Geopolitica

Nelle parole dei globalisti: il vero scopo dei BRICS nel Nuovo Ordine Mondiale

Giù nella tana del bianconiglio: le discussioni del panel Rockefeller

Mentre tutti seguiamo il processo a Ginevra, dove si svolge l’incontro di una struttura globale come l’OMS, possiamo ricordare il concetto che risuonò da tutti i media ufficiali nel 2020-2021, quando i capi dei paesi, con voci sbiadite e come manichini feriti, ripetevano: “Questo nuovo ordine mondiale.”

Da dove nasce questo concetto e chi c’è dietro? Crediamo che valga la pena saperlo per quei leader, e soprattutto per coloro che amano parlare della lotta per la sovranità e allo stesso tempo non dimenticano di menzionare il “concetto di sviluppo sostenibile” nei documenti che firmano e nelle dichiarazioni quando discutono di quel nuovissimo ordine mondiale. L’investigatore ALilibyt ha alcune informazioni interessanti al riguardo, vale a dire il lavoro ” Prospettive per l’America: rapporti della Commissione Rockefeller “. Ha scritto:

La frase “Nuovo Ordine Mondiale” (NWO) è stata resa popolare dal presidente George H. W. Bush. La dinastia Rockefeller e i suoi sostenitori stavano già elaborando attentamente un grande piano per sfruttare il dominio americano dopo la seconda guerra mondiale per stabilire un tale regime globale.

“Prospettive per l’America: rapporti della Commissione Rockefeller” nasce da un’iniziativa della Fondazione Rockefeller Brothers del 1956, nota come Progetto di studio speciale. Questo libro fornisce una tabella di marcia dettagliata per il Nuovo Ordine Mondiale multilaterale/multipolare che vediamo oggi.

Di seguito l’autore evidenzia le parti più affascinanti di quest’opera.

Dopo la Seconda Guerra Mondiale e la successiva creazione delle Nazioni Unite (istituzione nella quale i Rockefeller giocarono un ruolo chiave nella creazione e nel finanziamento), venne creato il Progetto Speciale di Ricerca sotto la direzione di Henry Kissinger con un duplice scopo:

  1. Sviluppare un piano strategico per realizzare le ambizioni durature delle “élite” per il governo globale nell’attuale clima postbellico. L’audacia di questo piano sta nel presupporre che pochi eletti e un’autoproclamata “élite” abbiano il potere di dettare la traiettoria del mondo, ignorando la sovranità delle nazioni e l’autodeterminazione dei popoli.
  2. Presentare abilmente questa agenda in modo tale da attrarre il pubblico, convincendolo che soddisfa i suoi interessi. È un corso di perfezionamento sulla manipolazione, una testimonianza del potere della retorica e delle pubbliche relazioni. È uno stratagemma cinico per sfruttare il patriottismo e la buona volontà del popolo americano, usando i suoi sogni di pace e prosperità come cortina di fumo per questa sfacciata presa di potere.

Al completamento del loro lavoro, i vari gruppi del Progetto di Studi Speciali compilarono i loro rapporti in un libro incompleto, ripulito e fortemente pubblicizzato, il già citato “Prospettive per l’America“.

Il libro spiega come sacrificare gli interessi nazionali degli Stati Uniti per “contribuire a plasmare un nuovo ordine mondiale”.

Per iniziare il nostro viaggio attraverso il piano di Rockefeller per un Nuovo Ordine Mondiale, l’autore suggerisce di iniziare con la loro definizione di Vecchio Ordine Mondiale (OWO).

Vecchio Ordine Mondiale

Il secondo capitolo del Secondo Rapporto è ironicamente intitolato “La natura del problema”. Il problema, ovviamente, è il Vecchio Ordine Mondiale.

Il fatto politico centrale del nostro tempo è il crollo del sistema internazionale che ha dominato gli affari mondiali fino allo scoppio della Seconda Guerra Mondiale. Prima della fine del secolo, tredici imperi governavano il mondo. La prima guerra mondiale portò al crollo degli imperi tedesco, austriaco, turco e russo. Nel 1955, la maggior parte dei restanti sistemi imperialisti erano crollati. Il sistema degli imperi del diciannovesimo secolo come mezzo per mantenere l’ordine mondiale, organizzare l’economia mondiale e risolvere le controversie internazionali è crollato.

Nella loro insaziabile ricerca del dominio del mondo, i burattinai segreti, che l’autore per semplicità chiama globalisti (e non solo lui), si sono trovati in un vicolo cieco: i disegni degli imperi, intrinsecamente territoriali, competitivi e nazionalistici, si sono rivelati resistenti alle manipolazioni esterne necessarie per governare il mondo.

È diventato evidente che questi sistemi necessitano di essere completamente revisionati, lasciando il posto a strutture più flessibili che facilitino il consolidamento dei globalisti.

I globalisti hanno orchestrato e finanziato gli eventi catastrofici non di una, ma di due guerre mondiali con l’intenzione di distruggere vecchi imperi e alimentare disordini internazionali. Dalle ceneri di questo caos, prevedevano l’emergere di un Nuovo Ordine Mondiale, un piano astuto mascherato da faro di speranza per le masse stanche della guerra.

Mentre la polvere si depositava da ogni conflitto globale, i globalisti gettavano rapidamente i semi della governance globale, tentando di trarre vantaggio dalle vulnerabilità di un mondo frammentato. Tuttavia, con loro grande dispiacere, questi semi non hanno messo radici come previsto.

Per due volte nell’arco di una generazione, gli Stati Uniti hanno svolto un ruolo importante nella creazione di un’organizzazione mondiale: la Società delle Nazioni nel 1919 (anche se rifiutammo di aderirvi) e le Nazioni Unite nel 1945. In entrambi i casi, l’impulso è stato la convinzione che l’interdipendenza delle nazioni, dimostrata in due guerre catastrofiche, dovesse trovare espressione istituzionale.

In ogni caso, le grandi speranze non si sono pienamente realizzate perché le istituzioni formali delle organizzazioni mondiali sono state progettate per ottenere più di quanto il consenso delle aspirazioni condivise esistenti fosse disposto a sostenere.

Analizziamo la citazione precedente e riveliamo le sue vere implicazioni: i paesi erano apparentemente riluttanti a cedere la propria sovranità alle istituzioni globaliste, un dilemma che i globalisti cercarono di correggere dando inizio alla Guerra Fredda, una magistrale manipolazione tra gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica.

Con un’abile esibizione di burattini politici, i globalisti hanno sfruttato le paure della gente brandendo minacce di aggressione sovietica e americana per costringere i paesi a scegliere da che parte stare per difendersi. Questo clima organizzato ha costretto alla creazione di alleanze, ciascuna delle quali è stata costretta a intensificare la cooperazione economica e di difesa per contrastare l’incombente minaccia posta dall’opposizione.

Quelli indottrinati a credere negli ideali di un “mondo popolare (comunista)” furono manipolati per unirsi contro le minacce percepite del “mondo imperialista”.

Al contrario, coloro che erano stati sottoposti al lavaggio del cervello affinché accettassero i valori del “mondo libero” furono costretti a formare alleanze per difendersi dalle presunte invasioni della “sfera sovietica”.

Oh, la grande illusione della scelta!

Questa strategia machiavellica ha contribuito a far avanzare l’agenda globalista del consolidamento globale, poiché le alleanze guidate dalla paura hanno inconsapevolmente ceduto la propria autonomia alle stesse istituzioni globaliste che erano riluttanti ad abbracciare in primo luogo.

Sebbene la minaccia della politica estera sovietica sia potenzialmente formidabile, deve essere vista nella sua giusta prospettiva. Minaccia a tal punto che la coesione del mondo libero è insufficiente. Il programma economico selettivo dell’Unione Sovietica fu politicamente efficace soprattutto perché i paesi deboli dovettero resistere da soli contro la forte economia sovietica.

Se questi paesi fanno parte di gruppi più ampi, sarà più facile per loro resistere alle pressioni e negoziare su basi più paritarie.

Il pubblico americano è stato sistematicamente condizionato a percepire la Paura Rossa come una minaccia esistenziale, una questione di vita o di morte.

“Questo è fondamentale per la nostra sopravvivenza e per la sopravvivenza della libertà in tutto il mondo.”

La Guerra Fredda, come l’attuale pletora di conflitti orchestrati che affliggono il nostro mondo (Israele, Ucraina e Mar Cinese), servivano a un unico scopo: costringere i paesi ad allinearsi con una parte o con l’altra, aprendo in definitiva la strada all’ordine mondiale.

Una volta raggiunto questo obiettivo, la Guerra Fredda si concluse senza troppe cerimonie, consentendo alle due fazioni in guerra di unirsi sotto la bandiera del Nuovo Ordine Mondiale (NWO).

Non sorprende che il progetto di questo mondo nuovo e coraggioso possa essere trovato nel libro “The American Prospect”.

Sta diventando sempre più chiaro che il vero nemico non è la presunta minaccia del comunismo, del terrorismo o di qualsiasi altro “ismo” che chi detiene il potere cerca di diffondere.

Si tratta piuttosto dell’insidiosa agenda dei globalisti che manipolano il panorama geopolitico con la precisione di un maestro di scacchi, tutto in nome del consolidamento e del controllo globale.

Nuovo Ordine Mondiale

A pagina 26 del libro sopra citato ci viene detto cosa sperano i globalisti:

“Il risultato atteso è la pace in un mondo diviso in unità più piccole, ma organizzate e operanti in uno sforzo comune per garantire e promuovere il progresso nella vita economica, politica, culturale e spirituale. Tale comunità dovrebbe promuovere l’accesso più libero e completo possibile per tutti al pensiero di tutti. Deve consentire la più ampia varietà di idee, strutture sociali e forme di espressione compatibili con il funzionamento della comunità.”

Si prevede che sarà composto da istituzioni regionali sotto l’egida di un organismo internazionale di crescente potenza, unito in modo tale da poter risolvere quei problemi che le singole nazioni sempre più spesso non possono risolvere da sole.

Si noti la sottile ammissione in questo passaggio che implica la creazione deliberata di problemi insormontabili che costringono i paesi ad accettare il Nuovo Ordine Mondiale (NWO) come la loro unica salvezza. Ricordi il 2020? Situazione comune? È chiaro che le singole nazioni non saranno in grado di affrontare da sole questi problemi sempre più complessi. Non stiamo forse assistendo allo svolgersi di questa stessa strategia davanti ai nostri occhi?

Inoltre, ci viene presentata l’idea che il NWO “deve consentire la più ampia diversità di idee, struttura sociale e forme di espressione coerenti con il funzionamento della comunità.”

Non lasciarti ingannare dalla facciata dell’inclusività; questa affermazione implica esplicitamente che qualsiasi idea o espressione discorsiva debba conformarsi alle restrizioni imposte dalla cosiddetta “comunità”.

Ci viene anche detto che il NWO “sarà composto da istituzioni regionali sotto la guida di un organismo internazionale con potere crescente (fino al controllo totale).”

Inoltre, il NWO includerà strutture funzionali per affrontare questioni che oltrepassano i confini regionali. Per comprendere veramente le implicazioni di una tale struttura, esaminiamo il funzionamento interno e le potenziali conseguenze di questo regime globale:

“Le istituzioni regionali, apparentemente progettate per risolvere i problemi locali, sarebbero in realtà subordinate ad un organismo internazionale con potere illimitato. Una struttura di potere così centralizzata porterà inevitabilmente all’omogeneizzazione delle culture poiché le caratteristiche uniche delle singole nazioni verranno sacrificate sull’altare dell’unità globale.”

Solo di recente siamo venuti a conoscenza di un solo aspetto di un simile trasferimento di potere nella persona dell’OMS. Fortunatamente, è apparsa un’altra analisi competente di questi documenti dalla Russia. Lì il quadro è lo stesso: un trasferimento formale di potere a strutture sovranazionali (non è chiaro quali esattamente). Inoltre, strutture funzionali progettate per risolvere problemi oltre i confini regionali serviranno solo a consolidare ulteriormente il potere nelle mani dell’élite dominante. Senza alcun controllo ed equilibrio che limiti il ​​loro potere, questi signori globali saranno liberi di imporre la loro volontà alle masse, dettando ogni aspetto della nostra vita con il pretesto di garantire il buon funzionamento della comunità globale.

La Struttura del Nuovo Ordine Mondiale

Il rapporto descrive le Nazioni Unite come il più alto “organismo internazionale di crescente autorità”:

“Oltre alla partecipazione diretta allo sviluppo dei due gruppi regionali, gli Stati Uniti hanno partecipato pienamente e fin dall’inizio alle Nazioni Unite, organizzazione internazionale che oggi fa ben sperare di poter assumere sempre più funzioni e assumersi sempre più responsabilità.”

E il rapporto conferma ulteriormente:
“Infine, l’ONU è il simbolo dell’ordine mondiale che un giorno verrà costruito.”

Accordi Regionali

Sotto le Nazioni Unite troviamo la sezione “Accordi Regionali”. Il rapporto afferma quanto segue:

“Gli accordi multinazionali più naturali sono spesso di natura regionale. In molte parti del mondo, la geografia si combina con una storia condivisa, fornendo la base per obiettivi comuni e fruttuosi sforzi congiunti.”

“È impossibile descrivere con precisione quale forma dovrebbero assumere gli accordi regionali in tutte le parti del globo. Questi possono includere sforzi congiunti per raggiungere lo sviluppo economico, mercati comuni e aree di libero scambio, o meccanismi funzionali come la Comunità europea del carbone e dell’acciaio. Quando saranno completamente sviluppati, presupporranno un accordo congiunto sui meccanismi monetari e di cambio, una disciplina generale in materia fiscale e la libera circolazione dei capitali e del lavoro.”

Studiando questo paragrafo ci si imbatte in una descrizione vaga ed evasiva delle proposte di accordi regionali, che lascia ampio spazio ad interpretazioni e manipolazioni.

La mancanza di specificità nel definire la forma esatta che questi accordi dovrebbero assumere nelle diverse regioni del mondo è motivo di preoccupazione, poiché apre la porta a potenziali abusi di potere.

Ebbene, proprio come negli accordi dell’OMS!

Le opportunità proposte per la cooperazione regionale includono iniziative congiunte di sviluppo economico, mercati comuni e zone di libero scambio o accordi funzionali. Anche se a prima vista queste proposte possono sembrare innocue, è necessario considerare le potenziali conseguenze di un’integrazione così incontrollata.

Un sistema regionale pienamente sviluppato richiederà un accordo unificato sugli accordi monetari e sui tassi di cambio, una disciplina fiscale comune e la libera circolazione di capitale e lavoro. Questo livello di integrazione solleva interrogativi critici sull’erosione della sovranità nazionale, poiché i singoli paesi saranno costretti a rinunciare al controllo su aspetti chiave delle loro politiche economiche e sociali.

Le implicazioni di un tale accordo sono di vasta portata e profondamente preoccupanti. Cedendo il controllo a un’autorità centralizzata, i paesi rinunceranno di fatto alla capacità di determinare il proprio futuro economico. Questa perdita di autonomia inevitabilmente omogeneizzerà la politica e la pratica, soffocherà l’innovazione e scoraggerà la diversità di pensiero necessaria per un vero progresso.

Inoltre, la proposta libera circolazione di capitale e lavoro solleva serie preoccupazioni sul potenziale sfruttamento e sull’ampliamento della disuguaglianza economica.

Una volta rimosse le barriere alla circolazione, le aziende e le élite ricche saranno libere di cercare le condizioni più favorevoli per i loro interessi, spesso a scapito dei lavoratori e dell’ambiente.

Il riferimento agli accordi di libero scambio, alle istituzioni congiunte di sviluppo economico e agli accordi di scambio non dovrebbe evocare un senso di déjà vu. Questi concetti sono stati promossi e implementati per decenni con il pretesto della cooperazione globale e del progresso economico. L’Unione Europea viene in mente come un triste esempio.

Di fronte alla narrativa secondo cui la Banca per lo sviluppo dei BRICS o l’accordo di scambio valutario Cina-Russia rappresentano un coraggioso tentativo da parte dei paesi di sfuggire alle grinfie del Nuovo Ordine Mondiale, dovrebbe essere esercitata una buona dose di scetticismo.

Ad un esame più attento risulta evidente che queste iniziative sono semplicemente la continuazione delle stesse strategie. Se non l’hai letto, ti consigliamo di leggere le ultime dichiarazioni degli stessi BRICS:

Anche i paesi BRICS vogliono lo “sviluppo sostenibile”

Il quindicesimo vertice annuale dei BRICS si è svolto alla fine di agosto a Johannesburg, in Sud Africa. Probabilmente ne hai sentito parlare. Nell’ambito delle celebrazioni, gli Stati membri hanno firmato l’accordo sulla cooperazione economica e politica globale, sottolineando l’importanza dello sviluppo sostenibile.

Funzionalità

Gli accordi regionali da soli non possono fornire l’intera struttura di un’economia mondiale libera. Alcune sfide e opportunità oltrepassano i confini regionali; altri devono essere risolti su base globale. Verranno discusse tre grandi sfide funzionali: il problema delle materie prime, le nuove prospettive per la scienza e il ruolo delle istituzioni finanziarie internazionali.

L’alleanza BRICS, una coalizione transregionale che alcuni analisti chiamano “l’alternativa”, è un brillante esempio di efficienza operativa che pone le basi per una monumentale battaglia ideologica.

Questo conflitto contrappone i titani bancari anglo-americani ai centri finanziari BRICS, prefigurando il Nuovo Ordine Mondiale (NWO).

In questa partita a scacchi globale, ogni mossa ci avvicina a uno scontro inevitabile che cambierà il nostro panorama economico e politico.

Prendiamo, ad esempio, il Fondo Monetario Internazionale (FMI), un’istituzione finanziaria globale apparentemente innocua. Tuttavia, è pronto a ricoprire un ruolo centrale nella gestione della nuova valuta di riserva mondiale una volta che il dramma attentamente orchestrato tra Est e Ovest raggiungerà il suo culmine. Non è ironico che l’organizzazione che difende la stabilità finanziaria globale sia anche l’architetto della nostra imminente riconfigurazione economica?

Ora che il progetto del Nuovo Ordine Mondiale si sta svolgendo davanti a noi, esaminiamo le macchinazioni dei Rockefeller per intrappolare l’America nel loro grande piano.

A cosa potrebbe portare questo?

In un tentativo di reimmaginare il ruolo globale dell’America, “A Prospect for America” presenta l’argomentazione controintuitiva secondo cui la creazione di un governo globale è nell’interesse dell’America.

Questo presupposto, tuttavia, si basa sulla premessa errata che l’esistenza stessa del commercio internazionale renda gli stati nazionali obsoleti.

Non sorprende che dietro molte strutture globaliste (ad esempio l’OMS) ci sia la stessa Fondazione Rockefeller. Coincidenza? Non pensare male.

Fonti:


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio