Geopolitica

Informazioni sul vertice dell’Organizzazione per la cooperazione di Shanghai a Nuova Delhi

Il 4 luglio 2023 si è tenuto a Nuova Delhi, capitale dell’India, il 23° Vertice del Consiglio dei Capi di Stato dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO). Questo è stato il primo vertice SCO presieduto dall’India ed è stato svolto in formato virtuale a causa di varie circostanze che hanno impedito a tutti i leader degli stati membri dell’Organizzazione, in particolare Cina e Pakistan, di partecipare di persona.

Chi ha partecipato

I partecipanti al vertice della SCO in videoconferenza sono stati il presidente russo Vladimir Putin, il presidente della Repubblica popolare cinese Xi Jinping, il presidente della Repubblica del Kazakistan Kassym-Jomart Tokayev, il presidente della Repubblica del Kirghizistan Sadyr Japarov e il primo ministro della Repubblica islamica del Pakistan. Il vertice è stato presieduto dal Primo Ministro della Repubblica dell’India, Narendra Modi. Altri partecipanti alla teleconferenza sono stati il presidente della Repubblica del Tagikistan Emomali Rahmon e il presidente della Repubblica dell’Uzbekistan Shavkat Mirziyoyev. Oltre ai capi di stato, hanno partecipato anche i capi degli stati osservatori, tra cui il presidente della Repubblica di Bielorussia Alexander Lukashenko, il presidente della Repubblica islamica dell’Iran Ebrahim Raisi, il presidente della Mongolia Ukhnaagiin Khurelsukh e il presidente del Turkmenistan Serdar Berdimuhamedov in qualità di ospite della presidenza.

All’incontro hanno partecipato anche i capi di due organi della SCO, il segretariato e la struttura antiterrorismo regionale, così come i capi di sei organizzazioni internazionali e regionali, tra cui l’ONU, l’ASEAN, la CIS, la CSTO, l’EAEU e la CICA.

I temi affrontati

Il tema del vertice era “Verso una SCO sicura”. L’incontro ha affrontato questioni di attualità per approfondire ulteriormente la cooperazione multiforme all’interno della SCO, espandere e migliorare le attività dell’organizzazione.

Nel 2017 India e Pakistan sono diventati membri a pieno titolo della SCO e nel 2021 i leader della SCO hanno approvato l’ammissione dell’Iran come membro a pieno titolo della SCO (al vertice di Nuova Delhi, i leader degli stati membri della SCO hanno adottato una risoluzione concedendo alla Repubblica islamica dell’Iran la piena adesione all’Organizzazione e ha firmato il memorandum sull’accelerazione della procedura per concedere alla Repubblica di Bielorussia lo status di membro a pieno titolo della SCO). Le domande di partecipazione alla SCO come osservatore sono state ricevute dal Segretariato dell’Organizzazione da Bangladesh, Vietnam, Israele, Iraq, Siria e come partner di dialogo – da Bahrain, Kuwait, Maldive, Emirati Arabi Uniti e Myanmar (lo status di partner di dialogo erano già stati concessi in precedenza ad Azerbaigian, Armenia, Egitto, Qatar, Cambogia, Nepal, Turchia, Arabia Saudita e Sri Lanka).

Nel settembre 2003, gli Stati membri della SCO hanno firmato il Programma di cooperazione commerciale ed economica multilaterale per 20 anni. Come obiettivo a lungo termine, questo programma includeva la creazione di una zona di libero scambio. La cooperazione riguarda i settori dell’energia, dei trasporti, dell’agricoltura, delle telecomunicazioni, della protezione dell’ambiente, del credito e delle banche e altri settori. Il 26 ottobre 2005, il Consiglio dei capi di governo degli Stati membri della SCO ha deciso di istituire la SCO Interbank Association (IBC SCO), il cui scopo principale è organizzare un meccanismo per il finanziamento e i progetti di investimento bancario attuati dal membro della SCO stati.

Durante la riunione del settembre 2022 del Consiglio dei capi degli Stati membri della SCO a Samarcanda, è stata adottata una tabella di marcia per aumentare gradualmente la quota delle valute nazionali negli accordi reciproci degli Stati membri della SCO. All’ordine del giorno del vertice di Nuova Delhi c’era il tema dell’attuazione pratica di questo documento. Il lavoro pertinente viene svolto nell’ambito di un gruppo di esperti appositamente creato composto da rappresentanti delle banche centrali degli Stati membri. Anche sulla piattaforma dell’Associazione interbancaria SCO vengono promosse questioni relative all’ampliamento dell’uso delle valute nazionali.

Tramite una teleconferenza al vertice della SCO a Nuova Delhi, il presidente russo V.V. Putin, il quale, in particolare, ha osservato che “… i legami economici della Russia con i paesi della SCO si stanno attivamente sviluppando. Pertanto, il volume degli scambi tra la Russia e i paesi dell’organizzazione nel 2022 è aumentato di oltre un terzo. Anche l’uso delle valute nazionali negli accordi reciproci è in espansione. Oltre l’80% delle transazioni commerciali tra Russia e Cina sono già effettuate in rubli e yuan, mentre la quota della valuta russa nelle transazioni di esportazione con tutti i Paesi SCO nel 2022 ha superato il 40 per cento…”.

A seguito dell’incontro, i capi degli Stati membri della SCO hanno adottato una serie di decisioni nel campo della cooperazione economica, della trasformazione digitale, della garanzia della sicurezza regionale, nonché nella sfera culturale e umanitaria e in altri settori prioritari. In una dichiarazione congiunta, i leader dei paesi membri dell’Associazione hanno sottolineato che le attività dell’Unione non sono dirette contro altri Stati e organizzazioni internazionali e che è aperta a un’ampia cooperazione.

I punti salienti del 23° Vertice del Consiglio dei Capi di Stato dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai (SCO) sono i seguenti:

  1. Presidenza indiana: Il vertice è stato presieduto dall’India, che ha assunto la presidenza della SCO per la prima volta.
  2. Formato virtuale: A causa di circostanze diverse, non tutti i leader degli Stati membri hanno potuto partecipare di persona al vertice. Pertanto, il vertice si è svolto in formato virtuale.
  3. Partecipanti: I partecipanti al vertice includevano il presidente russo Vladimir Putin, il presidente cinese Xi Jinping, il presidente kazako Kassym-Jomart Tokayev, il presidente kirghiso Sadyr Japarov e il primo ministro pakistano Shahbaz Sharif. Altri partecipanti erano il presidente del Tagikistan, il presidente dell’Uzbekistan e i capi degli stati osservatori bielorusso, iraniano, mongolo e turkmeno.
  4. Tema del vertice: Il tema del vertice era “Verso una SCO sicura”. L’incontro si è concentrato sul miglioramento della cooperazione all’interno della SCO e sull’espansione delle attività dell’organizzazione.
  5. Cooperazione multiforme: L’incontro ha affrontato questioni di attualità per approfondire ulteriormente la cooperazione multiforme all’interno della SCO. Ciò implica un impegno per rafforzare la cooperazione economica, politica e culturale tra i membri.
  6. Partecipazione di organizzazioni internazionali: Al vertice hanno partecipato i capi di sei organizzazioni internazionali e regionali, tra cui l’ONU, l’ASEAN, la CIS, la CSTO, l’EAEU e la CICA. Questa partecipazione ha enfatizzato l’importanza della cooperazione e del dialogo tra le organizzazioni regionali.

In sintesi, il 23° Vertice del Consiglio dei Capi di Stato dell’Organizzazione per la Cooperazione di Shanghai ha affrontato il tema della sicurezza all’interno della SCO e ha cercato di promuovere una maggiore cooperazione tra i membri e con altre organizzazioni internazionali.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio