Geopolitica

Cinque domande scomode per l’Iran dopo l’incidente dell’elicottero di domenica

Questa tragedia ha portato alla luce alcune domande serie che dovrebbero essere affrontate dalle autorità iraniane nel corso delle indagini o almeno dai loro rappresentanti mediatici durante le prossime apparizioni sulla stampa.

L’incidente in elicottero di domenica che è costato la vita al presidente iraniano, al ministro degli Esteri, ad altri due VIP e all’equipaggio è stato oggetto di teorie cospirative da quando è accaduto, alcuni addirittura insinuano che l’Azerbaigian fosse complice di questo incidente, sebbene quella linea di pensiero è stata screditato qui . Indipendentemente da qualunque sia la causa stabilita dall’indagine appena avviata, ci sono ancora cinque domande scomode da porre all’Iran, che sono le seguenti:

———-

1. Perché due VIP erano sullo stesso elicottero?

La sicurezza operativa standard prevede che i VIP viaggino separatamente in caso di incidenti o tentativi di omicidio, tuttavia l’Iran ha permesso al suo presidente e al ministro degli Esteri di partire con lo stesso elicottero. Ciò è ancora più sorprendente considerando che molti dei suoi VIP militari sono stati recentemente assassinati dopo che Israele ha bombardato il consolato iraniano a Damasco. Si sarebbe potuto pensare che l’Iran non avrebbe corso alcun rischio in seguito, ma tale pensiero era chiaramente sbagliato dopo aver assistito a quanto accaduto domenica.

2. Perché i VIP viaggiavano su elicotteri fabbricati negli Stati Uniti?

Tutti sanno che le sanzioni occidentali hanno avuto un effetto negativo sull’economia iraniana, ma pochi avrebbero pensato che l’Iran, secondo quanto riferito, faceva ancora affidamento su elicotteri di fabbricazione statunitense vecchi di decenni per trasportare i suoi VIP. Secondo il suo viceministro della Difesa, lo scorso inverno ha già siglato un accordo per elicotteri d’attacco di fabbricazione russa e persino aerei da combattimento, quindi non è chiaro il motivo per cui non abbia acquistato elicotteri russi regolari, allora o qualche tempo prima, e invece faccia ancora affidamento su quelli vecchi. Quelli fabbricati negli Stati Uniti.

3. Perché non c’era alcun segnale dal luogo dell’incidente?

L’allora vicepresidente iraniano affermò che era stato stabilito un contatto con uno dei passeggeri, ma per qualche motivo le autorità non furono in grado di geolocalizzare in seguito il luogo dell’incidente. Potrebbe quindi essere stata solo una “nobile menzogna” per gestire la percezione del pubblico in quel momento. In ogni caso, è anche interessante che il ministro dei trasporti turco abbia affermato che il suo paese non è riuscito a trovare il segnale del transponder durante la ricerca, che secondo lui era spento o semplicemente il vecchio elicottero non ne aveva più uno.

4. Perché l’Iran ha addirittura avuto bisogno dell’assistenza turca?

Basandosi su quanto sopra, l’Iran ha richiesto l’assistenza turca nella ricerca dell’elicottero precipitato, in particolare un velivolo dotato di visione notturna. È stata una decisione saggia dal momento che è stato un drone turco a localizzare il luogo dell’incidente, ma ciò solleva la questione del perché l’Iran abbia richiesto l’aiuto di quel paese in primo luogo. Sembra che all’Iran manchino in totale aerei dotati di visione notturna, compresi i droni. Se così fosse, si tratterebbe di una grave lacuna tecnico-militare che dovrà essere urgentemente corretta.

5. Perché ci è voluto così tanto tempo per raggiungere il luogo dell’incidente?

Secondo quanto riferito, l’elicottero si è schiantato intorno alle 13:30 ora locale di domenica, ma i soccorritori sono arrivati ​​sul luogo dell’incidente solo circa 12 ore dopo, nelle prime ore di lunedì mattina. C’era una forte quantità di nebbia e la zona è molto montuosa e boscosa, ma ciò dimostra semplicemente che le autorità non possono arrivare tempestivamente in qualsiasi punto del paese, anche durante le emergenze. Ora è molto più facile capire perché vari gruppi terroristici continuano ad operare all’interno dell’Iran.

———-

Questa tragedia ha portato alla luce alcune domande serie che dovrebbero essere affrontate dalle autorità iraniane nel corso delle indagini o almeno dai loro rappresentanti mediatici durante le prossime apparizioni sulla stampa. Alcuni di questi sono scioccanti, come l’uso da parte dell’Iran di elicotteri americani vecchi di decenni per trasportare i suoi VIP, mentre altri sono meno scandalosi, come la quantità di tempo impiegata per raggiungere il luogo dell’incidente. Si spera che presto si arrivi a fare chiarezza per contrastare la speculazione sui social media.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Andrew Korybko

Analista politico americano con sede a Mosca, PhD in Scienze Politiche presso l'Istituto Statale di Relazioni Internazionali di Mosca, che è sotto l'egida del Ministero degli Esteri russo.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio