EsteriNews

Qualcuno nel Partito di Benjamin Netanyahu Chiede l’Uso di “Armi Apocalittiche” Contro Gaza

Gaza dovrebbe essere “rasa al suolo” con missili con capacità nucleare, ha dichiarato un membro della Knesset del partito al potere

Israele dovrebbe usare i missili Gerico per “radere al suolo” Gaza “senza pietà” dopo gli attacchi di Hamas del fine settimana, ha dichiarato il deputato Revital Gotliv. Gotliv è un membro della Knesset dalle fila del Likud, il partito del primo ministro Benjamin Netanyahu.

“Missili Jericho! Missile Jericho! Avviso strategico. Arma del giorno del giudizio! Questa è la mia opinione. Possa Dio preservare tutte le nostre forze”, ha scritto lunedì Gotliv su X (ex Twitter).

Jericho è il nome di un missile balistico intercontinentale (ICBM) israeliano, la cui versione più recente è in grado di colpire quasi ovunque nel mondo. È opinione diffusa che Israele abbia dalle 100 alle 200 testate nucleari, cosa che il governo di Gerusalemme Ovest non ha né confermato né smentito.

Martedì, Gotliv ha fatto seguito al suo post sui missili nucleari con un altro, chiedendo di  “schiacciare e radere al suolo Gaza”.

“Solo un’esplosione che scuoterà il Medio Oriente ripristinerà la dignità, la forza e la sicurezza di questo Paese! È il momento di baciare il giorno del giudizio. Spara missili potenti senza limiti. Non radere al suolo un solo quartiere”, ha pubblicato. “Altrimenti non abbiamo fatto nulla.”

“Non con slogan, con bombe penetranti. Senza pietà!” – aggiunge Gotliv.

X ha taggato il suo post come possibile violazione delle regole contro i discorsi violenti, ma non lo ha cancellato poiché ritenuto di interesse pubblico.

In numerosi altri post, Gotliv ha esortato il governo israeliano a “disintegrare Gaza senza pietà” e lo ha esortato a ordinare “la distruzione di Gaza”. Ha anche elogiato il presidente degli Stati Uniti Joe Biden per un “discorso infuocato che ha mostrato ad Hamas che non siamo i soli nel nostro intento di spazzarlo via dalla faccia della terra”.

Hamas, un gruppo militante palestinese che controlla gran parte di Gaza, ha lanciato sabato l’operazione Al-Aqsa Flood, lanciando razzi e inviando commando in profondità nel territorio israeliano. Le Forze di Difesa Israeliane hanno risposto bombardando la Striscia di Gaza e chiudendo tutte le sue utenze.

Martedì pomeriggio, le autorità israeliane hanno registrato almeno 900 morti e 2.600 feriti. Nel frattempo, le autorità palestinesi di Gaza hanno contato almeno 830 morti e altri 4.250 feriti dallo scoppio delle ostilità.

Articolo di rassegna Internazionale – Fonte


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio