Geopolitica

IL SEGRETARIO GENERALE DELLE NAZIONI UNITE SU AGENDA 2030 : “MOLTI STANNO FACENDO RETROMARCIA”. IL NUOVO ORDINE MONDIALE GLOBALISTA SI STA SGRETOLANDO

Il Declino delle Aspirazioni Globaliste: Il Punto di Mezzo per l’Agenda 2030

Mentre ci riuniamo questo fine settimana, gli obiettivi sono in pericolo.” — Segretario Generale delle Nazioni Unite António Guterres, 18 settembre 2023

Queste parole risuonano come una sinfonia di sconfitta, un rintocco funebre per le aspirazioni globaliste.

I globalisti delle Nazioni Unite si riversano a Gotham City per i colloqui sulla crisi mentre il “progresso” degli obiettivi di sviluppo sostenibile regredisce. Nell’oscura scena del film del 1992 “Batman Returns”, Oswald Cobblepot, meglio conosciuto come il Pinguino, fa il suo ingresso trionfante nella sua cripta gelida, dove una folla di malvagi lo attende, ansiosa di ascoltare il suo “piano” per seminare il caos tra gli innocenti cittadini di Gotham City. La vita, si dice, imita l’arte, e questa produzione hollywoodiana sembra diventare realtà. Ieri, il Segretario Generale delle Nazioni Unite, António Guterres, e un seguito di globalisti si sono recati nella vera Gotham City per elaborare un “piano”, perché, francamente, il loro vecchio piano non sembra funzionare così bene. Guterres è Cobblepot, e i capi partecipanti al Summit degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile del 2023 sono i complici malvagi di Cobblepot: le somiglianze sono sorprendenti.

Questo evento biennale si svolge a metà del percorso dell’Agenda 2030, che è ufficialmente iniziata il 1° gennaio 2016. Secondo una dichiarazione riassuntiva pubblicata sul sito web dell’organizzazione:

“Ma l’Agenda è una promessa, non una garanzia. Alla metà del percorso, la promessa è in grave pericolo. Per la prima volta in decenni, il progresso nello sviluppo sta regredendo…”

Successivamente, in un discorso pronunciato davanti ai partecipanti ieri, Guterres ha affermato: “Oggi solo il 15% degli obiettivi è in buon cammino, molti stanno andando nella direzione opposta,” e ha lanciato un appello per un piano di salvataggio globale” per riportare gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile lontano dal baratro dell’incertezza.

Prima dell’evento, Guterres si è seduto per un’intervista con Mita Hosali, il Direttore Aggiunto delle Notizie delle Nazioni Unite. Hosali ha aperto con queste parole:

“Stiamo parlando qui, sulla soglia della 78ª Sessione dell’Assemblea Generale, in cui è previsto un numero record di leader mondiali, ma tra i P5, solo un capo di stato… Cosa dice questo della U.N. come centro della diplomazia, in un momento in cui ci sono crisi su così tanti fronti?”

(I P5 si riferiscono alle “Cinque Permanenti” nazioni che detengono i seggi permanenti nel Consiglio di Sicurezza, istituito dalla Carta nel 1945.) Non serve un genio per capire la risposta alla domanda di Hosali: chiaramente, “le U.N. come centro della diplomazia” è una prospettiva che si sta rapidamente affievolendo, insieme all’attuazione di successo dell’Agenda 2030 e degli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile. L’unico capo di stato tra questi “leader mondiali”? L’incredibile disastro Joe Biden, motivo per cui nessun altro ha ritenuto opportuno partecipare! Allora, gli altri “leader mondiali” sono veri capi di stato? O sono solo burrattini burocratici? Guterres ha risposto ad Hosali con agitazione (forse troppo difensivo), osservando “innanzitutto” che il Summit “non è una sfilata di vanità”… ma devo fermarlo qui, perché è esattamente ciò che sembra essere il summit delle Nazioni Unite.

Questi “leader” non sono eletti, ma si riuniscono a New York a proprie spese per fingere di essere legittimi maker di politiche e dignitari politici? E, inoltre, l’unico vero capo di stato tra i P5 che ha partecipato a questo summit “molto importante” è Joe Biden, che, oltre a essere un disastro totale, occupa illegittimamente il ruolo di capo di stato? Che imbarazzo. Per citare la citazione iniziale all’inizio di questo articolo, Guterres afferma poi che “sfortunatamente” in questo momento, gli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile non stanno “andando nella direzione giusta.”

Io stesso non potrei essere più felice.

Fonti
Immagine – Davide Donateo


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio