Geopolitica

World War III

“..la guerra è bella anche se fa male..” cantava così nel 1978 Francesco De Gregori.

Gli si può certamente dare l’attenuante della “licenza poetica” e tutta la magia della poesia. Ma solo quella, perché in realtà la guerra fa schifo e fa molto… molto male. Anzi malissimo.

Si dice che il modo migliore per impedire agli schiavi di ribellarsi, sia convincerli che non sono schiavi. Ed è esattamente quello che da parecchi anni sta succedendo. Sul pianeta terra si sta combattendo una guerra. Una guerra tra i pochi “ricchi”, gli “eletti”, i detentori del potere globale, contro tutta l’umanità. Si sta combattendo la “Terza Guerra Mondiale”, ma a parte alcuni (pochi per la verità), il resto dell’umanità sembra non accorgersi di niente. Anzi, sembra fastidiosamente sopportare coloro che giornalmente, avvisano di questo orrore che si sta perpetrando da tempo, e che diventa sempre più evidente.

Ma come per il criceto in gabbia, al quale basta la ruota per sentirsi libero, così anche con l’umanità intera, che sia da nord a sud o da est a ovest, bastano poche stupide distrazioni di massa, per “normalizzare” la vita che viviamo. Distrazioni appositamente orchestrate, in modo da distogliere gli occhi dei popoli, da quello che realmente sta succedendo.

Nell’ottobre del 2019 a New York è stato presentato uno scenario di una prossima possibile pandemia, con tanto di simulazione, dati precisi e stranamente… futuribili. Vi lascio il link per coloro che credono che un manipolo di pochi “pazzi” al mondo, chiamati “complottisti”, raccontino fandonie, fantasie prive di senso.

https://www.centerforhealthsecurity.org/our-work/exercises/event201/about

Ora questo scenario così simpatico, prevedeva che: “La prossima pandemia non solo causerà gravi malattie e perdite di vite umane, ma potrebbe anche innescare importanti conseguenze economiche e sociali a cascata che potrebbero contribuire notevolmente all’impatto e alla sofferenza globali”. Trovate tutto nel link relativo. Guarda caso questo scenario, è stato presentato ad una platea “esclusiva” di 130 persone, tra cui anche il simpatico Bill Gates.

Il tutto organizzato con il “Johns Hopkins Center for Health Security”, il “World Economic Forum”, e ovviamente la “Bill & Melinda Gates foundation”. Questi signori tramano allegramente alle spalle dell’umanità, e si permettono anche di darci una serie di suggerimenti o raccomandazioni.

https://www.centerforhealthsecurity.org/our-work/exercises/event201/recommendations.html

Mi preme chiarire che pensare, organizzare, fare le simulazioni e mettere insieme i dati di un tale “esercizio” di pandemia simulata, porta via del tempo. Mesi se non anni. Quindi direi che tutti, possiamo arrivare alla conclusione, che un tale documento è stato ordito, programmato e pensato molto tempo prima della “falsa” pandemia avviata nel 2020. Pandemia “falsa” lo ripeto, che ricalca stranamente, passo dopo passo, il documento “Event 201” che potete tranquillamente leggere. Si perché l’arroganza del potere è tutta qua. A loro non interessa dirti che ti stermineranno, farti vedere come, farti capire che lo stanno facendo. Anzi, si possono persino permettere il lusso, di sbatterti in faccia come ti ridurranno. Come ti toglieranno le normali libertà, come ti sottometteranno. Lo fanno normalmente ogni giorno da anni, ma nessuno se ne accorge, nessuno ci fa caso, e soprattutto, a nessuno interessa.

Bill Gates, Anthony Fauci, Tedros Ghebreyesus, Alex Azar, Ralph Baric, Peter Daszak, Drosten, Klaus Schwab, Rockefellers, Rothschilds, DOD e molti altri, hanno dichiarato guerra all’umanità. Ma al solo dirlo, la moltitudine di bipedi che popola il pianeta insorge, e archivia i moniti che stanno arrivando da più parti, come il parto di persone squilibrate, inaffidabili, socialmente disturbate etc. etc.

La “Suprema arte della guerra, è sottomettere il nemico, senza combattere” Sun Tzu (544BC).

Mikki Willis, un filmaker americano, ha aperto un canale: https://plandemicseries.com/ dove troverete molti video e interessanti informazioni su quello che sta succedendo sul nostro pianeta. Ha prodotto un documentario di prossima uscita, “The great awakening” che bisognerebbe proiettare nelle scuole. Sul suo sito, trovate anche un lungo documentario su quello che i potenti hanno fatto a tutta l’umanità, e quello che faranno per annientare la maggior parte dei popoli. C’è la versione con sottotitoli italiani se volete e vi consiglio di guardarla. Se non avete voglia, tempo, o non vi frega proprio niente di niente, dategli almeno un’occhiata da: 1:07:00. Dovrebbe essere sufficiente per farvi un’idea del fatto che siamo in guerra. La Terza Guerra Mondiale e dobbiamo lottare per salvare l’umanità, non la nostra auto o moto o il nostro piccolo orticello. L’intera umanità è sotto attacco. I nostri figli, il nostro futuro.

https://plandemicseries.com/plandemic-italian-subtitles-sottotitoli-in-italiano/

Sembrano i discorsi di un pazzo lo so. Ma ascoltando scienziati, leggendo libri e articoli, riviste e ricerche provenienti da ogni parte del mondo, ascoltando interviste di storici, partecipando a incontri e/o seminari, ho scoperto che i “complottisti”, non sono soli. Le loro teorie, le loro verità, non sono così impossibili. Se unite tutti i puntini, se tornate indietro di molti anni e rileggete la storia, ne confrontate le diverse sfumature, le diverse versioni, le analizzate e le considerate con un minimo di pensiero critico, vi accorgerete di quanto reali siano le loro parole.

Queste quattro nazioni Burundi, Tanzania, Madagascar e Haiti, hanno rifiutato totalmente il vaccino anti Covid.

Il presidente del Burundi: Pierre Nkurunziza, muore a 55 anni per un improvviso arresto cardiaco. Così recita una nota governativa. Appena un anno dopo, il Burundi inizia la vaccinazione di massa.

Il presidente della Tanzania John Magufuli, muore all’età di 61 anni in circostanze misteriose. Sparisce dalla scena pubblica per due lunghe settimane e poi la notizia della morte. Sembra per un attacco di cuore. Qualcuno dice abbia contratto il Covid. Era il 18 marzo del 2021. Il 24 luglio dello stesso anno, la Tanzania riceve il vaccino ed inizia la vaccinazione.

Didier Ratsiraka presidente del Madagascar, muore il 28 marzo del 2021 all’età di 84 anni. Era ricoverato in ospedale da qualche giorno. Le cause della morte non sono mai state chiare. Sembra che sia deceduto, per una dose eccessiva di Fentanyl. Due mesi dopo, il Madagascar riceve il vaccino anti Covid ed inizia la vaccinazione.

Il presidente di Haiti Jovenel Moise, viene assassinato a casa sua nel luglio del 2021 con 16 colpi di arma da fuoco. Le indagini portano all’arresto di un gruppo di mercenari con doppia cittadinanza Haitiana e Colombiana, che vengono accusati di “cospirazione in relazione all’omicidio” del presidente. Vengono anche arrestati alcuni cittadini americani, ma ad oggi non esiste una chiara versione dei fatti. Pochi giorni dopo la morte di Moise, Haiti riceve il vaccino anti Covid ed inizia a vaccinare tutta la popolazione.

Gli equilibri geopolitici del mondo stanno cambiando ma ai più non importa. Ultimamente, siamo tutti concentrati sulla guerra in Ukraina. Questa drammatica “distrazione”, ha permesso a Svezia e Finlandia, di fare domanda per l’annessione alla NATO. Domanda che è stata immediatamente accolta (a parte i dubbi di Ungheria e Turchia). Sembra che nessuno se ne sia accorto, ma se vi mettete davanti una cartina dell’Europa, noterete che in questo modo, il “Consiglio Artico” è‌ interamente euro-atlantico e di fatto quindi, è il braccio politico della Nato. Gli attuali otto Stati membri del Consiglio Artico sono Canada (che rappresenta i Territori del Nord-Ovest, il Nunavut e lo Yukon), Danimarca (che rappresenta la Groenlandia e le Isole Fær Øer), Finlandia, Islanda, Norvegia, Russia, Stati Uniti d’America (che rappresentano l’Alaska) e Svezia. Ho sottolineato gli stati del Consiglio che di fatto ormai sono nella NATO.

Un fumetto di Asterix, stampato e distribuito nel 2017, narra della conquista dell’Italia, da parte dei galli guidati dal loro comandante che si chiama: Coronavirus. Lo so fa ridere, ma è così che funziona la propaganda. Il fumetto non è mai stato tradotto in italiano, ma per chi volesse accertarsi della faccenda, ecco il link per poterlo acquistare online:

https://avalon.buchkatalog.at/astrix-et-la-transitalique-9782864973270

In Francia da settimane, c’è una vera guerra per le strade di molte città. Sono state incendiate o danneggiate, le cattedrali del potere: Banche, Istituti finanziari, posti di Polizia. Ma al governo poco importa. Il governo va avanti e approva la legge sulle pensioni. Il potere non si ferma e continuerà lungo la via del “Grande Reset”, perché ripeto: siamo in guerra.

È di questi giorni, l’approvazione in Italia del Decreto Calderoli. Eccovi il link del Governo:

https://www.governo.it/it/articolo/comunicato-stampa-del-consiglio-dei-ministri-n-19/21687

In pratica la Sanità pubblica, sta per essere definitivamente smantellata a scapito di quella privata. Un sistema americano, (che caso) che prevede quindi che se hai i soldi ti curano, altrimenti pazienza. Ma ovviamente anche di questo nessuno sa niente, nessuno alza la voce, nessuno si indigna.

C’è anche tra coloro che invece hanno compreso, e che sono preoccupati per quello che sta succedendo, una sorta di “rilassamento” in attesa che qualcuno con più voce in capitolo, che so io, un Trump o un Elon Musk, faccia le sue mosse e salvi il pianeta e tutti noi.

Sono spiacente di comunicare a tutti, che il pianeta o lo salviamo noi tutti insieme, magari a ruota poi appoggiati dai vari Trump o Musk, oppure non lo salva nessuno. L’8 settembre del 43, alcuni italiani capirono la portata di quello che stava per succedere, imbracciarono le armi e salirono sulle montagne per iniziare la Guerra Partigiana contro i Tedeschi. Contro i nazisti. Non aspettarono nessuno, si alzarono imbracciarono i fucili e andarono a combattere.

Noi oggi, stiamo inconsapevolmente combattendo la Terza Guerra Mondiale: “The World War III”.

 Ma la combattiamo guardando la tv, scrivendo sui social dove ci bastano poche centinaia di like per sentirci dei veri “partigiani”. Stiamo facendo esattamente quello che il “potere” ci lascia fare: sopravvivere nel nostro orticello. In fondo molti hanno un lavoro, possono mandare i figli a scuola e sperare in un futuro migliore. Non importa che lavoro sia e quanto durerà. Non importa che scuola sia e che falsità insegnino. Non importa che tipo di futuro, basta che ci sia la speranza di un futuro. Migliore o no a noi non importa, perché noi non ci saremo e se la vedranno i nostri figli.

Già, “Noi non ci saremo”. Profetica frase che Guccini molti, troppi anni or sono, già cantava nelle rime delle sue canzoni. Il futuro è tutto quello che abbiamo. Il futuro dei nostri figli è anche il futuro dell’umanità. Vogliamo che il futuro dei nostri figli passi per il commercio dei bambini, lo sfruttamento sessuale dei minori, l’inoculamento di vaccini che li faranno ammalare e morire, la sottomissione totale e il controllo di ogni loro mossa, l’obbligo di mangiare cibo sintetico e di non potersi più curare?

Forse dentro ognuno di noi, vogliamo un futuro di felicità, di libertà, di cieli azzurri e di speranza per tutti i nostri figli. Per tutta l’umanità. Allora per questo, bisogna combattere. Bisogna che ognuno di noi, faccia la sua parte. C’è un video che circola ultimamente, dove fa vedere chiaramente, come il poter ci stia schiacciando tutti, come l’umanità sia sotto attacco e stia combattendo la Terza Guerra Mondiale. Il video termina con un cartello esemplificativo:

“Be brave – Fight for the Umanity”

Siate coraggiosi, combattete per l’Umanità. La storia, non è ancora stata scritta tutta.

“Be brave – Fight for the Umanity”

Siate coraggiosi, combattete per l’Umanità. La storia, non è ancora stata scritta tutta.

Bruno Marro

Seguitemi sul mio blog

https://brunomarro.blogspot.com/
https://brunomarro.it/


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Bruno Marro

Bruno Marro nasce a Torino il 5 marzo 1956 Musicista, compositore e scrittore, nella sua carriera ha scritto musiche per cartoni animati, trasmissioni televisive e fatto regia teatrale.

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio