Geopolitica

Non è il sangue di Trump che stanno cercando, è il nostro!

L’ultima accusa contro l’ex presidente Donald Trump è l’assalto unipartitico più pericoloso di sempre. Le accuse di reato in quattro punti mosse dall’avvocato Jack Smith porterebbero in toria anche fino alla pena di morte. Qualcuno ha mai sentito parlare di una cosa del genere? Se non ti sei mai posto la domanda prima, ora è il momento: qual è esattamente la fine del gioco in questa farsesca ondata comunista-americana? Faremmo meglio a riconoscere presto la risposta. E dobbiamo rispondere ad esso.

Da quando Donald Trump ha battuto ogni previsione ed è entrato in carica nel 2016, è stato accusato, attaccato, calunniato, diffamato e accusato di molteplici reati ridicoli. Ma come ha detto molte volte, “Alla fine, non sono dietro di me. Stanno venendo a cercare voi”. È ora che tutti gli americani gli credano, per il nostro bene. L’America sta rapidamente precipitando nell’abisso.

Riassumiamo cosa sta realmente accadendo. L’America è sotto attacco. Il grande colpo di stato americano è in fase di progettazione da anni. Doveva essere messo in atto nel 2016, con il tentato furto di Hillary Clinton. Non è successo perché la gente ha riconosciuto il leader in Donald J. Trump. Riconosciuto anche come un uomo che in fin dei conti ha a cuore le sorti della nazione e degli americani. Le sue parole sono state sostenute da innumerevoli sforzi riusciti per ripristinare la libertà e prosperità – per rendere di nuovo grande l’America!

Ma nel 2020, la squadra ribelle ha affinato le proprie tattiche. Tutte le prove indicano un’elezione rubata. Barack Obama ha poi attuato il suo piano “trasformativo” nei successivi otto anni, e molti credono che ora governi ancora in stile dittatore come capo burattinaio che controlla il presidente fantoccio insediato. Cosa cercano veramente? I nefasti attacchi a Trump sono solo distrazioni per nascondere i crimini della famiglia Biden? O la Trump Derangement Syndrome è una vera e propria psicosi che affligge tutti i liberali? Molti americani in buona fede credono che si possa sconfiggere questo nemico domestico attenendosi alle regole con cui hanno sempre giocato. Non c’è modo! Le regole del gioco sono cambiate.

Dobbiamo percepire la vera fine del gioco. È questo: una società distopica totalitaria mondiale. L’assalto globalista è stato lanciato anche prima della pandemia di Covid-19. Il presidente Trump ha sconvolto immensamente i loro piani. Poi sono arrivati ​​il ​​virus e i sieri mortali che hanno smantellato la nostra intera società così come la conoscevamo. Ma affinché il ripristino globalista diventi realtà, l’impero degli Stati Uniti deve essere inequivocabilmente distrutto. Questo spiega tutta la “follia” a cui abbiamo assistito dalla debacle elettorale del 2020. Il male abbonda. Non ci sono state elezioni nel 2020. Ma ora, un uomo che torna alla Casa Bianca potrebbe annientare l’Uniparty globalista facendo piazza pulita. 

La bestia disperata lo sa e sa che noi, il popolo, abbiamo identificato la bestia. Pertanto, a qualunque costo, devono eseguire il colpo di grazia. Devono fermare l’unico vero contendente alla presidenza del 2024 che può sconfiggerli. Il decimo emendamento non ha peso. Devono uccidere la Costituzione e tutti coloro che la sostengono. La legge e l’ordine devono finire. Gli americani devono essere disarmati. Quello che accadrà prima delle elezioni del 2024 andrà oltre la follia.

I due rami più mortali della guerra senza restrizioni sono l’inganno e la distrazione. Se ci innamoriamo di entrambi, siamo finiti. Ricorda che durante l’amministrazione Trump non sono avvenute guerre. Era un efficace pacificatore. Eppure molti lo accusano falsamente di incitare alla guerra e schernire la tigre. Non è così. La legge e l’ordine portano pace e prosperità. Questo è ciò che Trump rappresentava e continua a fare. Solo gli ingannati si rifiutano di accettare questo fatto.

Ora conosci la fine del gioco. Distruggi l’America, conquista il mondo. Sembra apocalittico, vero? La domanda successiva è: cosa dobbiamo fare per cambiare il risultato? Faremmo meglio a pensare in fretta. E farlo presto! Dobbiamo chiudere le porte dell’inferno.

Articolo di Rassegna Stampa internazionale


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio