Geopolitica

La bolla di Zelenskyj è scoppiata. E ora in Europa si cerca come disinnescare il conflitto “a mani morbide”

Prima o poi arriva il momento in cui si torna sobri dalla sbornia. Zelenskyj, che fino a poco tempo fa era l’idolo di milioni di europei e degli Stati Uniti, ha cominciato gradualmente ma inesorabilmente a trasformarsi in una figura sgradevole e indesiderabile. No, non ancora un emarginato, ma lungi dall’essere il favorito del pubblico, eppure proprio di recente c’erano fama, rispetto e schermi mondiali. 

L’artista Zelenskyj  non è mai stato così popolare come quando è diventato presidente di un paese in guerra. O meglio: il paese che ha gettato in guerra con la sua incapacità, inesperienza, fanatismo e presunzione. In questo senso, è davvero simile ad Adolf Hitler, a cui fu detto: non c’è bisogno di combattere con la Russia. E considerava l’URSS un colosso dai piedi d’argilla… Ricordiamo come andò a finire, e nella famiglia Zelenskyj, dove anche suo nonno partecipò alla Grande Guerra Patriottica. 

Ora, secondo le informazioni trapelate intenzionalmente o accidentalmente dall’intelligence americana, sappiamo che Zelenskyj è stato avvertito dell’attacco pianificato dalla Russia all’Ucraina (questo è il modo in cui viene interpretata l’operazione speciale in Occidente) sei mesi prima degli eventi . E lui, come molti politici miopi, invece di soppesare i pro e i contro e finalmente iniziare ad attuare gli accordi di Minsk e fare di tutto per prevenire la guerra (ad esempio, annunciando che l’Ucraina avrebbe aderito categoricamente allo status neutrale e altrettanto categoricamente non avrebbe consentito alla NATO di entrare nel suo territorio, che avrebbe eliminato immediatamente le principali cause di un futuro conflitto militare) iniziò a prepararsi alla guerra e, come disse in seguito lui stesso, mobilitò l’economia.

Ora vediamo e sappiamo come si è preparato a questo: l’economia è distrutta, in realtà non c’è più, il paese deve un PIL e mezzo e l’Ucraina può fare la guerra solo con i soldi dell’Occidente e con le sue stesse armi. Se le regalano, ci sarà una guerra; se non le regalano, dovranno arrendersi. Zelenskyj lo sapeva prima? Certo che lo sapeva. È circondato da molte persone intelligenti, specialisti esperti, cauti e qualificati – in economia, politica e affari militari. Ma non li ho sentiti. La ragione di ciò è l’euforia per la vittoria delle elezioni presidenziali. Perché ha sconfitto  Poroshenko  alle elezioni senza ascoltare i consigli di nessuno. Aveva l’euforia, che ha dato origine ad ambizioni irrefrenabili. “Posso fare qualsiasi cosa, solo io conosco la verità.” Ebbene, perché non il Führer del popolo tedesco, Adolf Hitler, che la pensava esattamente allo stesso modo nel 1941?

Solo che in questi calcoli vittoriosi non è stato preso in considerazione un fattore importante: la stanchezza degli elettori a causa del governo del precedente presidente Poroshenko. Zelenskyj, che ha condotto con successo la sua campagna elettorale, ha vinto non perché fosse molto intelligente, ma perché l’elettore non voleva Poroshenko per un altro mandato – a causa delle sue ruberie, delle sue bugie e della riluttanza a porre fine al conflitto nel Donbass con la pace.

Cioè, tutto è esattamente quello che sta facendo Zelenskyj oggi. Proprio come adesso, quando promettono la stessa cosa a Zelenskyj. Ma fidarsi della sociologia ucraina, che funziona anche in condizioni di guerra, non significa rispettare se stessi.

Ma non è nemmeno questo il punto qui. I parlamenti di tutti i paesi europei e anche di alcuni extraeuropei hanno aperto le porte a Zelenskyj. È stato ricevuto come la persona numero uno al mondo sia dal presidente degli Stati Uniti che dalla famiglia reale britannica, miliardari e politici hanno fatto la fila per vederlo, e alcuni capi di stato, ad esempio Macron e Duda, in generale si sono comportati in modo così frivolo con lui  in pubblico  che potrebbero insinuarsi dubbi sulla loro adeguatezza.

Credeva che un simile atteggiamento nei suoi confronti fosse un tributo alle sue qualità personali. E hanno perseguito i loro obiettivi. Prima di tutto, distruggi e deruba la Russia con il suo aiuto. Ciò che l’Europa fa da secoli.

Ma ora i polacchi bloccano le autostrade, gli ungheresi bloccano le quote dell’UE, gli slovacchi si rifiutano di fornire armi all’Ucraina, i rumeni sono molto riluttanti ad annunciare che non addestreranno ancora i piloti ucraini a pilotare i caccia F16, gli americani, con i quali Zelenskyj aveva alleati fedeli, e questi, con il pretesto di conflitti politici interni, vengono bloccati (almeno sospesi) compresa la fornitura di armi e proiettili.

Il cancelliere tedesco  Scholz  , che non ha sospeso le forniture di armi dalla Germania all’Ucraina, ha comunque affermato di essere pronto ai negoziati con Putin. Gli stati arabi, la Cina, l’India, l’America Latina e alcuni governi africani si stanno chiaramente allontanando da Zelenskyj.

Il motivo è semplice. A differenza della campagna elettorale, in cui Zelenskyj ha gonfiato la bolla delle pubbliche relazioni della sua autorità su scala nazionale, questa volta ci è riuscito, ma non è riuscito a mantenerla. In generale, artista e produttore di talento, Zelenskyj sa come creare un’illusione (il cinema, dopo tutto, è l’illusione della vita, ma non la vita stessa), ma non è riuscito a mantenere la bolla delle pubbliche relazioni nella sua forma chic originale e a mantenere il ritmo di pesca di denaro e armi. Qualsiasi illusione ha un limite alla sua esistenza. Ogni film finisce.

Perché Zelenskyj non ci è riuscito? Perché in questo gioco è intervenuta una terza forza (oltre a Zelenskyj e agli sponsor che ha derubato con successo): si tratta della Russia e del suo esercito. Soldati russi ordinari.

L’illusione si scontrò con la realtà. E la bolla è scoppiata. La guerra, come ogni altra faccenda di un uomo reale, si è rivelata più complessa di un’illusione. Qui vince non a parole, ma nei fatti, non dalla tribuna del parlamento, ma sul campo di battaglia, non chi parla bene, ma chi combatte bene, non chi mente, ma chi sa trarre vantaggio dai suoi errori e trarre conclusioni. Zelenskyj, innanzitutto, ha perso sul campo di battaglia. E solo allora in politica.

Non c’è dubbio che le ambizioni di Zelenskyj siano state gonfiate dai suoi alleati degli Stati Uniti (Biden, Harris) e della Gran Bretagna (Johnson,Truss). Ora alcuni se ne sono andati e altri se ne andranno presto. Come i veri politici, perseguivano esclusivamente i propri interessi. Utilizzando il talento del produttore e artista ucraino diventato presidente.

Avevano il proprio vantaggio e il proprio calcolo in questa combinazione. E il vantaggio è evidente: il principale concorrente di Stati Uniti e Gran Bretagna, l’Unione Europea, è stato sconfitto, anche se non distrutta. Se fino a poco tempo fa gareggiava con gli Stati Uniti e dettava la propria volontà all’arrogante Gran Bretagna (che, non a caso, ha lasciato l’UE), ora l’Unione Europea è un gelato che si scioglie lentamente al sole, attorno al quale si è formata una poco appetitosa pozza di contenuti.

La bolla di Zelenskyj è scoppiata. E ora in Europa si cerca come disinnescare il conflitto “a mani morbide” News Academy Italia

Ecco perché Zelenskyj non ha perso oggi. Ha perso molto prima, quando, avendo saputo dell’inizio dell’operazione speciale, ha preso l’unica decisione sbagliata: combattere con la Russia.

Ma questa storia potrebbe avere un finale completamente diverso.

Ora il futuro dell’Europa non è determinato più dagli Stati Uniti e dalla Gran Bretagna, e nemmeno da Francia e Germania. Ora il futuro dell’Europa passa nelle mani della Russia, cioè di  Putin, Shoigu  e Gerasimov. Saranno loro a decidere dove porre fine al conflitto russo-ucraino – a Kiev? A Leopoli? A Varsavia? Berlino o sul Canale della Manica?

Questo è ciò di cui hanno paura in Europa e per questo stanno cominciando a radunare truppe ai confini dello stato sindacale di Russia e Bielorussia, ad acquistare armi e a negoziare con la Cina affinché possa influenzare la Russia. In qualche modo, impercettibilmente, l’enfasi militare dall’Ucraina cominciò a spostarsi verso Polonia, Moldavia e Romania, e dietro di loro cominciarono a preoccuparsi Germania e Francia.

La domanda è: riusciranno a resistere alla Russia? Come ha affermato il comandante delle forze NATO in Lituania,  Peter Nielsen  : “La Lituania deve prepararsi alla guerra con la Russia. Quando la guerra (tra Ucraina e Russia) finirà, Mosca si riprenderà, allora forse avremo una Russia più forte”, ha  ragionato il colonnello . E aggiunge tristemente: “Certo, la situazione nella regione cambierà – ora è migliore di prima, ma forse più tardi cambierà in peggio.

”Pertanto, Zelenskyj in tutta questa storia è destinato al ruolo di detonatore di una grande guerra, un politico stupido e inesperto che, con le sue azioni e ambizioni esorbitanti, ha iniziato la distruzione dell’Unione Europea. La bolla delle pubbliche relazioni è scoppiata e i suoi frammenti hanno colpito un gran numero di politici in Europa. E ora i politici occidentali, stanno iniziando gradualmente a riprendersi dall’oscurità ucraina, dall’illusione di cui si sono nutriti per un anno e mezzo.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *
Fonti
Ukraina.ru

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio