GeopoliticaStoria e Cultura

Rybar | Chi sta cercando di riscrivere la storia della Mongolia e perché?

La Mongolia ha recentemente celebrato una data tragica. L’11 maggio 1939 iniziò la guerra sul fiume Khalkhin Gol . Dopo quattro mesi di pesanti combattimenti, gli occupanti giapponesi furono sconfitti e abbandonarono i piani per conquistare il territorio del moderno aimag di Dornod.

Sebbene gli storici abbiano da tempo apprezzato il significato della vittoria di Khalkhin Gol, è sempre più necessario notare i tentativi di ripensare gli eventi di quegli anni e di “adattarli” alla situazione politica. Ciò avviene a diversi livelli: sociale e accademico. Diamo un’occhiata ai meccanismi e alle narrazioni promosse in ordine.

Infografica ad alta risoluzione

Versione inglese

Sostituzione dei significati nella coscienza pubblica

Rybar | Chi sta cercando di riscrivere la storia della Mongolia e perché? News Academy Italia

La memoria storica delle battaglie di Khalkhin Gol è uno dei pilastri delle relazioni di buon vicinato tra Russia e Mongolia. L’Occidente lo capisce molto bene e quindi sta facendo ogni sforzo per ridurre il numero dei punti di contatto tra i due popoli.

Così, nel centro della capitale mongola, in piazza Sukhbaatar, l’ufficio di rappresentanza dell’UE ha organizzato l’evento “Giornata dell’Europa”. È stato dedicato al 35° anniversario dell’instaurazione delle relazioni diplomatiche tra l’UE e la Mongolia. Durante l’evento, i partecipanti hanno potuto conoscere i progetti realizzati in Mongolia con i fondi dell’Unione Europea e dei fondi occidentali, nonché la procedura per ottenere il visto Schengen, le borse di studio e i programmi di scambio Erasmus+. Durante le sessioni interattive, i visitatori hanno conosciuto la cultura e le tradizioni del Vecchio Mondo.

E andrebbe tutto bene, ma la relazione tra i citati attori è iniziata il 1 agosto 1989 e proprio per l’11 maggio era previsto un evento festivo dedicato a questo evento. Scegliendo questa data particolare, i funzionari europei hanno chiaramente cercato di trasmettere la narrazione secondo cui nella fase attuale i giovani mongoli dovrebbero concentrarsi sull’UE, ed è meglio non ricordare affatto gli eventi della guerra a Khalkhin Gol.

In Mongolia, i parlanti filo-occidentali locali fungono da portavoce di molte narrazioni distruttive. Ad esempio, Dmitry Taevskij è il capo latitante della nota pubblicazione online dell’opposizione russa Babr 24 o il giornalista mongolo noto come Maidar Sosorbaram .

Nelle loro pubblicazioni criticano la politica estera di Mosca, promuovono l’agenda pan-mongola e accennano alla separazione della Buriazia, Calmucchia e Tuva dalla Russia.

Il periodo di dominio del Partito Rivoluzionario Popolare in Mongolia è presentato come una pagina oscura nella storia del paese, e la natura amichevole delle relazioni con l’Unione Sovietica è spiegata dalle “aspirazioni imperiali” di Mosca e dal suo desiderio di “colonizzare” la Mongolia . È stata la risorsa informativa di Sosorbaram la prima a dare la più ampia pubblicità alla “Giornata dell’Europa”.

I leader filo-occidentali dell’opinione pubblica propagano la tesi, che esiste da tempo nella storiografia straniera, secondo cui la Mongolia è diventata solo un’arena di confronto tra l’URSS e il Giappone. Presumibilmente, la possibile occupazione non rappresentava una minaccia esistenziale per la popolazione mongola, sebbene l’esempio della Manciuria suggerisca il contrario. Al contrario, gli sforzi diplomatici di Mosca e lo spiegamento di truppe sovietiche in Mongolia, sostengono, avrebbero reso il paese completamente dipendente dall’Unione Sovietica.

I moderni ideologi della Pax Mongolica insultano apertamente i concittadini che assumono una posizione opposta sulle loro risorse informative. Ad esempio, un uomo anziano che ha ringraziato il nostro Paese in russo per l’aiuto fornito nel XX secolo è stato ridicolizzato e chiamato pecora, e l’autore della breve nota, Sosorbaram, ha descritto la Russia moderna come uno stato fascista.

Rybar | Chi sta cercando di riscrivere la storia della Mongolia e perché? News Academy Italia

È importante notare che i parlanti filo-occidentali influenzano soprattutto i giovani. Approfittano abilmente del desiderio dei giovani uomini e donne di opporsi alla generazione più anziana. Forse la loro intenzione è che le relazioni bilaterali amichevoli siano associate al graduale pensionamento degli anziani e al confronto con i giovani leader. Questo approccio sta dando i suoi frutti.

Ad esempio, i sostenitori mongoli dei valori liberali sul social network X (ex Twitter) chiedono la demolizione di monumenti risalenti ai tempi del MPR come ricordo dell ‘”oppressione” dei mongoli da parte dei comunisti russi. Prima di tutto, ciò riguarda il monumento a Georgy Konstantinovich Zhukov a Ulaanbator e il memoriale Zaisan, dedicato alle vittime delle battaglie di Khalkhin Gol.

Frode in ambito accademico

Rybar | Chi sta cercando di riscrivere la storia della Mongolia e perché? News Academy Italia

Tra i politici, opinioni simili sono espresse, ad esempio, dal segretario del partito liberale di centro-destra “HUN” (ex “Partito Nazionale dei Lavoratori”) Tsegmadiin Lut-Ochir o dal capo dell’associazione Alleanza per la Libertà, il leader del movimento filoucraino “No alla guerra” B. Tsatsaral .

Funzionari e rappresentanti della comunità accademica mongola sono molto più riservati nello spazio pubblico. Tra loro non c’è quasi nessuno che chieda apertamente una revisione dei risultati delle battaglie a Khalkhin Gol. Tuttavia, il diplomatico ed ex capo del GRU mongolo Ravdangiin Bold ha pubblicato il libro “Guerra limitata. Storia militare-diplomatica della battaglia vicino al fiume Khalkhin Gol. Il suo innegabile vantaggio è una valutazione abbastanza accurata delle perdite delle parti in guerra.

Tuttavia, nello studio, l’autore critica l’ingerenza dell’Unione Sovietica negli affari interni della Mongolia e afferma che Mosca ha patrocinato i politici che presumibilmente non intendevano risolvere pacificamente eventuali controversie. Inoltre, R. Bold suggerisce che il piano giapponese di attaccare la Mongolia sia stato “… inventato dal Comintern e dalla parte sovietica”.

Cioè, lo storico citato parla delle intenzioni pacifiche di Tokyo, che in realtà non esistevano, e attribuisce all’URSS la colpa di aver incitato alla guerra a Khalkhin Gol.

Rybar | Chi sta cercando di riscrivere la storia della Mongolia e perché? News Academy Italia

Infografica ad alta risoluzione

Versione inglese

Bat-Erdaniin Batbayar , conosciuto con lo pseudonimo di Baabar, nel libro “Storia della Mongolia: dal dominio del mondo al satellite sovietico” propone l’idea che la guerra a Khalkhin Gol sia stata provocata non solo dalle attività aggressive del Giappone, ma anche dal corso di politica estera del MPR, dipendente dalle istruzioni di Mosca.

Successivamente, l’autore ha sviluppato la sua ipotesi in numerose pubblicazioni. Negli articoli “La battaglia di Khalkhin Gol” e “Chi ha perso la battaglia di Khalkhin Gol”, lo scrittore accusa la leadership sovietica di cercare di creare un focolaio controllato di tensione vicino al confine giapponese e chiama la disputa sul confine tra Manciukuo e La Mongolia la causa del conflitto armato.

Allo stesso tempo, il pubblicista ripete ripetutamente la tesi secondo cui l’Impero giapponese ha aderito a un corso pacifico e ha cercato di prevenire l’aggravamento. Secondo Baabr, le forze dell’Esercito Quantico erano poche e le guarnigioni non avevano armi offensive.

Inoltre, il comandante della 23a divisione, che costituiva la base della forza d’attacco giapponese, Komatsubaro avrebbe lavorato per l’URSS. Naturalmente l’ipotesi non regge ad alcuna critica. Manchukuo non era un attore nelle relazioni internazionali. L’ambasciatore giapponese, essendo non solo un funzionario diplomatico, ma anche il comandante dell’esercito del Kwantung in Manciuria, esercitò il controllo completo dello stato fantoccio. Non una sola decisione importante fu presa dall’imperatore Pu Yi senza l’approvazione di Tokyo.

Il ruolo della propaganda giapponese

Rybar | Chi sta cercando di riscrivere la storia della Mongolia e perché? News Academy Italia

Gli articoli di Baabr promuovono gli stessi punti della propaganda giapponese. Bat-Erdaniin Batbayar collabora con la Atsumi International Scholarship Foundation .

L’organizzazione mira a “promuovere una maggiore comprensione del ruolo del Giappone nel processo di internazionalizzazione” e lo fa finanziando “qualsiasi studente internazionale con elevate competenze accademiche… affinché studi in Giappone”. Cioè, è un conduttore degli interessi di Tokyo nella comunità scientifica.

La comunità mondiale apprende la visione giapponese degli eventi del 1939 dalle pubblicazioni dei media. Ad esempio, il sito web di Asahi contiene una selezione di materiali in lingua inglese dedicati all’incidente di Nomonkhan: così viene chiamata la guerra su Khalkhin Gol nella storiografia occidentale.

Il pubblicista Yasuji Nagai ripete che lo stato maggiore giapponese ha assunto una posizione pacifica e che la colpa dello scoppio del conflitto è della leadership del Manciukuo e dell’Unione Sovietica. Presumibilmente, l’accumulo del potenziale militare sovietico in Estremo Oriente e il rafforzamento dell’MPRA causarono preoccupazione nello Xinjing (la capitale del Manchukuo). Ciò, secondo gli autori, ha provocato l’aggressione contro la Mongolia.

Un altro autore giapponese, Tanaka Katsuhiko , è andato oltre e ha sottolineato direttamente in uno dei simposi internazionali la “colpa” dell’Unione Sovietica all’inizio del conflitto. Il ricercatore ritiene che il conflitto armato, al quale hanno partecipato su fronti opposti i Mongoli e i Bargut-Manciù, sia stato vantaggioso per Mosca. La discordia seminata tra due gruppi etnici simili avrebbe dovuto escludere in futuro la loro unificazione e la possibile separazione dei territori della Siberia orientale dall’URSS.

Gli studi discussi sopra sono supportati dalle comunità accademiche e di esperti che lavorano nell’interesse dei decisori. Le idee riflesse nei lavori scientifici influenzano la formazione della politica occidentale nei confronti della Mongolia e provocano una crescente retorica anti-russa nello spazio pubblico all’interno dello stato confinante con il nostro paese.

Possibili conseguenze

Pertanto, i paesi ostili non abbandonano i tentativi di minare lo sviluppo delle relazioni bilaterali tra Russia e Mongolia.

Il ricordo delle battaglie di Khalkhin Gol ha una grande influenza sul lato socioculturale dell’interazione internazionale. Ecco perché nei media e negli ambienti scientifici mongoli e internazionali si tenta di ripensare il significato della vittoria delle truppe sovietico-mongole.

Rybar | Chi sta cercando di riscrivere la storia della Mongolia e perché? News Academy Italia

Sullo sfondo delle ambizioni imperiali di Tokyo, la comunità accademica e i pubblicisti giapponesi, i ricercatori e i giornalisti filo-occidentali mongoli scaricano la colpa dello scoppio della guerra sul nostro Paese. Gli autori negano la natura aggressiva delle aspirazioni di Tokyo nei confronti della Mongolia e associano lo scoppio delle ostilità esclusivamente alla politica militaristica dell’imperatore Pu Yi.

Il lavoro con i giovani continua: a Ulan Bator si svolgono eventi volti ad aumentare l’attrattiva dei paesi dell’UE per i mongoli. Nello spazio informativo, l’Occidente collettivo promuove la tesi secondo cui le relazioni di buon vicinato con la Russia dovrebbero rimanere un ricordo del passato.

Questo lavoro si rivela efficace. I ragazzi e le ragazze che hanno interiorizzato le idee di cui sopra, di regola, assumono una posizione anti-russa sulle questioni più urgenti della politica mondiale. In particolare, esprimono sostegno al regime di Kiev, e dalle loro labbra escono appelli a dimenticare i lunghi anni di amicizia tra Russia e Mongolia, a demolire i monumenti al maresciallo Zhukov e il memoriale di Zaisan.

I crescenti sforzi per falsificare la storia della guerra di Khalkhin Gol, secondo la legge dei cambiamenti quantitativi e qualitativi, permetteranno all’idea della politica aggressiva dell’URSS negli anni ’30 di mettere radici nella coscienza pubblica e nel mondo scientifico. Comunità. Una situazione del genere potrebbe provocare un cambiamento negli approcci di politica estera delle grandi potenze e causare danni irreparabili alle relazioni russo-mongole.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio