NewsEsteri

Salvataggio dall’Inferno: FBI svela operazione shock contro la Tratta di Esseri Umani con oltre 200 vittime, tra cui decine di bambini

TRATTA DI ESSERI UMANI – Negli Stati Uniti, il Federal Bureau of Investigation (FBI) ha annunciato di aver salvato oltre 200 vittime di traffico sessuale, tra cui diverse decine di minorenni, nell’ambito di un’operazione durata più giorni condotta lo scorso luglio dai suoi agenti contro la tratta di esseri umani e le reti di sfruttamento sessuale dei minori. Un giro di vite che ha portato anche alla “identificazione o arresto” di oltre 120 trafficanti.  

Chiamata “Operazione Cross County”, questa offensiva annuale ha permesso “l’identificazione e la localizzazione di 200 vittime del traffico sessuale”. In un comunicato stampa diffuso martedì 1 agosto 2023, l’FBI ha anche annunciato che 126 sospetti coinvolti nello sfruttamento sessuale di bambini e 68 sospetti coinvolti nella tratta di esseri umani sono stati ” identificati o arrestati” . Inoltre, l’agenzia federale, che afferma di aver mobilitato tutti i suoi uffici in tutto il Paese e coordinato i propri sforzi con altre organizzazioni come la polizia statale e locale e i servizi sociali, ha denunciato 59 minori vittime di tratta sessuale localizzata e circa altri 60 bambini scomparsi.

L’operazione si è concentrata, in primo luogo, sull ‘”identificazione e localizzazione delle vittime del traffico sessuale di minori e della tratta di esseri umani” e, in secondo luogo, sull ‘”arresto delle persone e delle imprese criminali coinvolte”.  

Leggi anche: Video Shock – Figli Seviziati E Tenuti In Gabbie Per Cani, La Polizia Li Salva: Arrestati I Genitori

1.400 trafficanti arrestati tra il 2008 e il 2017 

Secondo il National Center for Missing and Exploited Children (NCMEC), un’organizzazione di protezione dei minori che ha partecipato all’operazione dell’FBI, nel 2022 sono pervenute 19.000 segnalazioni di possibili casi di traffico sessuale. Sul suo sito web, questo centro specifica che tra i 25.000 bambini scomparsi che erano fuggiti dai servizi di protezione dell’infanzia, il 18% di loro era probabilmente vittima di traffico sessuale. “Dietro ogni statistica c’è una persona con sogni, aspirazioni e il diritto di vivere una vita libera dal traffico sessuale e dallo sfruttamento “, ha dichiarato Michelle DeLaune, presidente di NCMEC. 

L’FBI, il cui direttore Christopher Wray ha denunciato il traffico di minori, una “grave violazione dei diritti umani che depreda i più vulnerabili della nostra società” , ha precisato che le vittime trovate durante la 13a edizione dell’Operazione Cross County avevano ricevuto cibo e vestiario, pronto soccorso servizi e assistenza nella ricerca di un riparo o di un alloggio. “Le azioni dell’FBI contro questa minaccia non vacilleranno mai e continuiamo a inviare il nostro messaggio: queste atrocità non saranno tollerate “, ha aggiunto Wray nella dichiarazione.  

I dettagli di questa operazione, come la distribuzione degli stati, non sono stati resi noti, ma gli uffici locali dell’FBI comunicano i dati relativi alla loro regione. Quello di San Francisco , ad esempio, ha annunciato l’identificazione e la localizzazione di 21 vittime di traffico sessuale. Nel New Jersey sono stati salvati 5 minori. Il numero nazionale delle vittime accertate si avvicina a quello degli ultimi anni . Tra la prima retata del 2008 e il 2017 sono stati ritrovati più di 900 bambini e arrestati circa 1.400 trafficanti.  

Se la piaga del traffico sessuale di minori e della tratta di esseri umani è denunciata da diversi decenni, la questione è stata particolarmente al centro dell’attenzione negli ultimi mesi negli Stati Uniti. Ad aprile, un’informatrice, Tara Lee Rodas, che ha lavorato con il Dipartimento della salute e dei servizi umani (HHS) in un sito di accoglienza di emergenza per migranti a Pomona, in California, ha apertamente accusato il Congresso del governo degli Stati Uniti di essere complice, “intenzionalmente o no” . , in questo traffico.  

La tratta di minori nel mirino 

In un’udienza intitolata “Biden’s Border Crisis: The Exploitation of Unaccompanied Foreign Children “, ha testimoniato che il governo degli Stati Uniti era diventato “l’intermediario in un’operazione di traffico di bambini su larga scala multimiliardaria gestita da cattivi attori che cercano di trarre profitto dalle vite dei bambini» . Tara Lee Rodas si riferiva principalmente alla gestione da parte dell’amministrazione Biden , ritenuta “lassista” dai repubblicani, dell’immigrazione al confine meridionale degli Stati Uniti e dell’afflusso di migranti minori non accompagnati. A marzo, il New York Times rivela in un’inchiesta la condizione di questi bambini migranti, che si trovano anche loro costretti a lavorare.  

Secondo il Rapporto federale sulla tratta di esseri umani del 2022, l’85% delle vittime trafficate negli Stati Uniti è di nazionalità straniera. Il 69% di loro è oggetto di traffico sessuale e il 15% è sfruttato. “Pensavo che avrei aiutato a collocare i bambini in case amorevoli. Invece, ho scoperto che venivano trafficati attraverso una rete sofisticata che inizia con il reclutamento nel loro paese d’origine, un contrabbando attraverso il confine degli Stati Uniti e finisce quando l’Office of Refugee Resettlement consegna un bambino a uno sponsor – e alcuni di loro sono criminali, trafficanti e membri di organizzazioni criminali transnazionali”, ha detto  Rodas .

Il reclutamento avviene principalmente sui social network, come aveva sottolineato il procuratore generale dello Stato della Florida Ashley Moody. Il 10 luglio ha chiesto in una lettera resa pubblica spiegazioni a Mark Zuckerberg, amministratore delegato del gruppo Meta, i cui social network Facebook e Instagram sono i preferiti dai trafficanti, secondo diversi studi. Il colosso californiano era stato coinvolto anche dal Regno Unito e dall’Unione Europea, che hanno denunciato il coinvolgimento delle applicazioni Meta nel traffico di minori.  

Una presa di coscienza alla quale aderiscono molte star di Hollywood, che da anni denunciano le reti pedofile che prendono di mira attori minorenni. All’inizio di luglio, il thriller “Sound Of Freedom” ci ha allertato sul traffico sessuale di minori e sulla portata del fenomeno. Il lungometraggio, diretto da Alejandro Monteverde con Jim Caviezel nel ruolo del protagonista, ripercorre la vera storia di Tim Ballard, un ex agente del governo degli Stati Uniti che ha combattuto contro questa attività criminale, in particolare in Sud America. Il film ha raggiunto la vetta delle vendite al botteghino al momento della sua uscita.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio