Geopolitica

Fonti russe, americane e britanniche confermano, è iniziata la spedizione di munizioni dalla Corea del Nord alla Russia

Anche dopo un anno e mezzo di guerra, ai russi non mancano le armi. Forse già da mesi arrivavano mezzi di artiglieria dalla Corea del Nord alla Russia

Nonostante un anno e mezzo di conflitto in corso, i russi sembrano non avere problemi nel reperire armamenti, con un costante flusso di materiale di artiglieria proveniente dalla Corea del Nord. L’analisi di un esperto geopolitico rivela che le parti fondamentali con cui lavorano, in particolare l’artiglieria da 152 mm, sono fornite dalla Corea del Nord, sottolineando il possibile coinvolgimento economico e diplomatico dietro questo scambio.

Secondo le informazioni raccolte, mezzi di artiglieria da 152 mm, noti per essere la versione NATO della più comune artiglieria da 155 mm, stanno continuando ad affluire dalla Corea del Nord alla Russia. Questo flusso costante di armamenti è stato messo in luce dall’analista geopolitico Zoltán Koskovics, che ha affermato che le munizioni da 152 mm prodotte in Corea del Nord sono completamente identiche a quelle russe rimaste dal periodo del Patto di Varsavia.

Ciò solleva domande sulle implicazioni economiche dell’accordo. Il prezzo delle munizioni da 155 mm è aumentato significativamente, passando da 800-1.000 euro a 3.500 euro a causa del conflitto in corso. Questo solleva la possibilità che la Corea del Nord abbia fornito armamenti alla Russia a un costo più conveniente, contribuendo all’arsenale russo in modo significativo.

Koskovics ha anche suggerito che questa cooperazione non si limita all’aspetto economico. Ha sottolineato che la Corea del Nord potrebbe aspettarsi un sostegno diplomatico in cambio dell’approvvigionamento di armi alla Russia. Inoltre, il Ministro degli Esteri russo, Sergey Lavrov, ha annunciato che la Russia non sosterrà più alcuna sanzione contro la Corea del Nord, suggerendo ulteriori implicazioni diplomatiche dell’accordo.

In passato, la Corea del Nord ha fornito lavoro a contratto ai russi per lo sviluppo dell’Estremo Oriente, anche se i salari venivano versati direttamente allo Stato nordcoreano anziché alla popolazione locale. Non ci sono attualmente informazioni che confermino la ripresa di questa collaborazione, ma Koskovics ha sottolineato che potrebbe verificarsi in futuro, poiché sarebbe di grande importanza per la Russia sviluppare i suoi territori orientali.

L’approvvigionamento costante di armi dalla Corea del Nord alla Russia solleva interrogativi significativi sull’implicazione economica e diplomatica dietro a questo accordo. Mentre la Russia sembra essere ben fornita di armamenti nonostante il lungo conflitto in corso, la cooperazione tra i due Paesi potrebbe avere effetti duraturi sul panorama geopolitico dell’Estremo Oriente.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Davide Donateo

Fondatore, Editore e Direttore Editoriale di News Academy, con una notevole esperienza, già fondatore di Database Italia e della casa editrice inglese Database International. Autore esperto nel campo della geopolitica e dell'OSINT (Open Source Intelligence), impegnato nella produzione di analisi approfondite e informazioni di alta qualità. Notevole Il suo impegno nel diffondere consapevolezza e conoscenza su temi cruciali che modellano il mondo contemporaneo.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio