EsteriNews

Casa Bianca: Le Accuse su Corruzione di Biden Sono ‘Teorie del Complotto’

La Casa Bianca ha affermato che le accuse di corruzione, traffico d’influenze e corruzione rivolte al Presidente democratico Joe Biden e alla sua famiglia sono nient’altro che “teorie del complotto”.

Lunedì, il vice portavoce della Casa Bianca, Andrew Bates, ha rifiutato di rispondere alle domande sulle “teorie del complotto” riguardanti la corruzione all’interno della famiglia Biden.

Bates è stato interrogato su numerosi scandali legati alla famiglia Biden mentre parlava con i giornalisti a bordo dell’Air Force One.

Le domande stanno giustamente aumentando in vista di una probabile votazione alla Camera questa settimana per avviare un’inchiesta formale di impeachment contro il Presidente Biden.

Anche la stampa ha domande sulla possibile comparizione di suo figlio, Hunter Biden, per una deposizione davanti alle Commissioni di sorveglianza e giustizia della Camera mercoledì.

“Non voglio entrare in quel processo, tranne per dire che il Presidente Biden è concentrato al massimo su questioni che sono cruciali per le famiglie americane”, ha detto Bates.

“Lo vedete oggi mentre si prepara a fare annunci importanti per i pompieri a Philadelphia.

“Come ho detto, stiamo facendo un annuncio storico sulla produzione avanzata per riportare lavori dall’estero.”

“È concentrato su ciò che conta per le famiglie americane, non sulle teorie del complotto di Marjorie Taylor Greene riguardo alla sua stessa famiglia”, ha aggiunto.

La rappresentante Greene (R-GA) è una sostenitrice dell’impeachment di Biden e un membro del GOP spesso preso di mira dai democratici in attacchi politici.

I repubblicani della Camera sperano di tenere il voto formale sulla decisione di avviare ufficialmente l’inchiesta questa settimana.

Tuttavia, si trovano di fronte all’opposizione da parte dei democratici e di alcuni membri all’interno del loro stesso partito.

L’opposizione del GOP all’inchiesta si è ridotta man mano che quei membri che rappresentano distretti vinti da Biden nel 2020 hanno iniziato a sostenere l’iniziativa.
Tra questi c’è il rappresentante Don Bacon (R-NE), che ha dichiarato a Politico di passare dall’opposizione all’inchiesta al suo sostegno a causa della maggiore probabilità che Biden collabori.

“Il presidente sta dicendo che non fornirà informazioni fino a quando non avremo un’inchiesta, così sono passato da un no a un sì”, ha detto all’agenzia.

Il presidente della Commissione di sorveglianza della Camera, James Comer (R-KY), ha guidato l’indagine estesa su Biden.

L’indagine si è concentrata su Hunter, i suoi vari affari esteri e i soldi che ne ha ottenuto.
La commissione ha ospitato un’audizione d’impeachment a settembre come parte di quella ricerca.

La Casa Bianca ha ripetutamente affermato che Biden non ha commesso nulla di sbagliato e non aveva conoscenza degli affari del figlio.

Inoltre, le Commissioni di sorveglianza e giustizia hanno pubblicato la scorsa settimana un avviso ufficiale per la deposizione a porte chiuse di Hunter mercoledì.

Finora, il figlio del presidente si è rifiutato di rispettare la citazione a comparire per testimoniare a porte chiuse.

L’avvocato di Hunter ha informato Comer e il presidente della Commissione giustizia della Camera, Jim Jordan (R-OH), la scorsa settimana che il figlio del presidente comparirà solo per testimoniare davanti alla commissione in una sessione pubblica.

Comer e Jordan hanno successivamente minacciato di dichiararlo in contegno del Congresso se non dovesse comparire per la sua deposizione.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio