EsteriNews

Hezbollah annuncia “una giornata di rabbia senza precedenti” contro Israele dopo l’attacco all’ospedale di Gaza. Netanyahu: “Non siamo stati noi”

Il gruppo libanese Hezbollah ha condannato l’attacco israeliano all’ospedale battista Al-Ahli di Gaza e ha annunciato che mercoledì sarà “un giorno di rabbia senza precedenti” contro Israele.

“L’umanità piange il crimine orribile e brutale commesso dall’omicidio sionista e dalle bande criminali presso l’Ospedale Battista di Gaza, che è costato la vita a centinaia di martiri innocenti”, si legge martedì in una nota.

Hezbollah ha affermato che “tutte le dichiarazioni di condanna e denuncia non sono più sufficienti”.

“Chiediamo ai popoli della nostra nazione araba e islamica di agire immediatamente nelle strade e nelle piazze, per esprimere estrema rabbia e fare pressione sui governi e sugli Stati”, si legge nella nota.

“Che domani, mercoledì, sia un giorno di rabbia senza precedenti contro il nemico e i suoi crimini e contro la visita del presidente degli Stati Uniti Joe Biden all’entità sionista (di Israele) per coprire e proteggere questa entità criminale”.

Martedì scorso, il portavoce del Ministero della Sanità a Gaza, Ashraf Al-Qudra, ha dichiarato all’agenzia di stampa Anadolu che più di 500 palestinesi sono stati uccisi durante un bombardamento israeliano che ha preso di mira le vicinanze dell’ospedale battista Al-Ahli. L’agenzia di stampa palestinese ha riferito che aerei israeliani hanno lanciato un raid sull’ospedale mentre erano presenti migliaia di palestinesi sfollati, che si erano rifugiati lì dopo che le loro case erano state distrutte e stavano cercando un posto sicuro.

Un portavoce dell’esercito israeliano ha detto che “non sono ancora disponibili tutti i dettagli” su quanto accaduto in ospedale, secondo l’autorità radiotelevisiva governativa.

Nell’ambito di uno scontro con il gruppo palestinese Hamas e altre fazioni, Israele per l’undicesimo giorno ha lanciato intensi raid su Gaza e ha continuato a tagliare acqua, elettricità, cibo e medicine alla Striscia. Ciò ha scatenato avvertimenti locali e internazionali di una doppia catastrofe umanitaria in parallelo con intensi raid e arresti israeliani in città e paesi della Cisgiordania occupata.

Anche Arabia Saudita, Emirati Arabi Uniti, Bahrein, Egitto, Giordania e Turchia hanno accusato Israele di aver bombardato l’ospedale arabo Al-Ahli a Gaza City. Tuttavia, il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu ha ritenuto responsabili delle morti i “barbari terroristi di Gaza”. “Quindi tutto il mondo sa: i barbari terroristi di Gaza sono quelli che hanno attaccato l’ospedale di Gaza, non l’IDF (Forze di difesa israeliane)”, ha detto Netanyahu in una nota.

“Coloro che hanno crudelmente ucciso i nostri figli, uccidono anche i loro figli”, ha sottolineato. Il presidente israeliano Isaac Herzog ha continuato a descrivere le accuse di Hamas come una “diffamazione del sangue”. Un missile della Jihad islamica ha ucciso molti palestinesi in un ospedale di Gaza, un luogo dove le vite dovrebbero essere salvate”, ha detto Herzog in un tweet.

La Jihad islamica ha negato le accuse. “Vergogna ai media che ingoiano le menzogne ​​di Hamas e della Jihad islamica – trasmettendo in tutto il mondo una diffamazione del sangue del 21° secolo. Vergogna ai vili terroristi di Gaza che versano volontariamente il sangue di innocenti”, ha scritto il presidente israeliano. “Mai prima d’ora la scelta è stata più chiara. Israele si oppone a un nemico fatto di puro male. Se difendi l’umanità – per il valore di tutta la vita umana – stai con Israele”, ha sottolineato mentre le tensioni nella regione sembrano peggiorare. Una dichiarazione del Ministero degli Esteri israeliano afferma che un’analisi dei sistemi operativi dell’IDF indica che una raffica di razzi è stata lanciata da terroristi a Gaza, passando vicino all’ospedale Al Ahli di Gaza nel momento in cui è stato colpito. “Le informazioni provenienti da molteplici fonti in nostro possesso indicano che la Jihad islamica è responsabile del fallito lancio di un razzo che ha colpito l’ospedale di Gaza”, si legge. Mark Regev, consigliere senior di Netanyahu, sostenendo la posizione del suo governo, ha detto: “Sappiamo che al momento di questa tragedia a Gaza, c’era un enorme fuoco di fila contro obiettivi nel centro di Israele. Hamas ha rilasciato una dichiarazione secondo cui stavano inviando un razzo a lungo raggio su Haifa [nel nord di Israele] in quel momento”, ha sottolineato Regev. “Ora nessun razzo ha effettivamente raggiunto Haifa. Dov’è andato quel razzo? Dove è atterrato?” chiede Regev che ha anche osservato che, sulla base dei passati conflitti di Israele con le fazioni di Gaza, è noto che circa il 33% dei loro razzi falliscono e atterrano a Gaza.

Secondo Reuters invece Il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha affermato mercoledì mattina che Israele ha commesso un crimine imperdonabile bombardando l’ospedale battista, sottolineando che “non permetteremo a Israele di sfuggire alla punizione”.

All’inizio di una riunione d’emergenza della leadership palestinese nella città di Ramallah, Abbas ha chiesto di ritenere il governo israeliano responsabile e di fornire protezione internazionale ai palestinesi, descrivendo il momento come “fatidico e pericoloso e può essere affrontato solo con unità e fermezza” di fronte all’aggressione israeliana”.

Il presidente palestinese ha dichiarato: “Ho concordato con la Giordania e l’Egitto di annullare il vertice previsto oggi ad Amman con il presidente Biden”, aggiungendo: “Abbiamo più volte messo in guardia sulle conseguenze delle azioni di Israele”.

Ha continuato: “Chiedo che il governo occupante sia ritenuto responsabile e che venga fornita protezione internazionale al nostro popolo”, sottolineando, “75 anni di sofferenze, violazioni e crimini israeliani, e il mondo in completo silenzio”.

Abbas ha sottolineato: “Non permetteremo una nuova catastrofe, e non accetteremo nuovamente lo sfollamento del nostro popolo, e il piano israeliano per lo sfollamento non passerà, e lo affronteremo con tutti i mezzi”.

Ha dichiarato di aver interrotto la sua visita in Giordania e di essere tornato a Ramallah, e che il vertice previsto per mercoledì con il presidente degli Stati Uniti Joe Biden è stato annullato, in consultazione con la Giordania e l’Egitto.

L’agenzia di stampa palestinese ha riferito che aerei israeliani hanno lanciato un raid sull’ospedale mentre erano presenti migliaia di palestinesi sfollati, che si erano rifugiati lì dopo che le loro case erano state distrutte e stavano cercando un posto sicuro.

L’agenzia ha citato fonti mediche che affermano: “Almeno 500 cittadini, inclusi martiri e feriti, sono arrivati ​​all’ospedale medico Al-Shifa dal luogo dell’attentato”.

A sua volta, il presidente palestinese Mahmoud Abbas ha dichiarato lutto e bandiere a mezz’asta per un periodo di 3 giorni in ricordo delle vittime dell’ospedale battista nella Striscia di Gaza, preso di mira ieri sera dall’esercito israeliano. Martedì.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio