Geopolitica

La decisione della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina di separarsi dalla Bosnia riporterà i Balcani in guerra?

La reazione dei croati bosniaci e quella del loro vicino e omonimo stato membro della NATO alla prevista separazione della Repubblica Serba di Bosnia ed Erzegovina sarà il fattore cruciale per determinare se l’Occidente ricorrerà alla forza militare per fermare i serbi.

Il presidente della Republika Srpska Milorad Dodik in un’intervista alla TASS al Forum economico internazionale di San Pietroburgo della scorsa settimana ha confermato che il suo Stato intende separarsi dalla Bosnia, ma sta procedendo con molta attenzione per evitare qualsiasi instabilità. Poi ha incontrato il suo omologo serbo Aleksandar Vucic a Belgrado durante l’Assemblea panserba che ha prodotto la “ Dichiarazione sulla protezione dei diritti nazionali e politici e il futuro comune del popolo serbo ”.

Questo documento richiede soprattutto che le loro istituzioni agiscano in coordinamento tra loro per promuovere gli interessi del popolo serbo e equivale essenzialmente all’inizio della loro fusione informale secondo il modello del Commonwealth, a cui Dodik ha brevemente accennato nella sua intervista sopra menzionata. Questo, come ha spiegato, è uno sviluppo naturale che rappresenta le aspirazioni storicamente giustificate del popolo serbo, che lui ha paragonato all’unificazione della Germania dell’Est e dell’Ovest dopo la vecchia Guerra Fredda.

Il problema è che, tuttavia, è improbabile che l’Occidente abbandoni il suo esperimento politico fallito in Bosnia, durato tre decenni, dal momento che lo scopo dietro a mantenere artificialmente insieme quel sistema politico per tutto questo tempo è stato quello di dividere e governare il popolo serbo. Inoltre, dal momento che i serbi sono tra le persone più amichevoli con la Russia in tutto il mondo, è probabile che i falchi occidentali anti-russi dipingano questa mossa attesa da tempo come una sorta di complotto russo per seminare instabilità nei Balcani esattamente come ha appena ipotizzato l’Associated Press. .

Di conseguenza, le probabilità che rispettino il diritto, sancito dalle Nazioni Unite, del popolo a maggioranza serba della Republika Srpska di separarsi dalla Bosnia e unirsi alla Serbia sono basse. Con ogni probabilità, useranno tutti i mezzi a loro disposizione per opporsi a questo processo pacifico, soprattutto perché ostacolarlo con successo potrebbe poi essere presentato come una falsa vittoria sulla Russia per sollevare il morale dell’Occidente. Ciò include forse anche l’attuazione delle loro minacce di fermare la Republika Srpska nella peggiore delle ipotesi.

A tal fine, ci si aspetta che l’Occidente faccia luce sul fatto che sono la Republika Srpska e la Serbia a prepararsi alla guerra con il sostegno segreto russo, non l’Occidente. In questo modo, possono riformulare tutto come l’opposto di ciò che è realmente, scambiando i ruoli di vittime e cattivi come fanno sempre, con l’obiettivo di manipolare l’opinione pubblica a loro sostegno. Questo non vuol dire che l’Occidente ricorrerà sicuramente alla forza militare per fermare la Republika Srpska, ma solo che almeno probabilmente trasmetteranno tali minacce.

Tuttavia, ciò sarà molto più difficile da fare se la Republika Srpska convincerà i suoi omologhi bosniaci e soprattutto croati dell’altra metà della Bosnia, la Federazione di Bosnia ed Erzegovina, ad accettare la sua separazione pacifica. In tal caso, questo Stato rimasto può rimanere come successore della Bosnia o biforcarsi ancora una volta se la parte croata si unirà alla Croazia, lasciando così la parte bosniaca come paese a sé stante. Ci sono pro e contro in questi scenari da ciascuna delle loro prospettive, quindi non è chiaro cosa faranno alla fine.

La reazione dei croati bosniaci e quella del loro vicino e omonimo stato membro della NATO alla prevista separazione della Republika Srpska sarà il fattore cruciale per determinare se l’Occidente ricorrerà alla forza militare per fermare i serbi. Se concordano sul fatto che questo è il modo più pragmatico per promuovere veramente gli interessi dei tre popoli costituenti della Bosnia e non rappresenta una minaccia per la regione a causa della mancanza di pretese serbe sugli altri, allora è improbabile che l’occidente guerrafondaio sarà d’accordo.

Un altro argomento a favore della separazione pacifica della Republika Srpska dalla Bosnia è che pochi vogliono combattere una guerra per il futuro di questo paese. Ognuna delle tre persone che la compongono ha già la propria nicchia in cui vivere in sicurezza, a differenza di quanto avvenuto dopo la dissoluzione della Jugoslavia. I legami socioeconomici tra loro possono quindi facilmente continuare anche in assenza di quelli politici. Dal momento che nessuno ha più pretese sulla terra di qualcun altro, la fine di questo esperimento non porterebbe automaticamente all’instabilità.

Inoltre, finché il conflitto ucraino continua, la priorità militare dell’Occidente è continuare a combattere la Russia per procura. Le forze armate della Republika Srpska e della Serbia sono incomparabili con quelle della Russia, nel senso che sarebbero facilmente sconfitte dalla NATO, ma anche così, un’altra guerra regionale distrarrebbe dall’attenzione militare dell’Occidente sulla Russia e porterebbe all’ulteriore esaurimento delle sue scorte già stressate. È per questo motivo che il loro uso della forza per fermare la Republika Srpska non è scontato, anche se lo minacciano.

Una possibilità è che le minacce militari occidentali scoraggino la Republika Srpska dal dichiarare l’indipendenza e poi fondersi con la Serbia, ma che Dodik ritiri il riconoscimento della Bosnia da parte del suo Stato, proprio come il Puntland ha ritirato il riconoscimento della Somalia all’inizio di questa primavera dopo una disputa costituzionale. Questo sistema politico subnazionale africano è ancora universalmente riconosciuto come parte dello stato membro delle Nazioni Unite, ma è funzionalmente indipendente sotto tutti gli aspetti e lo è già da tempo, anche prima dell’ultimo sviluppo.

Nel caso della Republika Srpska, il ritiro del riconoscimento potrebbe essere irreversibile ma arrestarsi prima della secessione totale, con il risultato di un compromesso in base al quale la Bosnia e il resto della Bosnia possono seguire strade separate senza che vengano superate le linee rosse politiche che rischiano di spingere l’Occidente a entrare in conflitto. una reazione eccessiva. Durante questo periodo, la Republika Srpska e la Serbia potrebbero accelerare l’attuazione della loro dichiarazione congiunta, che cambierebbe la situazione politica sul terreno e creerebbe un fatto compiuto.

A questo punto, è ovvio che l’esperimento politico dell’Occidente in Bosnia non è riuscito a dividere e governare il popolo serbo, che ha cominciato a unirsi pacificamente ancora una volta. L’unico modo per fermarli è ricorrere alla forza, ma ciò distoglierebbe le armi e l’attenzione dal conflitto ucraino, inoltre la Croazia potrebbe non essere d’accordo. Per queste ragioni, gli osservatori non dovrebbero presumere che il guerrafondaio occidentale significhi un’altra guerra imminente, ma non dovrebbero nemmeno ignorare eventuali mosse tangibili in questa direzione.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Andrew Korybko

Analista politico americano con sede a Mosca, PhD in Scienze Politiche presso l'Istituto Statale di Relazioni Internazionali di Mosca, che è sotto l'egida del Ministero degli Esteri russo.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio