EsteriNews

Sorridi! Il Nuovo Satellite Finanziato da Bill Gates Ti Sta Fotografando!

Perché Bill Gates dovrebbe finanziare un’azienda che sta costruendo una nuova classe di satelliti in grado di scattare foto ad alta risoluzione dallo spazio? Beh, i tecnocrati, come gli uccelli, volano in stormi. Il loro obiettivo è ottenere il controllo dell’ambiente, del mondo fisico e di tutta l’umanità. Albedo Space è approvata per una risoluzione di 10 centimetri, ma punta a una risoluzione ancora maggiore.

Un cofondatore ha scritto nel 2021: “Riconosciamo le implicazioni sulla privacy e il potenziale di abuso”.

Ha poi continuato spiegando come essere preparati a prevenire gli abusi:

Ci aspettiamo che questo sia un tema costante, in evoluzione nel tempo, ma anche qualcosa a cui vogliamo pensare fin dal primo giorno. In termini di passaggi pratici, approveremo i nuovi clienti caso per caso, rafforzeremo i nostri robusti strumenti interni per individuare i malintenzionati e adotteremo misure ovvie per includere clausole penali nei nostri termini e condizioni.

Per “caso per caso”, ovviamente, intendiamo la NSA, la CIA, il Dipartimento della Difesa, il Dipartimento della Salute e dei Servizi Umani e qualsiasi altra organizzazione piena di tecnocrati.

Non è la tecnologia in sé a dover essere fermata, sono i tecnocrati stessi a dover essere fermati.

Per decenni gli esperti di protezione dei dati sono stati cauti nei confronti dello spionaggio dallo spazio. Temevano satelliti abbastanza potenti da zoomare sulle persone e scattare foto ravvicinate che potessero distinguere gli adulti dai bambini.

Ora una startup sta improvvisamente costruendo una nuova classe di satelliti le cui telecamere potrebbero fare proprio questo per la prima volta, dicono gli analisti.

“Siamo molto consapevoli delle implicazioni sulla privacy”, ha detto in un’intervista Topher Haddad, capo di Albedo Space, la società che costruisce i nuovi satelliti. La tecnologia della sua azienda scatterà foto di persone ma non sarà in grado di identificarle, ha detto. Albedo, ha aggiunto Haddad, sta comunque adottando misure amministrative per affrontare una serie di problemi di privacy.

Chiunque viva nel mondo moderno ha acquisito familiarità con la diminuzione della privacy in mezzo a un’ondata di telecamere di sicurezza, tracker integrati negli smartphone, sistemi di riconoscimento facciale, droni e altre forme di sorveglianza digitale. Ma ciò che rende la sorveglianza dall’alto potenzialmente spaventosa, dicono gli esperti, è la sua capacità di penetrare in aree che un tempo erano considerate fondamentalmente off-limits.

“Si tratta di una telecamera gigante nel cielo che qualsiasi governo può schierare in qualsiasi momento a nostra insaputa”, ha affermato Jennifer Lynch, consigliere generale della Electronic Frontier Foundation, che nel 2019 ha esortato i regolatori civili dei satelliti ad affrontare la questione. “Dovremmo assolutamente preoccuparci.”

Haddad e altri sostenitori della tecnologia dell’albedo ritengono che sia necessario valutare i benefici nel mondo reale, soprattutto quando si tratta di combattere i disastri e salvare vite umane.

“Saprai quale casa sta bruciando e dove le persone fuggono”, ha affermato D. James Baker, ex capo della National Oceanic and Atmospheric Administration, che concede in licenza i satelliti civili per l’imaging del paese.

Albedo Space, con sede a Denver, impiega 50 persone e ha raccolto circa 100 milioni di dollari. Secondo Haddad, il lancio del primo satellite è previsto per l’inizio del 2025. Alla fine, prevede una flotta di 24 veicoli spaziali.

Gli investitori di Albedo includono Breakthrough Energy Ventures, la società di investimento di Bill Gates. Il comitato consultivo strategico di Albedo comprende ex direttori della CIA e della National Geospatial-Intelligence Agency, una divisione del Pentagono.

Il sito web dell’azienda non fa menzione di procedure di imaging umano o di problemi di protezione dei dati. Tuttavia, gli esperti di intelligence sostengono che le autorità di regolamentazione dovrebbero svegliarsi prima che la navicella spaziale della compagnia scatti le prime immagini ravvicinate.

“Questo è un grosso problema”, ha detto Linda Zall, un ex funzionario della CIA la cui carriera decennale ha coinvolto alcuni dei più potenti satelliti spia degli Stati Uniti. Ha predetto che le possibilità diventeranno evidenti solo quando le persone si renderanno conto che le cose che cercano di nascondere nei loro cortili ora possono essere osservate con nuova chiarezza. “La privacy è un vero problema”, ha affermato la Dott.ssa Zall.

“Ci avvicina di un passo a un mondo in cui il Grande Fratello ci osserva”, ha aggiunto Jonathan C. McDowell, un astrofisico di Harvard che pubblica un rapporto mensile sugli sviluppi civili e militari nello spazio.

Mentre le sonde spaziali in orbita studiano da tempo il pianeta, il potenziale dei satelliti per monitorare la vita civile è stato reso ancora più chiaro dal disastro nucleare di Chernobyl. Mosca aveva negato qualsiasi interferenza grave. Ma un satellite americano non militare catturò un’immagine il 29 aprile 1986, che mostrava che il nocciolo del reattore si era rotto in una fessura infuocata che vomitava detriti radioattivi mortali nell’atmosfera.

I media americani hanno pubblicato la foto. Confermò la catastrofe, contribuì a far nascere il giornalismo satellitare e – quasi immediatamente – alimentò i timori di spionaggio dallo spazio.

“Si prevede che la qualità delle immagini migliorerà rapidamente”, avvertì il Privacy Journal, un bollettino mensile di notizie di Washington, poco dopo il disastro nucleare. I dirigenti dei notiziari televisivi, si diceva, ora volevano un accesso illimitato alle immagini spaziali che potessero eventualmente tracciare qualsiasi cosa, dai movimenti delle truppe alle vasche idromassaggio nel cortile.

Le prestazioni visive di una telecamera spaziale sono solitamente espresse come la lunghezza, in metri, della più piccola caratteristica che può risolvere. Nelle prime fotocamere erano metri. Adesso sono centimetri. Nel complesso, dicono gli esperti, questo miglioramento rende le nuove immagini cento volte più dettagliate e approfondite.

Il satellite che ha ripreso Chernobyl nel 1986 era conosciuto come Landsat. La NASA lo aveva costruito per monitorare raccolti, foreste e altre risorse sul terreno. L’orbita del satellite era ad un’altitudine di circa 400 miglia e la sua telecamera poteva rilevare oggetti sul terreno piccoli fino a 100 piedi. Al contrario, il complesso di Chernobyl era lungo quasi un chilometro. Ciò ha reso facile per gli analisti individuare lui e il reattore esploso.

Dopo la fine della Guerra Fredda, nel 1994 l’amministrazione Clinton approvò l’uso commerciale della tecnologia di spionaggio americana. Nel 1999, Space Imaging, una filiale di Raytheon e Lockheed Martin, lanciò il suo primo satellite. Aveva una risoluzione di un metro. Il New York Times ha pubblicato la prima immagine del satellite in prima pagina. Il monumento a Washington si stagliava chiaramente, con la sua ombra lunga nella luce del mattino.

Come previsto, la qualità delle immagini provenienti dall’orbita terrestre ha continuato a migliorare, supportando la copertura di guerre, rifugiati, basi segrete, violazioni dei diritti umani, degrado ambientale, disastri naturali e rafforzamento militare.

Nel 2016, l’Associated Press ha vinto un Premio Pulitzer per aver denunciato gli abusi nel settore della pesca che equivalevano alla schiavitù. I giornalisti hanno utilizzato immagini satellitari per tracciare le navi dell’industria. Molte testate giornalistiche, compreso il Times, ora impiegano specialisti per analizzare le immagini satellitari.

Mark Brender, pioniere del giornalismo satellitare, ha sottolineato che i giornalisti sul campo possono essere molestati e bloccati. “Ma le telecamere nello spazio sono al sicuro da questo tipo di pressione”, ha detto. “Sono diventati essenziali per una società libera quanto una macchina fotografica portatile o una macchina da stampa.

I più potenti satelliti civili per immagini oggi possono distinguere oggetti sul terreno piccoli fino a 30 centimetri, o circa un piede, di diametro. Gli analisti possono utilizzare le immagini per identificare la segnaletica stradale e persino i numeri di coda degli aerei.

Albedo vuole fare un salto in avanti e immaginare oggetti con un diametro di appena 10 centimetri. Ciò è stato possibile perché nel 2018 l’amministrazione Trump ha adottato misure per allentare le norme per l’approvazione dei satelliti civili. “Presto”, ha avvertito la rivista del MIT Technology Review nel 2019, “i satelliti saranno in grado di guardarvi ovunque e in qualsiasi momento”.

Secondo Haddad, il fattore scatenante degli obiettivi chiari di Albedo è stato il fatto che Trump ha condiviso un’immagine spia americana sul suo account Twitter che mostrava una piattaforma di lancio gravemente danneggiata in Iran. La risoluzione dell’immagine sarebbe stata di circa 10 centimetri, il che ha portato a un’ampia discussione sulle possibilità commerciali.

Haddad è cresciuto a Houston e ha studiato ingegneria alla Johns Hopkins University e all’Università del Texas. Ha poi lavorato per Lockheed Martin a Sunnyvale, in California, che da tempo costruisce satelliti spia. Alcuni di essi sono grandi quanto uno scuolabus e in genere costano miliardi di dollari.

Haddad ha fondato Albedo con Winston Tri, un ex ingegnere informatico di Facebook, e AyJay Lasater, un ex ingegnere satellitare della Lockheed Martin. Vedevano un mercato commerciale per le immagini da 10 centimetri, ma non quando i costi erano astronomici. La loro soluzione era posizionare i satelliti in orbite molto basse, relativamente vicine ai loro oggetti terrestri. Ciò ha consentito alla flotta satellitare di utilizzare fotocamere e telescopi più piccoli, riducendo i costi.

Landsat era in orbita a un’altitudine di oltre 400 miglia quando catturò Chernobyl. Al contrario, i fondatori di Albedo pianificarono orbite fino a 100 miglia (circa 161 km). A basse altitudini, la navicella spaziale taglia la sottile atmosfera esterna del pianeta, il che può rallentarli e accorciarne la durata in orbita. Il satellite Albedo, leggermente più grande di un frigorifero, utilizzerà ugelli booster per contrastare la resistenza dell’aria.

Per caricare le batterie, i satelliti spesso dispongono di grandi pannelli solari che si estendono come ali. Non così Albedo. Per ridurre la resistenza, i fondatori progettarono un veicolo spaziale cilindrico ricoperto di celle solari.

Albedo è stata fondata nel 2020 e il signor Haddad ha dovuto affrontare problemi di privacy fin dall’inizio. In una discussione su un forum tecnologico online, ha scritto: “Per noi è chiaro che dobbiamo agire nel modo giusto riguardo alla protezione dei dati e alla protezione dagli abusi”.

Per ridurre i rischi, ha aggiunto Haddad, la società approverà i nuovi clienti caso per caso, svilupperà modi per identificare i cattivi attori e garantire che i termini contrattuali delineino misure punitive per le violazioni delle politiche aziendali.

Nel dicembre 2021, Albedo ha ricevuto l’approvazione normativa per lanciare un satellite per immagini con una risoluzione di 10 centimetri. La tecnologia dell’azienda attirò rapidamente l’attenzione delle agenzie militari e di intelligence nazionali.

Nel 2022, Albedo ha vinto un contratto da 1,25 milioni di dollari con l’Air Force per verificare se l’attrezzatura dell’azienda potesse soddisfare una scala di valutazione standard per misurare l’interpretabilità delle immagini. I test includevano l’identificazione di hardware su trasportatori elettronici, carenature su aerei da combattimento e tubi missilistici su navi da guerra.

Nell’aprile 2023, la società ha vinto un altro contratto del valore di 1,25 milioni di dollari, questa volta con il National Air and Space Intelligence Center, responsabile della valutazione delle minacce straniere. Alla fine dell’anno scorso, la società ha anche firmato un contratto per far valutare la sua tecnologia dal National Reconnaissance Office, che gestisce i satelliti spia del paese.

Il sito web di Albedo afferma che le sue immagini possono aiutare i governi a “monitorare i punti caldi, affrontare l’incertezza e mobilitarsi rapidamente”. Nell’elencare i suoi valori fondamentali, l’azienda afferma di sostenere il “giornalismo investigativo basato sui dati”, tra le altre attività che “garantiscono di migliorare il mondo in cui viviamo”.

Illustrando le capacità di osservazione della flotta, Tri, co-fondatore di Albedo, ha affermato che le telecamere spaziali possono rilevare dettagli del veicolo come tettucci apribili, strisce da corsa e oggetti in un camion a pianale. “In alcuni casi”, afferma Tri, “potremmo persino essere in grado di identificare veicoli specifici, cosa che prima non era possibile.

La società prevede che tra i clienti civili ci saranno urbanisti alla ricerca di buche sulle strade, gruppi di conservazione che monitorano la fauna selvatica, compagnie di assicurazione che valutano i danni ai tetti e aziende elettriche che cercano di prevenire gli incendi.

John E. Pike, direttore di Global Security.org, un gruppo di ricerca senza scopo di lucro con sede ad Alexandria, in Virginia, ha affermato che Albedo minimizza ciò che potrebbe diventare significativo.

“Inizierai a vedere gente”, ha detto. “Vedrete molto più che semplici punti”. Le immagini satellitari dei palestinesi in fuga dalla Striscia di Gaza illustrano gli attuali limiti di osservazione, ha detto Pike. Le immagini mostrano folle fitte in cui non si vede alcun individuo oppure, nel caso di gruppi più piccoli di persone per strada, piccoli granelli e punti scuri.

Come il signor Haddad, il signor Pike ha affermato che la nuova tecnologia non è in grado di identificare gli individui. Tuttavia, ha affermato che le telecamere spaziali molto probabilmente sarebbero in grado di distinguere i bambini dagli adulti, così come i bagnanti in costume da bagno dalle persone in altri stati di abbigliamento.

“Questa è l’archetipo della preoccupazione per la privacy di primo ordine: che qualcuno ti veda prendere il sole”, ha detto Pike.

Gli esperti legali sottolineano che i droni sono fortemente regolamentati dalle leggi federali, statali e locali, il che significa che possono essere accusati di violazione di domicilio e invasione della privacy. Le no-fly zone comprendono non solo aeroporti, basi militari ed eventi sportivi, ma anche privati. La legge della California vieta agli operatori di droni di scattare immagini di persone impegnate in attività private, personali o familiari senza autorizzazione.

La signora Lynch, della Electronic Frontier Foundation, ha affermato che le sue scoraggianti esperienze con i regolatori satellitari mezzo decennio fa le hanno suggerito che si sarebbe fatto poco per garantire la protezione della privacy dagli occhi nel cielo.

Albedo e i suoi sostenitori, ha aggiunto, “operano con i paraocchi e non vedono l’impatto” sui diritti umani.

WAVE TO THE SATELLITE THAT IS TAKING YOUR PICTURE FROM SPACE


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio