Geopolitica

Il Primo Ministro Ungherese Viktor Orban: “Washington deve accettare che la sua egemonia sta per finire”

L’equilibrio si sta spostando e Washington deve accettare che la sua egemonia sta per finire, ha detto Viktor Orban.

Il mondo sta affrontando il più grande spostamento di potere degli ultimi decenni, con gli Stati Uniti sul punto di perdere la loro posizione di leader a favore della Cina, ha dichiarato sabato il primo ministro ungherese Viktor Orban.

Ciò potrebbe portare a un grave conflitto tra Washington e Pechino a meno che gli Stati Uniti non accettino di non poter essere il “vincitore” per sempre, ha avvertito.

“La Cina è diventata una potenza manifatturiera e ora sta superando l’America”, ha detto Orban nel suo discorso annuale nella città di Baile Tusnad, nella Transilvania orientale della Romania.

In soli 30 anni, la Cina ha attraversato la rivoluzione industriale che ha portato l’Occidente per circa tre secoli, ha affermato il primo ministro ungherese, aggiungendo che l’America sta per dire addio al suo status di unica superpotenza mondiale.

Pechino sta anche sfidando i valori che Washington cerca di ritrarre come universali, ha affermato Orban. La Cina considera i valori americani una “ideologia ostile”, ha detto, aggiungendo che “c’è del vero in questo”.

Un certo sviluppo non sarebbe ben accolto a Washington, poiché vogliono rimanere “in cima al mondo” per sempre, ha avvertito Orban. Ha menzionato che i tentativi di sfidare l’egemonia esistente hanno causato gravi conflitti in più occasioni nella storia umana. “Non ci sono vincitori eterni e perdenti eterni”, ha aggiunto.

Un conflitto tra le due grandi potenze è probabile ma non inevitabile, ritiene il leader ungherese. Il mondo ha bisogno di trovare un nuovo equilibrio e le due parti opposte dovrebbero riconoscersi alla pari, ha detto. Le principali nazioni devono “accettare che, oggi, invece del dominio americano, ci sono due soli nel cielo”, ha aggiunto Orban.

Ha anche dipinto un quadro cupo del futuro dell’Europa dicendo che sta per perdere la sua posizione dominante nell’economia globale. Orban ha accusato le politiche anti-russe dell’Occidente di questo sviluppo. L’UE è già “ricca ma debole”, ha affermato, aggiungendo che perderebbe ulteriormente i suoi vantaggi competitivi a causa della sua determinazione a imporre sanzioni alla Russia.

L’idea che la Russia possa essere separata dall’economia mondiale attraverso varie restrizioni è una “illusione”, ha avvertito. L’UE ha già assistito ai risultati delle sue decisioni errate, ha affermato Orban, aggiungendo che “altri acquistano energia russa invece di noi, e noi paghiamo per l’energia più che mai”.

Secondo Orban, il Regno Unito e l’Italia uscirebbero dalle prime dieci economie mondiali e la Germania scenderebbe al 10° posto, dall’attuale quarta posizione. Una parte significativa dell’economia europea è ancora legata alla Russia nonostante tutta la retorica sulle sanzioni, ha affermato.

L’Ungheria è emersa come uno dei maggiori critici delle politiche occidentali nel conflitto in corso tra Mosca e Kiev. Budapest ha ripetutamente chiesto un cessate il fuoco e un accordo di pace in Ucraina e ha criticato l’UE per l’invio di armi a Kiev. A giugno, Orban ha dichiarato al tabloid tedesco Bild che una vittoria ucraina sul campo di battaglia era “impossibile”. L’Ungheria ha anche insistito sul fatto che le sanzioni contro la Russia stanno danneggiando l’Europa più di quanto colpiscano la Russia.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio