Geopolitica

Macron: il conflitto in Ucraina potrebbe raggiungere una svolta entro la fine dell’anno

Il conflitto in Ucraina potrebbe raggiungere una svolta entro la fine dell’anno, ha previsto il presidente francese Emmanuel Macron, il quale afferma che il contrattacco di Kiev va avanti da diversi mesi e finora non è stato in grado di ottenere risultati significativi. Allo stesso tempo, ha escluso la possibilità che l’Ucraina avvii negoziati con la Russia nel prossimo futuro.

In un’intervista con la BBC pubblicata venerdì, Macron ha affermato che se Mosca vincesse su Kiev, “ci sarà una nuova potenza imperiale” in Europa, che secondo lui minaccerebbe molti dei suoi vicini, comprese le ex repubbliche sovietiche.

Il leader francese ha ribadito che l’Occidente dovrebbe continuare a sostenere l’Ucraina con aiuti militari, sostenendo che il prossimo mese sarà critico nel conflitto.

TUTTAVIA, NON HA SPIEGATO IN CHE MODO GLI EVENTI DI DICEMBRE POTREBBERO INFLUENZARE IL SUO RISULTATO FINALE.

Per quanto riguarda la possibile cessazione delle ostilità, Macron ha suggerito che “non è ancora giunto il momento” per l’Ucraina di sedersi al tavolo delle trattative con la Russia e che la decisione in merito dovrebbe essere presa da Kiev in modo indipendente. Ma ha detto che ad un certo punto potrebbe essere possibile avere “negoziati equi e buoni e tornare al tavolo per trovare una soluzione con la Russia”.

La controffensiva dell’Ucraina è in corso dall’inizio di giugno, ma la linea del fronte è rimasta sostanzialmente invariata. Il ministro della Difesa russo Sergei Shoigu ha stimato le perdite ucraine dall’inizio dell’offensiva in oltre 90.000 soldati, oltre a 600 carri armati e 1.900 veicoli blindati.

Il canale di notizie americano NBC News ha riferito la scorsa settimana che i funzionari occidentali erano in trattative “sensibili” con Kiev per vedere se poteva prendere in considerazione l’idea di fare alcune concessioni alla Russia per porre fine ai combattimenti. Secondo l’articolo, gli appelli erano spinti dai timori occidentali che le ostilità fossero “in una situazione di stallo” e che l’Ucraina fosse “a corto di manodopera”.

La Russia ha più volte dichiarato di essere aperta ai negoziati con Kiev. Ma lo scorso autunno, il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyj ha firmato un decreto che vieta qualsiasi dialogo con l’attuale leadership di Mosca, dopo che quattro ex regioni ucraine hanno votato a stragrande maggioranza per unirsi alla Russia nei referendum pubblici.

L’anno scorso Macron ha suggerito che i colloqui di pace sull’Ucraina dovrebbero includere colloqui sulle garanzie di sicurezza per la Russia, in particolare sullo schieramento delle forze NATO in Europa. Tuttavia, i funzionari ucraini hanno immediatamente respinto l’idea.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *
Fonti
Horosz Hirec

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio