EsteriNews

USA Finanziano la Censura dei Messaggi Privati: Milioni Investiti per Monitorare WhatsApp e Telegram e Creare un Database di Contenuti “Sgraditi”

L’amministrazione del presidente Dem Joe Biden sta finanziando diverse entità che stanno costruendo una rete per censurare la cosiddetta “disinformazione” presente nei messaggi privati ​​del popolo.

La Casa Bianca ha investito milioni di dollari dei contribuenti in “aziende mercenarie di censura”, a rivelarlo un ex funzionario del Dipartimento di Stato.

Secondo Mike Benz , che ora gestisce la Foundation For Freedom Online, l’amministrazione Biden ha intensificato gli sforzi per censurare il popolo americano.

Invece di allontanarsi da questa pratica incostituzionale, i funzionari della Casa Bianca hanno lavorato su tattiche più sofisticate per sovvertire il diritto alla libertà di parola del pubblico.

Stanno emergendo rapporti su aziende che vengono ingaggiate per creare enormi database di messaggi chat sgraditi provenienti da conversazioni private su piattaforme di messaggistica come WhatsApp.

Esempi di pensieri errati vengono individuati e archiviati grazie agli utenti che si spiano e si segnalano a vicenda.

Benz la definisce “una rete di informatori dei cittadini”.

Le informazioni così ottenute vengono poi analizzate utilizzando una qualche forma di intelligenza artificiale (AI), con conseguente identificazione di “tendenze di disinformazione”.

In un post su X, Benz spiega:
“Il governo degli Stati Uniti sta pagando milioni di dollari aziende per la censura per costruire una rete di informatori di cittadini che segnalino messaggi di testo privati ​​su WhatsApp come ‘disinformazione’ – quindi creare un vasto database di meme e idee da vietare.”

Una di queste società è l’Algorithmic Transparency Institute.
Il denaro per l’operazione proviene da organizzazioni istituite dal Congresso che ricevono sovvenzioni finanziate dai contribuenti dall’amministrazione Biden.

La necessità di ricorrere ai metodi “vecchia scuola” di informazione dei cittadini nasce dalla natura delle piattaforme che il governo vorrebbe spiare, per far sì che i contenuti vengano segnalati ed eventualmente censurati.

Gli obiettivi dell’operazione sono app di messaggistica privata crittografata come WhatsApp e Telegram.

A causa della natura di queste app di messaggistica, le forme ormai consolidate di “monitoraggio” di luoghi come Facebook o YouTube non possono essere utilizzate.

I critici di questo che viene eufemisticamente definito “ascolto civico” tracciano parallelismi con il modo in cui i regimi autoritari notoriamente utilizzano i cittadini per spiarsi a vicenda anche prima dell’era digitale.

Alcuni continuano a farlo.

Ora, il “formato” di spionaggio, una volta utilizzato da personaggi come Stalin, i nazisti, ecc., ha raggiunto l’America.

Il principio è semplice: nelle zone in cui il governo non può arrivare, gli stessi utenti delle app di chat private sono incoraggiati a segnalare ciò che viene detto.

I dati segnalati come “disinformazione” vengono poi immessi nella macchina della censura con la creazione di database prima di essere sottoposti alle analisi dell’intelligenza artificiale.

Foundation For Freedom Online individua Meedan, un’organizzazione no-profit con sede negli Stati Uniti, come “in prima linea nella creazione di questa rete di spie”.

Il gruppo ha ricevuto 5,7 milioni di dollari in tasse come sovvenzione dall’amministrazione Biden tramite la National Science Foundation (NSF).

Tra le cose segnalate da queste “aziende mercenarie di censura” ci sono meme e “affermazioni”.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio