dell’UE:

Thales Group lo ha pubblicato in un blog interno scritto dal suo responsabile del portafoglio di servizi di identità digitale, Kristel Teyras.

L’ambizione è enorme; sia in termini di portata – come si applica a tutti gli Stati membri dell’UE – sia anche in termini di potere che concederebbe ai cittadini di tutto il blocco. Per la prima volta, i cittadini sarebbero in grado di utilizzare un portafoglio di identità digitale europeo, dal proprio telefono, che darebbe loro accesso ai servizi in qualsiasi regione d’Europa.

Da notare l’uso del verbo “sarebbe in grado di” da parte di Teyras nella seconda frase. Come sottolinea il giornalista finanziario tedesco Norbert Häring, “se vogliamo togliere la patina… dovremmo solo sostituire ‘potere’ con ‘dovere’.”

“Sembra molto più spaventoso, non è vero?” chiede Häring.

Come mostra la seguente infografica del World Economic Forum, un vero e proprio sistema di identità digitale, così come concepito attualmente, potrebbe finire per toccare praticamente ogni aspetto della nostra vita, dalla nostra salute (compresi i vaccini che dovremmo ricevere) al nostro benessere. denaro (in particolare una volta lanciate le valute digitali delle banche centrali), alle nostre attività commerciali, alle nostre comunicazioni private e pubbliche, alle informazioni a cui possiamo accedere, ai nostri rapporti con il governo, al cibo che mangiamo e ai beni che acquistiamo. Potrebbe anche offrire ai governi e alle aziende con cui collaborano livelli senza precedenti di poteri di sorveglianza e controllo.

La Grecia Apripista: Dal Portafoglio di Identità Digitale 'Volontario' dell'UE all'Obbligo Discriminatorio News Academy Italia

Volontario o no?

In un rapporto del 2018 sugli ID digitali, il WEF ha ammesso che, mentre le identità digitali verificabili “creano nuovi mercati e linee di business” per le aziende, in particolare quelle del settore tecnologico che aiutano a gestire i sistemi di identificazione aspirando senza dubbio i dati, per gli individui “aprono (o chiudono) il mondo digitale con i suoi posti di lavoro, attività politiche, istruzione, servizi finanziari, assistenza sanitaria e altro ancora”. È la parte tra parentesi – la “chiusura” del regno digitale (e in una certa misura, analogico) – che dovrebbe preoccupare tutti noi.

Ma secondo la Commissione i cittadini dell’UE non hanno nulla da temere. Il portafoglio di identità digitale, si legge, sarà utilizzato su base strettamente volontaria e “nessuno potrà essere discriminato per non aver utilizzato il portafoglio”. Eppure questo è esattamente ciò che l’UE ha affermato riguardo al certificato digitale COVID-19 diffuso in tutta l’UE nell’estate del 2021.

La legislazione Green Pass stabiliva che “l’emissione di certificati non dovrebbe comportare trattamenti differenziati e discriminazioni basate sullo stato di vaccinazione o sul possesso di un certificato specifico”. Eppure, a pochi mesi dal suo lancio, è stato utilizzato dagli Stati membri per vietare alle persone di viaggiare, di accedere a molti spazi pubblici e, in alcuni casi , anche di poter lavorare. In Austria il governo ha bloccato circa due milioni di persone per non essere state vaccinate, in un momento (novembre 2021) in cui era già chiaro che i vaccini erano eccessivamente permeabili.

Come per il certificato di vaccinazione, l’obiettivo iniziale anche per quanto riguarda il portafoglio di identità digitale è quello di raggiungere una diffusione quanto più ampia possibile nel più breve tempo possibile. E il governo greco ha appena fornito un suggerimento su come ciò potrebbe essere raggiunto: subordinando l’accesso a determinati servizi e spazi pubblici – in questo caso, gli stadi sportivi – al possesso del portafoglio di identità digitale. Dal sito web ufficiale della biglietteria del governo (tradotto automaticamente):

Ritorniamo in campo in modo digitale e sicuro!

Dal 9 aprile 2024, il Gov.gr Wallet, il Portafoglio Digitale che abbiamo sul nostro cellulare, sarà lo “strumento” necessario per ogni appassionato di sport che vorrà seguire la sua squadra del cuore. Il modo in cui i tifosi entrano negli stadi di tutto il paese verrà ora effettuato tramite il Portafoglio Gov.gr…

Sulla base della decisione ministeriale congiunta del viceministro dello sport Yiannis Vroutsis e del ministro della governance digitale Dimitris Papastergiou, la nuova modalità di ingresso negli stadi con il biglietto Gov.gr Wallet entrerà in vigore dal 9 aprile 2024.

Tuttavia, su richiesta delle Associazioni e dei Club Sportivi, per essere adeguatamente preparati e per dare il necessario tempo di adattamento ai tifosi, sarà possibile entrare negli stadi, sia con le modalità che avvenivano prima del 9 aprile, sia così come con il biglietto in Gov.gr Wallet, fino alla fine della stagione in corso.

Naturalmente, questa politica contraddice direttamente le ripetute assicurazioni della Commissione secondo cui il portafoglio di identità digitale è puramente facoltativo e che i cittadini dell’UE non subiranno discriminazioni per non utilizzarne uno. In un recente comunicato stampa , la Commissione afferma che nel mercanteggiamento sulla legislazione sull’identità digitale, “gli eurodeputati hanno ottenuto disposizioni per salvaguardare i diritti dei cittadini e promuovere un sistema digitale inclusivo evitando la discriminazione contro le persone che scelgono di non utilizzare il portafoglio digitale”.

Ciò significa quindi che le autorità dell’UE rimprovereranno il governo greco per aver annunciato la sua intenzione di discriminare gli appassionati di sport che non vogliono utilizzare il portafoglio di identità digitale, anche prima che il regolamento dell’UE entri in vigore? Quasi certamente no. Al contrario, la Commissione probabilmente ha già dato la sua tacita approvazione alle nuove regole del governo greco. Se la recente esperienza con i certificati COVID-19 può servire da guida, molti altri governi presto seguiranno l’esempio con le proprie forme di misure di esclusione.

La minaccia di esclusione dall’uso dei servizi di base, dallo svolgimento di procedure amministrative di base o, come in questo caso, dall’accesso agli spazi pubblici sarà il mezzo principale con cui l’UE spera di raggiungere una massa critica con il suo programma di identificazione digitale. Come riporta Ekathimerini , rendere obbligatoria l’identificazione digitale per l’ingresso negli stadi è visto come un modo per “espandere” l’utilizzo dell’applicazione. Secondo il Ministero greco per la governance digitale, finora 1.877.032 persone hanno scaricato il portafoglio di identità digitale dal suo lancio nel luglio 2022. Si tratta di circa il 17% della popolazione. 

Allo stesso tempo, l’UE è in trattative dirette con gli Stati Uniti per allineare i propri standard di identità digitale. Sebbene Washington sia significativamente in ritardo rispetto a Bruxelles in questo ambito, con la maggior parte degli sforzi di identificazione digitale che si svolgono a livello statale attraverso il lancio delle patenti di guida mobili (mDL), entrambe le parti stanno lavorando per rendere compatibili gli standard tecnici per l’identità digitale.

Echi di Aadhaar?

L’UE non è il primo governo ad aver lanciato un programma di identità digitale con la premessa che funzionerà su base puramente volontaria. Il sistema Aadhaar indiano, il più grande sistema di identificazione digitale biometrica del mondo, è stato inizialmente introdotto come un modo volontario per migliorare l’erogazione dei servizi di welfare. Ma il governo Modi ha rapidamente ampliato la sua portata rendendola  obbligatoria per i programmi di welfare e i benefici statali.
Leggi l’articolo:La marcatura biometrico-digitale universale di tutti i cittadini della terra diventa realtà

La missione inquietante non è finita qui. Aadhaar è diventata quasi necessaria per accedere a una pletora di servizi del settore privato, tra cui cartelle cliniche, conti bancari e pagamenti delle pensioni. Altri scenari in cui il governo Modi ha incaricato Aadhaar di facilitare i servizi governativi includono la dichiarazione dei redditi, la registrazione della carta SIM mobile, la verifica Know Your Customer (KYC) per gli investimenti in fondi comuni di investimento e le richieste di “certificati di vita digitali”..

Sono in corso anche piani per collegare la registrazione degli elettori ad Aadhaar, nonostante gli evidenti difetti di sicurezza del sistema. Oltre alla grave vulnerabilità dei suoi sistemi di archiviazione e accesso ai dati, Aadhaar presenta molti altri aspetti negativi, come ho notato in Scanned :

Per cominciare, tiene traccia dei movimenti degli utenti tra le città, del loro stato occupazionale e dei record di acquisto. Si tratta di un sistema di credito sociale de facto che funge da punto di ingresso chiave per l’accesso ai servizi in India. Se da un lato il sistema ha contribuito ad accelerare e ripulire la burocrazia indiana, dall’altro ha anche aumentato massicciamente i poteri di sorveglianza del governo indiano ed ha escluso oltre 100 milioni di persone dai programmi di welfare e dai servizi di base.

Un numero crescente di organizzazioni per i diritti umani ha segnalato le preoccupazioni per la fretta mondiale dei governi e dei loro partner del settore privato di implementare sistemi di identità digitale. Nel giugno 2022, il Center for Human Rights and Global Justice , un “hub per lo studio sui diritti umani” presso la School of Law della New York University (NYU), ha pubblicato un rapporto di 100 pagine che mette in guardia sui crescenti pericoli posti dai programmi di identità digitale. Il rapporto, intitolato Paving a Digital Road to Hell? , ha esaminato il ruolo della Banca Mondiale e di altre reti internazionali nel promuovere l’uso dell’identità digitale negli ultimi anni.
Leggi anche:Il “Global Digital Id”è Ormai Alle Porte: Bill Gates e la Sua Chiamata ai Leader Mondiali sotto il Pretesto di Combattere la Povertà.

“Invece di fornire un certificato di nascita, questi nuovi sistemi contribuiranno a creare “infrastrutture pubbliche digitali” come parte di uno “stack digitale” per “consentire transazioni senza carta, senza contanti, remote e basate sui dati”…

Questo approccio economico all’identità può portare a nuove forme di coercizione e di sfruttamento delle popolazioni povere e dei loro dati da parte del settore pubblico e privato, come hanno sottolineatoi critici del sistema Aadhaar

Nel frattempo, i governi del Sud del mondo stanno assumendo ingenti debiti e spendendo milioni di fondi pubblici in contratti con fornitori privati ​​per costruire sistemi biometrici che possono diventare troppo facilmente sistemi di esclusione, sorveglianza e repressione. La Banca mondiale fa di tutto per affermare che i dati biometrici non sono necessari. Ma sottolineando i loro vantaggi in tutta la sua documentazione, l’iniziativa ID4D ha contribuito a normalizzare l’uso estensivo della biometria nei sistemi di identificazione digitale.

Questo rapporto denuncia la Banca Mondiale e la sua iniziativa Identity for Development (ID4D) come oggetto di disprezzo, sottolineando anche che il programma è stato avviato con un “investimento catalizzatore” da parte della Fondazione Bill & Melinda Gates, della Rete Omidyar, nonché di governi come Regno Unito e Francia.

“Abbiamo notato che la Banca Mondiale e la sua iniziativa ID4D non sono le sole a perseguire l’agenda dell’identità digitale. Esistono all’interno di una rete globale di organizzazioni e individui”, comprese fondazioni filantropiche, istituzioni finanziarie e “società biometriche private come Idemia, Thales e Gemalto”.

Il rapporto raccomanda una serie di azioni, tra cui il rallentamento dei processi in modo da prestare maggiore attenzione e rendere più pubbliche le discussioni sui sistemi di identificazione digitale. Come ho notato in precedenza, i programmi di identità digitale e le valute digitali delle banche centrali sono tra le questioni più importanti con cui le società di oggi potrebbero confrontarsi poiché minacciano di trasformare le nostre vite al di là del riconoscimento, garantendo ai governi e ai loro partner aziendali un controllo molto più granulare sulle nostre vite. Data la posta in gioco, dovrebbero essere discussi in ogni parlamento di ogni paese e in ogni tavolo da pranzo di ogni paese del mondo. Il fatto che non lo siano la dice lunga sugli interessi che dovrebbero servire.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio