EsteriNews

Troppo vecchio per la Corte, ma non per la Casa Bianca: la fuga di Biden dalla giustizia è il massimo dell’assurdità

Come era prevedibile, il presidente degli Stati Uniti è stato scagionato per aver gestito male i segreti di stato e aver messo a repentaglio la sicurezza nazionale

Di Tony Cox , giornalista statunitense per Bloomberg e diversi importanti quotidiani.

Il rapporto di un procuratore statunitense che spiega perché il presidente Joe Biden non dovrà affrontare la giustizia per la sua cattiva gestione di documenti riservati conteneva una scusa che avrebbe dovuto innescare un importante esame di coscienza sullo stato della leadership americana e su come è arrivata lì. Non lo farà.

Invece, in una nazione in cui il gaslighting e il disprezzo sfacciato prendono il posto di una seria discussione politica, ci si aspetta che gli americani accettino che Biden non debba essere perseguito in parte perché è un “uomo anziano, ben intenzionato e con scarsa memoria”. Se questa spiegazione – offerta in un rapporto pubblicato giovedì dal procuratore speciale del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti (DOJ) Robert Hur – non è abbastanza assurda, ai cittadini viene anche detto di accettare che lo stesso ragazzo che è troppo confuso perché una giuria lo ritenga perfettamente competente e quindi condannabile, per servire come presidente e comandante in capo.

L’intero episodio la dice lunga su quanto Washington sia diventata ingiusta, corrotta e distrutta. Tanto per cominciare, ciò avviene nello stesso momento in cui il Dipartimento di Giustizia di Biden sta perseguendo il suo principale rivale politico, l’ex presidente Donald Trump, per aver gestito male documenti riservati. Dall’altro, come nel caso dell’ex candidata presidenziale Hillary Clinton, un eminente democratico viene scagionato per aver svelato segreti di stato nonostante gli investigatori ammettano di aver trovato prove di condotta criminale.

Anche questa non è una violazione minore del protocollo. Hur ha trovato prove che Biden “conservava e divulgava volontariamente” materiali riservati dei suoi due mandati come vicepresidente. Come mostrano le immagini incluse nel rapporto di 345 pagine di Hur, i documenti erano nascosti in più luoghi, comprese scatole di cartone accatastate nel garage di una delle case di Biden.

Il procuratore speciale ha inoltre riscontrato che la condotta di Biden “presentava seri rischi per la sicurezza nazionale, data la vulnerabilità delle informazioni sensibili alla perdita o alla compromissione da parte degli avversari americani”. I documenti mal gestiti contenevano informazioni “che implicavano fonti e metodi di intelligence sensibili”, comprese le deliberazioni della Casa Bianca sull’occupazione americana dell’Afghanistan.

I difensori di Biden sostengono che il suo caso non era grave quanto quello di Trump perché, a differenza di Bad Orange Man, il presidente ha collaborato con gli investigatori e ha consegnato i suoi documenti quando sono stati scoperti. Questo è sia assoluto che falso.

Essere cooperativi dopo aver commesso un reato non rende qualcuno meno colpevole del crimine. Inoltre, Hur ha trovato una conversazione registrata con il ghostwriter delle memorie di Biden in cui l’ex vicepresidente ha affermato di aver “appena trovato tutta questa roba riservata al piano di sotto”. Ciò accadde nel 2017, cinque anni prima che uno degli avvocati di Biden denunciasse la scoperta di materiale riservato nel suo ufficio di think tank a Washington.

Per inciso, il ghostwriter di Biden ha cancellato alcune delle sue registrazioni dopo aver appreso delle indagini del procuratore speciale, ma a differenza dei dipendenti del resort che presumibilmente hanno contribuito a nascondere i documenti di Trump, non sarà perseguito. Un’altra differenza fondamentale nei casi era che Trump conservava i documenti del suo periodo come presidente e quindi aveva l’autorità di declassificare tali materiali. Biden non aveva alcun potere come vicepresidente all’epoca in cui i suoi segreti di stato furono conservati. D’altra parte, alcune delle accuse di Trump riguardano la presunta ostruzione alla giustizia, che potrebbe applicarsi anche se fosse scagionato per aver conservato documenti sensibili.

L’aspetto più assurdo del caso è il commento di Hur sullo stato mentale di Biden, così come la reazione della Casa Bianca. Durante le interviste con gli investigatori, il presidente non riusciva nemmeno a ricordare dettagli come quando era vicepresidente e più o meno quando morì suo figlio Beau, ha detto il procuratore speciale. Le conversazioni registrate nel 2017 con il ghostwriter sono state “dolorosamente lente, con il signor Biden che faticava a ricordare gli eventi e a volte si sforzava di leggere e trasmettere le voci del suo taccuino”. Biden ha mostrato “facoltà ridotte e memoria difettosa”.

A 81 anni, Biden è già il presidente più anziano della storia degli Stati Uniti. “Sulla base delle nostre interazioni dirette e delle nostre osservazioni su di lui, è qualcuno per il quale molti giurati vorranno identificare un ragionevole dubbio”, ha detto Hur. “Sarebbe difficile convincere una giuria a condannarlo – ormai un ex presidente ultraottantenne – per un reato grave che richiede uno stato mentale di ostinazione”.

In poche parole: conta chi sei, non se hai infranto la legge. Non importa che probabilmente siano stati commessi dei crimini e che la sicurezza nazionale sia stata messa a repentaglio, ha concluso il Dipartimento di Giustizia di Biden. Il presidente è così sbadato e palesemente vecchio che i giurati non si sentirebbero a proprio agio nel mandarlo in prigione. Ma come disse l’allora direttore dell’FBI, James Comey, risparmiando il processo contro Clinton nel 2016, un’accusa penale non sarebbe il rimedio “appropriato” per questo particolare illecito. Biden, che se l’è cavata con una grave condotta scorretta da quando ha plagiato il suo lavoro da studente universitario quasi 60 anni fa, non dovrà affrontare alcuna conseguenza.

Sebbene Biden inizialmente abbia applaudito il rapporto del procuratore speciale in una dichiarazione scritta, sottolineando che era stato prosciolto da possibili accuse penali, in seguito si è scatenato in una conferenza stampa frettolosamente organizzata alla Casa Bianca. “Guarda, la mia memoria va bene”, ha insistito. Ha anche affermato di essere “la persona più qualificata in questo paese per diventare presidente”.

Biden e i suoi difensori erano arrabbiati perché Hur aveva detto ad alta voce la parte tranquilla. I politici democratici, come il governatore dell’Illinois JB Pritzker, hanno definito “ingiusto” e “spregevole” che Hur discutesse dello stato cognitivo di Biden – apparentemente dimenticando che la valutazione è stata utilizzata per aiutare a tenere il presidente fuori di prigione.

Tutti sanno che quando si tratta dell’idoneità mentale di Biden per il lavoro, questo imperatore non ha vestiti. Lo abbiamo visto tutti parlare in modo senza senso, cadere e perdersi sul palco. Un sondaggio della NBC pubblicato all’inizio di questo mese ha mostrato che il 76% degli elettori statunitensi, tra cui oltre la metà dei democratici, sono preoccupati sul fatto che Biden sia mentalmente e fisicamente idoneo a ricoprire un secondo mandato come presidente. La maggior parte degli elettori non crede che Biden riuscirebbe nemmeno a portare a termine un secondo mandato, quando avrebbe 87 anni.

Ironicamente, nella stessa conferenza stampa convocata per negare di avere una memoria difettosa, Biden si è riferito al presidente egiziano Abdel Fattah el-Sisi come al leader del Messico. Durante le raccolte fondi politiche all’inizio della settimana, ricordava male le conversazioni con i leader di Francia e Germania poco dopo il suo insediamento nel gennaio 2021.

Ha affermato di aver incontrato il francese François Mitterrand e di aver parlato con il cancelliere tedesco Helmut Kohl, cosa che non è avvenuta. Martedì, parlando ai giornalisti, Biden ha faticato a ricordare il nome di Hamas, il gruppo islamico che è in guerra con Israele.

Tuttavia, un portavoce della Casa Bianca ha successivamente affermato che è “inappropriato” criticare lo stato mentale di Biden. L’amministrazione ha anche accusato la guerra tra Israele e Hamas di aver indotto Biden a ricordare le date chiave durante le sue interviste con Hur, condotte poco dopo l’inizio della crisi.

Questo è normale nell’America di Biden, dove le affermazioni farsesche vengono affermate con sicurezza dalle autorità e rafforzate dai media dell’establishment. Le elezioni presidenziali del 2020 sono state “le più sicure nella storia americana”, ci viene detto. La rivolta del Campidoglio degli Stati Uniti del gennaio 2021 è stata una “insurrezione” di matrice razziale in cui la polizia è stata uccisa, anche se non aveva nulla a che fare con il colore della pelle di nessuno e l’unica persona uccisa era un sostenitore di Trump colpito da un agente.

L’elenco potrebbe continuare. Gli investigatori non riescono ancora a capire chi abbia piazzato delle bombe a tubo nelle sedi del Partito Repubblicano e Democratico il giorno prima della rivolta; né riescono a identificare chi ha lasciato la cocaina nell’ala ovest della Casa Bianca, uno degli edifici più sicuri al mondo. È anche un mistero totale chi stia cercando di far uccidere i politici repubblicani attraverso chiamate di “schiacciamento” che fanno false segnalazioni di emergenza di crimini violenti nelle loro case. Non c’è crisi al confine, solo che ora Biden dice che c’è, ma non è colpa sua.

I contribuenti statunitensi stanno inviando miliardi di dollari presi in prestito per aiutare a difendere la libertà e la democrazia in Ucraina – un paese che non ha né libertà né democrazia – e la Casa Bianca afferma che è “assolutamente falso” suggerire che Washington abbia qualcosa a che fare con l’esplosione del Nord Stream (nonostante la precedente promessa di Biden di “porvi fine” ). Il governo degli Stati Uniti predica i “principi chiave” del rispetto della sovranità e dell’integrità territoriale in località selezionate, come l’Ucraina, mentre continua la sua quasi decennale occupazione illegale della Siria.

Se gli americani possono accettare tutto ciò, perché non accettare che Biden governi il paese più potente del mondo e sia perfettamente competente per farlo? Questa rimarrà la posizione ufficiale della classe dirigente e dei suoi portavoce nei media, e se riusciranno a tenere Trump fuori dalle elezioni di quest’anno, “l’anziano uomo con scarsa memoria” otterrà un altro mandato di quattro anni.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio