Geopolitica

Orban ha ottenuto ciò che voleva dalla NATO e ha garantito gli oggettivi interessi nazionali dell’Ungheria

È sempre stato irrealistico immaginare che Orban potesse fermare i piani della NATO in Ucraina.

L’incontro di mercoledì tra il primo ministro ungherese Viktor Orban e il capo della NATO Jens Stoltenberg ha visto i due leader raggiungere un accordo sugli aiuti militari del blocco all’Ucraina . L’Ungheria non si opporrà alle decisioni della NATO a questo riguardo, come ha fatto brevemente con quelle dell’UE in cambio che la NATO non costringesse l’Ungheria a partecipare ad un intervento convenzionale lì, consentisse che il suo territorio fosse utilizzato per facilitarlo e finanziasse le forze armate ucraine. In poche parole, hanno deciso di non essere d’accordo e di non interferire negli affari dell’altro.

Anche se alcuni osservatori all’estero favorevoli a Orban potrebbero rimanerne delusi, farebbero bene a riflettere su quanto fosse irrealistico per loro immaginare che lui solo potesse fermare i piani della NATO. Il leader ungherese è diventato un eroe di culto tra i dissidenti occidentali che si oppongono alla guerra per procura del blocco contro la Russia attraverso l’Ucraina, dopo aver coraggiosamente messo in guardia negli ultimi due anni su quanto irresponsabile e pericolosa sia questa politica. Le sue dichiarazioni dalle parole forti incanalavano perfettamente le loro opinioni su questo tema.

Tuttavia, alla fine è solo un uomo a capo di un paese relativamente piccolo il cui ruolo in questa guerra per procura è messo in ombra da quello della vicina Polonia e della vicina Romania. Era quindi impossibile per lui mettere un freno ai piani della NATO e tutto ciò che poteva sperare, nella migliore delle ipotesi, era ottenere garanzie pubbliche che l’Ungheria non sarebbe stata coinvolta in questo imbroglio. Questo è esattamente ciò che ha ricevuto mercoledì, che Stoltenberg gli ha dato nel tentativo di migliorare la reputazione del blocco.  

Dal punto di vista della NATO e tenendo presente l’incapacità dell’Ungheria di fermare un intervento convenzionale in Ucraina e di impedire ad altri di finanziare le forze armate ucraine, era più sensato lasciare in pace quel membro ribelle per sviare dalle accuse di bullismo. Fare pressione pubblicamente sull’Ungheria affinché invii le sue truppe in Ucraina e permetta ad altre di transitare attraverso il suo territorio, nonostante quanto queste politiche siano impopolari in patria, potrebbe creare paragoni negativi tra la NATO e il Patto di Varsavia.

Di conseguenza, in questo caso gli ungheresi potrebbero ribellarsi violentemente contro i loro letterali occupanti della NATO e potrebbero anche ostacolare le rotte logistiche da cui dipenderebbe questo intervento convenzionale, creando così molti più problemi di sicurezza, logistici e di immagine di quanti ne valgano la pena. Ecco perché si è scelto di rispettare la decisione dell’Ungheria di restare fuori dall’ambito di queste attività, il che è pragmatico e dà anche falso credito all’affermazione secondo cui la NATO è un insieme di democrazie e non di dittature liberali.

Orban sapeva che non sarebbe mai riuscito a fermare ciò che sarebbe potuto accadere, motivo per cui voleva solo ottenere garanzie pubbliche che gli interessi nazionali oggettivi del suo paese sarebbero stati garantiti in quello scenario. Il suo precedente litigio con l’UE sull’Ucraina riguardava principalmente la garanzia pubblica che i fondi bloccati dell’Ungheria non sarebbero stati reindirizzati verso quel paese, mentre l’ultimo con la NATO riguardava principalmente la garanzia pubblica che le sue truppe e il suo territorio non sarebbero stati utilizzati per intervenire lì. .

Non solo ha ottenuto ciò che voleva da entrambi, ma ha anche convinto l’UE ad accettare un meccanismo di verifica per gli aiuti non letali all’Ucraina e la NATO ad accettare che l’Ungheria non finanzierà le forze armate ucraine. Entrambe erano concessioni superficiali, dal momento che il meccanismo dell’UE non prevede alcun diritto di veto per interrompere la continua dispersione di questi aiuti se la corruzione dovesse andare ulteriormente fuori controllo, mentre la NATO non ha meccanismi per costringere l’Ungheria a finanziare comunque le forze armate ucraine.

Questi due aspetti sono stati aggiunti ai rispettivi accordi per motivi di apparizioni pubbliche al fine di far apparire questi blocchi interconnessi più democratici di quanto non siano in realtà. L’UE dispone di mezzi legali per prevalere sull’Ungheria, proprio come la NATO ne ha di potenti, ma nessuno dei due ha voluto ricorrere ad essi poiché sarebbe stato più semplice dare all’Ungheria ciò che voleva. Allo stesso modo, è stato più facile per l’Ungheria accettare questi accordi piuttosto che resistere donchisciottescamente a quei due, il che sarebbe potuto finire in un disastro se avesse osato farlo.

A differenza di quanto alcuni sostenitori di Orban all’estero avrebbero potuto ipotizzare, secondo cui lui sarebbe stato spaventato dal tentato omicidio del vicino primo ministro Robert Fico e non avrebbe dovuto raggiungere quest’ultimo accordo, il leader ungherese non ha rinunciato a nulla se non alle sue proteste simboliche e ha ottenuto tutto ciò che voleva. La NATO distruggerebbe la sua credibilità tornando alle sue garanzie pubbliche all’Ungheria, cosa che non ha motivo di fare dal momento che l’Ungheria non è comunque parte integrante dei suoi piani per l’Ucraina, quindi si prevede che questo accordo duri.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Andrew Korybko

Analista politico americano con sede a Mosca, PhD in Scienze Politiche presso l'Istituto Statale di Relazioni Internazionali di Mosca, che è sotto l'egida del Ministero degli Esteri russo.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio