Geopolitica

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord

Israele è ora sotto attacco e fuoco ogni giorno. La resistenza libanese ha sistematicamente preso di mira gli avamposti dell’intelligence israeliana e li sta distruggendo ogni giorno davanti alle telecamere.

È affascinante e noioso il modo in cui Hezbollah ha decimato “gli occhi e le orecchie” di Israele. Per mesi i video della resistenza libanese sono stati metodicamente banali: hanno fatto saltare in aria questa torre di comunicazione, quell’edificio, questa stazione di ascolto.

Sembra un mucchio di niente, ma i conti tornano. Hezbollah aveva un elenco di stazioni di ascolto israeliane nel nord e le ha prese di mira metodicamente per mesi, come Ulisse e i Ciclopi. Ora l’esercito israeliano – per quanto grande possa essere – è praticamente cieco.

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia
La mappa mostra la nuova zona cuscinetto nel nord, come riportato da Haaretz

Poiché Hezbollah crea lacune sempre più grandi nella difesa aerea dello stato occupante, è in grado di lanciare sempre più frequentemente razzi più grandi contro Israele, che penetrano meglio e più in profondità. Per Israele, questo logoramento è un problema crescente. La difesa aerea israeliana è un sistema coeso e la rete sta diventando sempre più un 404. Un esempio di ciò è la distruzione del dirigibile/pallone spia SKYDEW da 230 milioni di dollari.

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia

Questo pallone è progettato per rilevare droni e missili a bassa quota, il che è particolarmente importante poiché è il vettore più comunemente utilizzato dalla Resistenza. SKYDEW può rimanere in aria molto più a lungo – ed è relativamente più economico – degli aerei e può “vedere” molto più lontano dei sistemi a terra. È stato inoltre collocato in un’area strategicamente importante, consentendo loro di coprire gli attacchi provenienti dalla Siria, dall’Iraq e, in misura minore, da Hezbollah, in particolare al porto di Haifa. Ma ora la festa è finita. Ora guarda il palloncino:

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia

SKYDEW è ora rimpicciolito e inutile: una grande perdita che segna anche un grande fallimento. Come indicato sulla mappa degli obiettivi di SKYDEW (l’intelligence di Hezbollah), era “protetto contro droni e UAV da un sistema di sorveglianza elettronica e disturbo” e “protetto da tre strati di sistemi di intercettazione missilistica”: Iron Dome, David’s Sling e Hetz [Arrow] ”. Tutto questo è stato affettato come gli strati di una cipolla, lasciando nuda la difesa israeliana.

Il fronte settentrionale è ora poroso, come i coloni israeliani sanno meglio di chiunque altro. Per citare Moshe Davidovitz, presidente del consiglio regionale di Asher:

“Dieci razzi hanno colpito il centro del paese e i media sono in subbuglio: il paese è in subbuglio”, ha scritto. “Ma ogni giorno decine di razzi vengono lanciati contro gli insediamenti sulla linea di scontro e in Galilea, compresi missili anticarro e droni suicidi, e il Paese rimane in silenzio. Questa è l’ennesima prova che il Nord non viene conteggiato”.

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia
La base aerea di Meron, una delle due basi principali di Israele

Naturalmente Hezbollah contava il nord. Hanno una lista di obiettivi militari israeliani e li stanno esaminando uno per uno. Prendiamo, ad esempio, la base di sorveglianza aerea di Mount Meron, una delle due basi più importanti dello stato occupante. Ecco cosa ha detto un alto funzionario dell’aeronautica israeliana riguardo a questa base in un articolo di Maariv del 2016:

“Il sistema di sorveglianza aerea è fondamentale per la capacità operativa dell’Aeronautica Militare. Il suo compito principale è proteggere lo spazio aereo occupato. Attraverso il sistema di controllo attiviamo tutte le capacità di protezione dello spazio aereo, inclusi elicotteri, aerei, missili e altri sistemi classificati”.

E questo è ciò che l’intelligence di Hezbollah ha diffuso mentre bombardava la città:

“In primo luogo, la base di sorveglianza aerea di Meron si trova sulla cima del Monte Jarmaq [“Monte Meron”] nel nord della Palestina occupata, la vetta più alta della Palestina occupata. La base Meron è l’unico centro amministrativo, di sorveglianza e di sorveglianza aerea nella parte settentrionale del territorio usurpato, e non esiste alcuna alternativa significativa. È una delle due basi principali dell’intera zona occupata: “Meron” a nord e “Mitzpe Ramon” a sud.

La base Meron ha il compito di organizzare, coordinare e dirigere tutte le operazioni aeree verso Siria, Libano, Turchia, Cipro e la parte settentrionale del Mediterraneo orientale. Inoltre, questa base è un centro principale per le operazioni di disturbo elettronico nelle direzioni menzionate ed è presidiata da un gran numero di ufficiali d’élite e soldati delle forze armate sioniste.

In secondo luogo, sabato 6 gennaio 2024 alle 07:50, come parte della risposta preliminare al crimine di assassinio del grande leader Sheikh Saleh Al-Arouri e dei suoi fratelli martiri nel sobborgo meridionale di Beirut, i combattenti del La base di sorveglianza aerea di Meron della Resistenza Islamica è stata bombardata con 62 razzi di vario tipo, che hanno ottenuto colpi diretti e confermati”.

Hezbollah ha catturato i suoi attacchi alla base aerea di Meron in innumerevoli video, e sono implacabili. Può diventare noioso perché tutto non va mai storto, ma ogni piccolo successo conta. Ogni volta che si apre un varco nelle difese aeree israeliane, il divario diventa ancora più grande poiché Hezbollah danneggia sistemi complessi e interconnessi.

Oggi la base di Meron riesce a malapena a difendersi, per non parlare della regione. Tel Aviv ha risposto assassinando Hezbollah e i leader alleati, ma la resistenza si limita a nominare i razzi con il nome di questi martiri e ne invia altri.

Questa è una battaglia di logoramento, e Hezbollah presta attenzione mentre Israele si agita a capofitto. Totalmente distratto dai brutali attacchi militari contro i civili nel sud di Gaza, Israele ha perso la battaglia per il nord.

Dopo mesi di noioso lavoro amministrativo, Hezbollah è finalmente arrivato al punto. La difesa aerea dello stato occupante nel nord è ora come una vecchia zanzariera logora attraverso la quale il cane ha inseguito il gatto. È pieno di buchi, grossi buchi. Hezbollah è sempre più capace di sparare a piacimento e con armi sempre più precise. Qui, ad esempio, potete vedere Hezbollah abbattere uno SKYSTAR 330 attraverso un attacco di droni contro l’operatore del Battaglione 869.

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia

In questo caso, Hezbollah non ha preso di mira il pallone spia in sé, ma piuttosto i piloti del pallone, in tre luoghi contemporaneamente. Dopo lo spegnimento degli operatori, il pallone è andato fuori controllo ed è atterrato in Libano, dove alcuni bambini lo hanno recuperato. Questi sono gli occhi e le orecchie dello Stato di Israele nel nord. Sono sul pavimento.

Ferro ‘finitura’

Israele non ha più nulla che possa essere chiamato difesa aerea nel nord. La cupola in ferro è terminata. Hezbollah può sparare a piacimento, e lo fa ogni singolo giorno ormai da sette mesi. I razzi della resistenza irachena volano direttamente sopra di loro, verso Haifa. L’Iran può sopraffare l’intero sistema nazionale quando vuole. Israele può ancora offendersi la coscienza, ma ora è indifeso contro i razzi. Anche Hamas sta colpendo dalla traumatizzata Striscia di Gaza. È stagione di caccia e i coloni lo sanno.

Ovunque nella stampa ebraica i coloni israeliani si lamentano apertamente della loro condizione precaria. Alcuni erano così arrabbiati che minacciarono di separarsi dall’intero stato e di creare il nuovo stato di Galilea. Come ha detto il Jerusalem Post:

“La goccia che ha fatto traboccare il vaso è stata la risposta del Primo Ministro in riunione di gabinetto ad una domanda di Benny Gantz, come riporta N12. Gantz voleva sapere se i residenti sarebbero tornati nelle loro case il 1 settembre per l’inizio dell’anno scolastico, e Netanyahu ha risposto: “Qual è la cosa peggiore che può accadere se tornassero qualche mese dopo il 1 settembre?”

Questa è ovviamente la cosa peggiore che possa accadere. Lo sforzo decennale di Israele per far sì che gli attori internazionali accettino e si aspettino un cattivo comportamento da Tel Aviv si basa sulla premessa che possono fare quello che vogliono. Se l’Iron Dome non funziona, Israele non funziona, e ora l’Iron Dome non funziona. Adesso è il Setaccio di Ferro. I santi guerrieri lo hanno crivellato di buchi.

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia
Una batteria dell’Iron Dome nel mirino di Hezbollah

Questo è un grosso problema perché l’Iron Dome non è solo il meccanismo di difesa fisica di Israele, ma anche il suo meccanismo di difesa psicologica. Rende credibile l’intero progetto coloniale, vale a dire che Israele può tiranneggiare chiunque nella regione senza timore di conseguenze. Credere nella “Cupola di Ferro” significa credere in “Israele”, ed entrambi non sono più credibili. Gli insediamenti ebraici nel nord si sono svuotati e non torneranno presto. Come ha affermato il Resistance News Network (RNN) (il 29 maggio):

“Secondo il Ministero della Guerra sionista, dal 7 ottobre 930 case di coloni sono state danneggiate dai razzi Hezbollah in 86 insediamenti nel nord della Palestina occupata.

Ad Al-Manara, ad esempio, 130 case su 155 sono state distrutte. A Metulla solo 34 residenti vivono ancora nell’insediamento. A Kiryat Shmona, uno dei più grandi insediamenti (del nord), la popolazione è scesa da 24.000 a meno di 4.000 e 124 case sono state danneggiate.

Ciò avviene in un contesto in cui più di 200.000 coloni nel nord sono stati sfollati a causa della resistenza e hanno allestito il proprio campo profughi. Alcuni vogliono separarsi da “Israele” e creare un proprio Stato, mentre altri, come l’insediamento “Margaliot”, hanno reciso da ieri i loro legami con l’entità.

“Sorprendentemente, secondo quanto riferito, le Foi stanno pianificando di ridurre significativamente il numero dei suoi soldati al confine settentrionale e negli insediamenti vicini, sia per ragioni finanziarie sia per dare a Hezbollah meno obiettivi”.

Consideriamo un esempio di Hezbollah che elimina un obiettivo: una batteria Iron Dome. Lo fa sistematicamente e ripetutamente. Questo rapporto descrive come Hezbollah prima inganna la batteria facendola identificare bombardandola di spazzatura e poi attaccandola con i droni.

Il filmato esclusivo mostra le operazioni di sorveglianza e ricognizione che hanno permesso a Hezbollah di scoprire le posizioni delle batterie “Iron Dome” vicino all’insediamento di “Kfar Blum” utilizzando una tattica chiamata “fire baiting”.

Il filmato mostra Hezbollah che spara munizioni sui siti e documenta l’operazione di intercettazione da parte della batteria “Iron Dome”, che ha consentito a Hezbollah di condurre un’operazione di alta precisione e di alta qualità.

Le scene alle 4:25 mostrano un targeting riuscito delle batterie dell’Iron Dome senza che queste siano in grado di rilevare, tracciare o contrastare l’attacco. Le foto pubblicate mostrano anche che Hezbollah sta conducendo una sorveglianza di intelligence sui soldati israeliani in queste strutture di nuova costruzione ed è in grado di documentare i dettagli geografici e le dimensioni delle fortificazioni utilizzate.

Hezbollah lo ha fatto ancora e ancora, dando la caccia metodicamente e rintracciando le batterie Iron Dome una per una. Con le restanti attrezzature di sorveglianza di Hezbollah decimate e incapaci di vedere cosa sta succedendo, Israele è costretto a ritirare le sue risorse militari ancora più lontano dal confine. Altrimenti succede esattamente questo:

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia

Questo è il momento in cui Hezbollah spara sull’unità di guarnigione di Barkat Risha con un ATGM [missile guidato anticarro] iraniano Almas Top Attack. A differenza di Hezbollah e Hamas, Israele non ha costruito tunnel sotterranei negli ultimi 20 anni, lasciando le sue truppe senza protezione senza la cupola di ferro. Prendiamo, ad esempio, il quartier generale della 769a Brigata delle IOF, o ciò che ne resta.

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia

Il progetto coloniale si ridurrà rapidamente senza difesa aerea. Quando i soldati se ne vanno, anche i coloni devono andarsene. Questa non è una ritirata strategica, è una sconfitta strategica. Questa non è una soluzione, solo una risoluzione. Ma è tutto ciò che Israele può fare. Non solo ha perso il controllo del Nord, ma ha anche perso il controllo del ritmo di questa guerra. Hezbollah può alzare la temperatura finché Israele non sarà cotto. Date un’occhiata a Kiryat Shmona (la al-Khalisa occupata), che è stata letteralmente in fiamme pochi giorni fa:

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia

Ciò è dovuto direttamente al fatto che l’Iron Dome non intercetta i droni e Hezbollah ha l’intera regione sotto attacco. Ecco perché brucia. I coloni ora vedono un cartello con la scritta “Benvenuto” che si è letteralmente sciolto.

Ciechi e sordi: come Israele ha perso il Nord News Academy Italia

Mentre Israele si ritira sempre più dal confine con il Libano, il crollo del fronte settentrionale apre anche lo stato occupante agli attacchi provenienti dalla Siria e dall’Iraq che possono arrivare direttamente da lì. Tutto ciò provoca enormi danni psicologici in Israele, poiché la “Cupola di Ferro” era la principale barriera protettiva.

Secondo quanto riferito, Hezbollah ha distrutto oltre 1.650 dispositivi di intelligence, sorveglianza e targeting (ISR) dall’8 ottobre 2023. La resistenza libanese aveva una vera strategia, mentre Israele bombardava selvaggiamente ambulanze e case senza valore militare. Ora Israele ha perso la Palestina settentrionale e non tornerà più.

FONTE: CIECHI E SORDI: COME ISRAELE HA PERSO IL NORD


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio