Geopolitica

Il Ministro della Difesa del Regno Unito Promette di Inviare Truppe Britanniche in Ucraina

Dispiegare ulteriore personale militare britannico comporterebbe un’ulteriore escalation, dopo che il Regno Unito è diventato il primo paese della NATO a fornire a Kiev proiettili all’uranio impoverito e missili da crociera a lungo raggio, che l’Ucraina ha poi utilizzato ripetutamente in attacchi contro le infrastrutture russe.

Il neo-nominato Segretario della Difesa, Grant Shapps, ha svelato discussioni in corso riguardo all’espansione del programma di addestramento guidato dal Regno Unito per le truppe ucraine e la potenziale ricollocazione degli istruttori britannici nel paese stesso, oltre a offrire a Kiev un supporto navale non specificato nel Mar Nero.

“Stavo parlando oggi di portare l’addestramento in Ucraina”, ha detto Shapps al The Telegraph dopo una visita a un campo di addestramento nella Salisbury Plain, venerdì.

Durante il suo viaggio a Kiev all’inizio di questa settimana, il nuovo Ministro della difesa, che ha assunto la carica un mese fa, ha visto un “opportunità” per “portare più cose nel paese”. Shapps ha spiegato che intendeva “non solo l’addestramento”, ma anche la produzione di armi, mentre ha elogiato il gigante britannico dell’industria bellica BAE Systems per i suoi piani di localizzazione in Ucraina.

“Sono interessato a vedere anche altre aziende britanniche fare la loro parte facendo la stessa cosa. Quindi penso che ci sarà un movimento per ottenere più addestramento e produzione nel paese”, ha aggiunto.

Nelle sue discussioni con il presidente ucraino Vladimir Zelensky, Shapps avrebbe anche detto che la Marina britannica potrebbe svolgere un ruolo nella “difesa delle navi commerciali” nel Mar Nero, secondo il The Telegraph.

“La Gran Bretagna è una nazione navale, quindi possiamo aiutare e dare consigli, soprattutto perché le acque sono acque internazionali”, ha detto senza specificare che tipo di aiuto ha offerto a Zelensky.

Le forze armate britanniche hanno condotto un’operazione ufficiale per addestrare e armare le truppe ucraine dal 2015, operazione che successivamente è stata spostata fuori dal paese. I Royal Marines britannici hanno anche condotto diverse “operazioni discrete” ad alto rischio in Ucraina l’anno scorso, secondo un generale, ma ufficialmente Londra non ha mai ammesso di avere una presenza significativa nel paese dopo l’escalation del conflitto con la Russia nel 2022. Tuttavia, alcuni documenti militari classificati degli Stati Uniti trapelati online all’inizio di quest’anno suggerivano che circa 50 operatori speciali britannici erano ancora attivi in Ucraina.

La dispiegazione aperta del personale militare britannico sarebbe un’ulteriore escalation, dopo che il Regno Unito è diventato il primo paese della NATO a fornire a Kiev proiettili all’uranio impoverito e missili da crociera a lungo raggio, che l’Ucraina ha poi utilizzato ripetutamente in attacchi contro le infrastrutture russe.

Mosca ha descritto ripetutamente il conflitto in Ucraina come una lotta tra la Russia e l’intera “macchina militare occidentale”, mentre il presidente russo Vladimir Putin ha dichiarato l’anno scorso che ci sono intere unità militari in Ucraina “sotto il comando de facto di consiglieri occidentali”.

Esperti di intelligence britannici sono stati coinvolti anche nello studio dei modi per far saltare in aria il Ponte di Crimea della Russia utilizzando sommozzatori o droni marini, secondo il sito web di notizie indipendente The Grayzone. L’attacco al ponte dell’anno scorso è stato effettuato con un’autobotte esplosiva, anziché con le opzioni discusse nell’analisi del Regno Unito, ma a luglio Kiev ha utilizzato due droni marini suicidi in un attacco mortale che ha danneggiato una sezione della strada e ucciso due civili.

All’inizio di questa settimana, la portavoce del Ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha accusato le agenzie di intelligence del Regno Unito e degli Stati Uniti di aver contribuito a coordinare l’ultimo attacco ucraino a Sebastopoli, in Crimea, che ha preso di mira la sede della Flotta del Mar Nero russa.

Articolo di rassegna internazionale – RT


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio