Site icon News Academy Italia

Rapporto sul complesso censura-industriale: le 50 migliori organizzazioni da conoscere

Le industrie alla guida della censura

Lo starter kit del cittadino per comprendere il nuovo cartello dell’informazione globale

Introduzione di Matt Taibbi

Il 17 gennaio 1961, il presidente uscente ed ex comandante supremo alleato Dwight D. Eisenhower tenne uno dei discorsi più significativi della storia americana . Eisenhower per otto anni era stato un presidente popolare, il cui fascino si basava sulla reputazione di persona di grande forza d’animo personale, che aveva guidato gli Stati Uniti alla vittoria in una lotta esistenziale per la sopravvivenza nella seconda guerra mondiale. Tuttavia, mentre si preparava a lasciare lo Studio Ovale per il bel giovane John F. Kennedy, avvertì il paese che ora era alla mercé di un potere che nemmeno lui poteva sconfiggere. 

Fino alla seconda guerra mondiale, l’America non aveva un’industria per manente per la produzione di armi. Ora sì, e questo nuovo settore, disse Eisenhower, stava costruendo attorno a sé un sistema di supporto culturale, finanziario e politico che stava accumulando un enorme potere. Questa “congiunzione di un immenso stabilimento militare e di una grande industria di armi è nuova nell’esperienza americana”, ha detto, aggiungendo:

Nei consigli di governo, dobbiamo guardarci dall’acquisizione di un’influenza ingiustificata, voluta o meno, da parte del complesso militare-industriale. Il potenziale per la disastrosa ascesa del potere mal riposto esiste e persisterà. 

Non dobbiamo mai lasciare che il peso di questa combinazione metta in pericolo le nostre libertà o i nostri processi democratici… Solo una cittadinanza attenta e informata può costringere la corretta integrazione dell’enorme macchina industriale e militare della difesa con i nostri metodi e obiettivi pacifici, in modo che la sicurezza e la libertà possano prosperare insieme. 

Questo è stato il più terribile degli avvertimenti, ma l’indirizzo della stampa popolare ha avuto la tendenza ad essere ignorato. Dopo più di sessant’anni, la maggior parte dell’America – compresa la maggior parte della sinistra americana, che tradizionalmente si è concentrata maggiormente su questo tema – ha perso la paura che la nostra industria degli armamenti possa conquistare la democrazia dall’interno. 

Ora, tuttavia, purtroppo abbiamo trovato motivo di riconsiderare l’avvertimento di Eisenhower.

Mentre la popolazione civile solo negli ultimi anni ha iniziato a mercanteggiare su incidenti di “de-platforming” che coinvolgono figure come Alex Jones e Milo Yiannopoulos, le agenzie governative avevano già da tempo avanzato una nuova teoria del conflitto internazionale, in cui il panorama informativo è più importante inteso come un campo di battaglia che un forum per lo scambio di idee. In questa prospettiva, gli annunci “spam”, le notizie “spazzatura” e la condivisione del lavoro di ” agenti di disinformazione ” come Jones non sono caratteristiche inevitabili di un Internet libero, ma sortite in una nuova forma di conflitto chiamata “guerra ibrida”. 

Nel 1996, proprio mentre Internet stava entrando a far parte della vita quotidiana in America, l’esercito degli Stati Uniti pubblicò il ” Manuale da campo 100-6 “, che parlava di “un dominio informativo in espansione chiamato Global Information Environment” che contiene “processi e sistemi informativi che sono al di là della diretta influenza dei militari”. I comandanti militari dovevano capire che il “dominio dell’informazione” nel “GIE” sarebbe stato d’ora in poi un elemento cruciale per “operare in modo efficace”.

Vedrai spesso implicito che le “operazioni di informazione” sono praticate solo dai nemici dell’America, perché solo i nemici dell’America sono abbastanza bassi, e abbastanza privi di una vera potenza di fuoco, da richiedere l’uso di tali tattiche, avendo bisogno come loro di “superare le forze armate” . limitazioni ”. Raramente sentiamo parlare della lunga storia dell’America con ” misure attive ” e ” operazioni di informazione “, ma i media popolari ci danno spazio per leggere le tattiche disperate del nemico asiatico, perennemente descritto come qualcosa come un inguaribile imbroglione del golf transcontinentale.

In effetti, parte della nuova mania che circonda la “guerra ibrida” è l’idea che mentre l’essere umano americano è abituato a vivere in chiari stati di “guerra” o “pace”, il cittadino russo, cinese o iraniano nasce in uno stato di conflitto costante, dove la guerra è sempre in corso, dichiarata o meno. Di fronte a tali avversari, il panorama dell’informazione “aperto” in America è poco più che una debolezza militare.

Nel marzo del 2017, in un’audizione della House Armed Services Committee sulla guerra ibrida, il presidente Mac Thornberry ha aperto la sessione con osservazioni minacciose , suggerendo che nel più ampio contesto della storia, un’America costruita sui principi costituzionali del potere decentralizzato avrebbe potuto essere malamente progettato:

Gli americani sono abituati a pensare a uno stato binario di guerra o di pace . Questo è il modo in cui le nostre organizzazioni, dottrine e approcci sono orientati. Altri paesi, tra cui Russia, Cina e Iran, utilizzano una gamma più ampia di strumenti di potere e influenza nazionali controllati centralmente, o almeno diretti centralmente, per raggiungere i loro obiettivi…

Che si tratti di contribuire a partiti politici stranieri, omicidi mirati di oppositori, infiltrazione di personale non in uniforme come gli omini verdi, media tradizionali e social media , operazioni di influenza o attività connesse alla rete, tutte queste tattiche e altro ancora vengono utilizzate per promuovere i propri interessi nazionali e molto spesso danneggiare gli interessi nazionali americani… 

I documenti storici suggeriscono che la guerra ibrida in una forma o nell’altra potrebbe benissimo essere la norma per il conflitto umano, piuttosto che l’eccezione.

Più o meno nello stesso periodo, cioè poco dopo l’elezione di Donald Trump, tra i futuri leader del “Complesso Censura-Industriale” stava diventando un Vangelo che l’interferenza di “attori di minacce straniere maligne” e le vicissitudini della politica interna occidentale dovessero essere collegate. Tutto, dalle e-mail di John Podesta alle vittorie primarie della Rust Belt di Trump alla Brexit, doveva essere inteso prima di tutto come eventi di guerra ibrida.

Per questo lo scandalo Trump-Russia negli Stati Uniti sarà probabilmente ricordato come un momento cruciale della storia del 21° secolo, anche se l’inchiesta ha superficialmente posto fine a una non-storia, fake news in sé. Ciò che l’indagine Mueller non ha ottenuto con l’espulsione di Trump dall’incarico, l’ha fatto con la nascita di una vasta nuova burocrazia pubblico-privata dedicata a fermare “la cattiva informazione, la disinformazione e la cattiva informazione “, mentre attenuava l’acquiescenza pubblica all’emergere di un’ondata di nuove agenzie governative con missioni di “guerra dell’informazione”. 

Il “Complesso Censura-Industriale” è solo il Complesso Militare-Industriale rinato per l’era della “guerra ibrida”.

Proprio come l’industria bellica, lieta di definirsi il settore della “difesa”, il complesso “anti-disinformazione” si propone come meramente difensivo, progettato per respingere gli attacchi ostili di cyber-avversari stranieri che, diversamente da noi, hanno “limitazioni militari”. Il CIC, tuttavia, non si occupa esclusivamente di difesa, né si concentra principalmente sulla “disinformazione” straniera. È diventato invece un implacabile sistema di messaggistica unificato rivolto principalmente alle popolazioni domestiche, a cui viene detto che la discordia politica interna aiuta l’ assalto ibrido non dichiarato del nemico alla democrazia 

Suggeriscono che dobbiamo ripensare le vecchie concezioni sui diritti e dedicarci a nuove tecniche di sorveglianza come il ” monitoraggio della tossicità “, sostituire la vecchia stampa libera ammuffita con gli editori che rivendicano un “fiuto per le notizie” con un modello aggiornato che utilizza strumenti di assegnazione automatizzati come ” estrazione di affermazioni degne di nota “, e sottomettersi a meccanismi franchi di controllo del pensiero come il “metodo di reindirizzamento”, che invia annunci ai browser online di contenuti pericolosi, spingendoli verso ” messaggi alternativi costruttivi “.

Vincolare tutto questo è l’impegno per una nuova politica omogenea, che il complesso di agenzie pubbliche e private elencate di seguito cerca di catturare in qualcosa come una teoria del campo unificato della narrativa neoliberista, che può essere perennemente modificata e amplificata online tramite algoritmi e machine learning. Questo è ciò che intendono alcune delle organizzazioni in questo elenco quando parlano di inventare un ” vocabolario condiviso ” di disturbo dell’informazione, o “credibilità” o “alfabetizzazione mediatica”.

I gruppi anti-disinformazione parlano all’infinito della costruzione della ” resilienza ” alla disinformazione (che in pratica significa assicurarsi che il pubblico ascolti narrazioni approvate così spesso che qualsiasi altra cosa sembri spaventosa o repellente), e il pubblico è addestrato a mettere in discussione non solo la necessità di controlli ed equilibri , ma concorrenza. La concorrenza è sempre più disapprovata non solo nel “mercato delle idee” (un’idea stessa sempre più spesso descritta come superata ), ma nel tradizionale senso capitalista. Nei file di Twitter troviamo ripetutamente documenti come questa recensione non firmata “Sphere of Influence” diffusa dal Carnegie Endowment che si chiede ad alta voce se le aziende tecnologiche debbano davvero competere per “farlo bene”:

Al posto della concorrenza, i gruppi che abbiamo monitorato favoriscono il concetto di “sforzo condiviso” (un gruppo britannico ha persino avviato un programma “Shared Endeavour” ), in cui i principali “stakeholder” risolvono i loro disaccordi in privato, ma presentare un fronte unito.

Chi sono i leader di queste campagne di messaggistica? Se ti interessa chiedere, i gruppi di seguito sono un buon punto di partenza. 

“The Top 50 List” è inteso come una risorsa per giornalisti e ricercatori che iniziano il loro viaggio verso l’apprendimento della portata e dell’ambizione del “Complesso industriale-censura”. Scritto come un articolo di una rivista, cerca di rispondere ad alcune domande di base su finanziamento, tipo di organizzazione, storia e, soprattutto, metodologia. Molti gruppi anti-disinformazione aderiscono allo stesso approccio stereotipato alla ricerca, spesso utilizzando la stessa “mappatura dell’odio”, analisi del tipo di colpa per associazione per identificare i pensatori sbagliati e le persone soppressive. C’è persino la tendenza a utilizzare ciò che una fonte di Twitter Files ha descritto come gli stessi grafici “palla di pelo”.

Dove competono, spesso, è nell’area della verbosità incomprensibile che descrive i rispettivi metodi analitici. Il mio preferito è venuto dai Public Good Projects, che in una dimostrazione di abilità predittive che ricordano il “Titanic inaffondabile” si è descritto come il ” Buzzfeed della salute pubblica “. 

Insieme, questi gruppi stanno rapidamente raggiungendo ciò che Eisenhower temeva: l’eliminazione dell'”equilibrio” tra il bisogno democratico di liberalizzare leggi e istituzioni e la vigilanza richiesta per la preparazione militare. La società democratica richiede il nutrimento del libero dibattito, del disaccordo e della tensione intellettuale, ma i gruppi sottostanti cercano invece quel “vocabolario condiviso” da schierare sul campo di battaglia ibrido. Propongono di fungere da guardiani di quel “vocabolario”, che suona molto simile allo scenario delineato da Ike nel 1961, in cui “la politica pubblica potrebbe essa stessa diventare prigioniera di un’élite scientifica e tecnologica”.

Senza ulteriori indugi, un’introduzione ai principali attori di questo “CIC”:

​1.​ Information Futures Lab (IFL) presso la Brown University (precedentemente First Draft):

Link https://sites.brown.edu/informationfutures/ https://First Draftnews.org/

Tipo : Un istituto universitario, ospitato all’interno della School of Public Health, per combattere la “disinformazione” e le “pratiche di comunicazione obsolete”. Il successore di First Draft , uno dei primi e più importanti gruppi “anti-disinformazione”.

Potresti averne letto quando : Hai sentito per la prima volta i termini Mis-, dis- e malinformation . Il termine è stato coniato dalla direttrice di FD Claire Wardle. IFL/FD sono anche l’unica organizzazione accademica/senza scopo di lucro coinvolta nella Trusted News Initiative , un consorzio di media legacy su larga scala istituito per controllare il dibattito sulla risposta alla pandemia. Wardle è stata la prima scelta dei dirigenti di Twitter per un gruppo di consulenti anti-disinformazione che ha messo insieme. Ha anche partecipato al tavolo del laptop Hunter Biden dell’Aspen Institute nell’agosto 2020 (prima che la storia del laptop scoppiasse). La co-fondatrice di IFL, Stefanie Friedhofffa parte del team di risposta Covid-19 della Casa Bianca. I membri dello staff di First Draft sono stati anche rivelati nei #TwitterFiles come partner frequenti e fidati di un volto pubblico di spicco del Complesso Censura-Industriale, Renee DiResta, ora della Stanford University .

Quello che sappiamo sui finanziamenti : First Draft è stato finanziato da un numero enorme di entità tra cui Craig Newmark, Rockefeller, National Science Foundation, Facebook, Ford Foundation, Google, Knight Foundation, Wellcome Trust, Open Society Foundations e altro ancora. Il finanziamento per l’IFL include la Fondazione Rockefeller per un’iniziativa di ” creazione della domanda di vaccini “.

Cosa fanno/Cosa vendono : IFL/First Draft si posizionano come l’avanguardia degli studi sulla disinformazione, agendo come consulenti chiave per media, tecnologia e consorzi di salute pubblica, riunendo un’ampia gamma di competenze accademiche. 

Citazioni caratteristiche / visione del mondo : uso elevato di termini come comportamento non autentico coordinato inquinamento delle informazioni , i futuri slogan della sicurezza interna mis-, dis- malinformazione disturbo dell’informazione.

Verbiage incomprensibile : ” La tecnica di inoculazione più accessibile è il prebunking: il processo di sfatare bugie, tattiche o fonti prima che colpiscano “.

In #TwitterFiles: First Draft è ampiamente presente nei file. Sono stati il ​​primo nome proposto quando Twitter ha deciso di riunire un piccolo gruppo di “persone fidate per riunirsi per parlare di ciò che stanno vedendo”, facevano parte del tavolo Burisma dell’Aspen Institute e sono apparse in più e-mail con funzionari del Pentagono 

Grafico sciocco 

Strettamente collegato a : quasi tutte le luci principali del CIC, tra cui lo Stanford Internet Observatory, la Trusted News Initiative, lo Shorenstein Center, DFRLabs, il World Economic Forum, l’Aspen Institute, Meedan e Bellingcat.

In sintesi : con una forte capacità sia di conoscere che di dirigere le tendenze emergenti e con una vasta gamma di reti d’élite al seguito, l’IFL continuerà a fungere da uno dei principali artefici del gusto nel campo “anti-disinformazione”.

2.​ Medan

Link: https://meedan.com/

Tipo: organizzazione non profit di medie dimensioni specializzata in tecnologia e contrasto alla “disinformazione”.

Potresti aver letto di loro quando: Meedan ha condotto una serie di iniziative di disinformazione sul Covid-19 “per supportare gli sforzi di verifica dei fatti sulla pandemia” con finanziamenti di BigTech, Omidyar Foundation, National Science Foundation e altro ancora. I partner includevano l’ormai caduto in disgrazia Behavioral Insights Team della Gran Bretagna , o “nudge unit”, noto per aver spaventato a morte i britannici su una serie di manie mediche. Tra i progetti “anti-disinformazione” di Meedan c’è uno sforzo per scrutare messaggi privati ​​e crittografati . Il consiglio di amministrazione di Meedan include Tim Hwang (ex consigliere generale di Substack), scettico sulla libertà di parolaZeynep Tufecki e Maria Ressa, vincitrice del Premio Nobel con legami molto stretti con il fondatore di eBay Pierre Omidyar e il National Endowment for Democracy. Ressa crede che Wikileaks ” non sia giornalismo “. La co-fondatrice di Meedan, Muna AbuSulayman, è stata la segretaria generale fondatrice della Saudi Alwaleed bin Talal Foundation. Alwaleed bin Talal è uno dei maggiori azionisti di Twitter, sia prima di Elon Musk che ora, con Musk.

Cosa sappiamo sui finanziamenti : finanziamenti pubblici e privati ​​diffusi, inclusi Omidyar, Twitter, Facebook, Google, la National Science Foundation, l’Agenzia svedese per la cooperazione allo sviluppo internazionale e altro ancora.

Cosa fanno/Cosa vendono : Meedan si posiziona come una ONG leader nel campo della “anti-disinformazione”; convocare reti, sviluppare tecnologia e stabilire nuove iniziative. Forte supporto e sviluppo sono dati alle organizzazioni di “controllo dei fatti” e alla costruzione della tecnologia per supportarle.

Citazione caratteristica / visione del mondo : “Rilevamento di contenuti controversi e odiosi”.

Verbiosità incomprensibile : “Il nostro lavoro mostra che ci sono molte più corrispondenze tra i contenuti di tipline e i messaggi di gruppo pubblici su WhatsApp che tra i messaggi di gruppo pubblici e i fact check pubblicati o i contenuti aperti dei social media”. 

In #TwitterFiles: Minimal nei file a portata di mano, sebbene Meedan sia indicato come uno dei quattro principali partner di “disinformazione” Covid di Twitter .

Collegato a : Twitter, Factcheck.org, AuCoDe, Berkman Klein Center for Internet and Society, Behavioral Insights Team, Oxford Internet Institute, Stanford Internet Observatory e First Draft. 

In sintesi : Meedan esemplifica il passaggio stilistico da ONG a Stasi, dove spiare e fare la spia su messaggi privati ​​in nome dell'”anti-disinformazione” è ora considerato un bene pubblico.

Ulteriori letture :

PubblicoOra stanno provando a censurare i tuoi messaggi di testoDa quando il giornalista Matt Taibbi e io abbiamo testimoniato davanti al Congresso il 10 aprile, i critici dei Twitter Files hanno affermato che stavamo facendo un grosso problema per nulla. Eravamo paranoici, hanno detto, nell’immaginare che il governo degli Stati Uniti fosse coinvolto nello spionaggio di americani comuni e nel chiedere la censura. I vari gruppi coinvolti in quello che abbiamo chiamato il Complesso industriale della censura stavano semplicemente “segnalando” post problematici per le società di social media, hanno detto i nostri critici. Le piattaforme non erano in alcun modo obbligate ad agire su di esso…

Per saperne di più17 giorni fa · 415 Mi piace · 76 commenti · Michael Shellenberger

3.​ Harvard Shorenstein Center on Media, Politics and Public Policy (progetto di tecnologia e cambiamento sociale) 

Link https://shorensteincenter.org/programs/technology-social-change/

Tipo : Un progetto accademico d’élite un tempo considerato uno dei centri leader nel campo della “anti-disinformazione”.

Potresti aver letto di loro quando : È stato annunciato che il centro sarebbe stato chiuso nel 2024 sulla base falsa del fatto che la responsabile del progetto Joan Donovan non disponeva di credenziali accademiche sufficienti per gestire l’iniziativa (ciò che era falso è che ci è voluto così tanto tempo prima che questa realizzazione venire). Donovan era già ampiamente noto per la partigianeria e per aver sbagliato le cose, in particolare affermando ripetutamente che il laptop di Hunter Biden non era autentico. Lo Shorenstein Center ha dato vita ad altre due importanti iniziative “anti-disinformazione”, la già citata First Draft e l’ Algorithmic Transparency Initiative . Cameron Hickey, capo di ATI, è ora amministratore delegato del molto più grande Congresso Nazionale sulla Cittadinanza. In questo filmato, Joan Donavan siede accanto a Richard Stengel, il primo capo del Global Engagement Center, un’agenzia ospitata nel Dipartimento di Stato con il compito di “contrastare la propaganda straniera e non statale e gli sforzi di disinformazione”. La chiusura del Progetto Tecnologia e Cambiamento Sociale è una piccola vittoria in un campo altrimenti esplosivo.

Cosa sappiamo sui finanziamenti : denaro proveniente da: Ford Foundation, Open Society Foundations, Craig Newmark Philanthropies, Gates Foundation, Google, Facebook Journalism Project e WK Kellogg Foundation. 

Cosa fanno/Cosa vendono : ricerca accademica sulla “disinformazione”, un programma di borsisti, convocazioni sul campo e frequenti commenti dei media. Lo Shorenstein Center produce anche un’importante rivista di “studi sulla disinformazione” .

Citazione caratteristica / visione del mondo : il famigerato tweet di Donovan , in posa con uno staff di Atlantic : “Io e @cwarzel guardando il contenuto sul laptop Hunter Biden, la domanda più popolare dell’uomo di paglia a # Disinfo2022”.

Verbiage incomprensibile : ” Esaminare l’efficacia della richiesta di accuratezza in combinazione con l’utilizzo di bordi colorati per differenziare notizie e contenuti social online 

Grafico “palla di pelo” :

Strettamente connesso a : First Draft, Algorithmic Transparency Initiative/NCoC, Berkman Center for Internet and Society, Data and Society e Aspen Institute.

Insomma : un progetto “anti-disinformazione” che ha sbagliato tante volte, anche il centro che lo ospitava ha tagliato i ponti.

4.​ I Progetti di Bene Pubblico 

Link: https://www.publicgoodprojects.org/

Tipologia : Consulenza no profit, specializzata in comunicazione sanitaria, marketing, tecnologia e “disinformazione”.

Potresti aver letto di loro quando : Sebbene PGP sembri svolgere un lavoro frontale, sono anche pistole a noleggio per una vasta gamma di programmi aziendali e governativi. I file di Twitter mostrano che PGP aveva contratti con il gruppo di lobby biotech BIO (i cui membri includono Pfizer e Moderna) per gestire la campagna Stronger , che secondo Lee Fang“ha lavorato con Twitter per impostare regole di moderazione dei contenuti sulla ‘disinformazione’ covid”. Jennifer McDonald del team Public Policy di Twitter ha notato in una e-mail che PGP era anche tra le quattro “più forti partnership di condivisione di informazioni” di Twitter per la “disinformazione” Covid. PGP ha collaborato con l’UNICEF nell’Osservatorio sulla domanda di vaccini che mira a “ridurre l’impatto della disinformazione e aumentare la domanda di vaccini in tutto il mondo”. Il consiglio comprende l’ex CEO di Pepsi e Levi’s, un vicepresidente di Morgan Stanley e il direttore dei partenariati per la sanità pubblica di Merck Pharmaceuticals.

Quello che sappiamo sui finanziamenti : $ 1,25 milioni da BIO e partnership con Google, Rockefeller e UNICEF.

Cosa fanno/Cosa vendono : una serie di attività di comunicazione tra cui marketing, ricerca, produzione di media, monitoraggio dei social media, promozione di vaccini e campagne. Usano anche l’intelligenza artificiale e l’elaborazione del linguaggio naturale per “identificare, tracciare e rispondere a narrazioni, tendenze e problemi urgenti” al fine di “eseguire verifiche dei fatti” e “potenziare strategie di cambiamento del comportamento”.

Citazione caratteristica / visione del mondo : ” Pensa a noi come il BuzzFeed della salute pubblica “.

In #TwitterFiles: Notato come una delle quattro fonti di riferimento di Twitter per il presunto rilevamento della disinformazione di Covid-19 .

Strettamente connesso a : Twitter, UNICEF, Rockefeller, Kaiser Permanente, First Draft, Brown School of Public Health

In sintesi : una sofisticata attrezzatura di comunicazione e tecnologia con stretti partner BigTech e BigPharma e una missione per fermare la “disinformazione”.

Ulteriori letture:

cattiva cattivitàquando le gomitate diventano spinteAccidenti, questo meme è sicuramente sempreverde. perché ci sono di nuovo e ci vuole davvero un tipo speciale di equipaggio per rispondere a “nessuno si fida di noi perché mentiamo tutto il tempo” con “quindi mentiamo ancora un po’…

Per saperne di piùun mese fa · 716 Mi piace · 263 commenti · el gato malo

​5.​ Grafica 

Link: https://www.graphika.com/ 

Tipo : azienda a scopo di lucro con collegamenti nel settore della difesa, specializzata in “marketing digitale, disinformazione e analisi”.

Potresti aver letto di loro quando : Graphika era uno dei due gruppi esterni assunti nel 2017 dal Senate Intelligence Committee per valutare la minaccia informatica russa. Graphika è stata anche un partner “core four” della Stanford’s Election Integrity Partnership e del suo Virality Project , entrambi oggetto dei rapporti #TwitterFiles. Ha fatto notizia per aver affermato che una fuga di discussioni commerciali tra Stati Uniti e Regno Unito, pubblicizzata da Jeremy Corbyn, faceva parte di un’operazione chiamata ” infezione secondaria ” riconducibile alla Russia.

L’ex direttore delle indagini Ben Nimmo è stato in precedenza un addetto stampa della NATO e Fellow DFRLabs, ed è ora Global Threat Intelligence Lead di Facebook. Il responsabile dell’innovazione Camille Francois è stato in precedenza il principale ricercatore di Google Jigsaw.

Cosa sappiamo sui finanziamenti 3 milioni di dollari dal Dipartimento della Difesa per il periodo 2020-2022, “per sostenere e stimolare la ricerca e la tecnologia di base e applicata nelle istituzioni educative”; vanta collaborazioni con la Defense Advanced Partnerships Research Agency (DARPA) e la US Air Force. Secondo USAspending.gov, le agenzie di difesa hanno fornito quasi 7 milioni di dollari 

Cosa fanno/Cosa vendono : rapporti di lunga durata e servizi in abbonamento per clienti aziendali e governativi, spesso incentrati sull’identificazione di “influencer principali” e “rischi di disinformazione e disinformazione”, insieme a un’intelligenza artificiale altamente sofisticata per la sorveglianza dei social media.

Citazione caratteristica/visione del mondo : “seminare il dubbio e l’incertezza nelle voci autorevoli porta a una società che trova troppo difficile identificare ciò che è vero”.

Verbiage incomprensibile : Tendenza a giochi di parole incredibilmente orribili (“More-troll Kombat”, “Luci, telecamera, azione coordinata!” “Step into my Parler”).

Grafico “palla di pelo” : come la pop art 

Nei #TwitterFiles: Nel 2017-2018, Twitter non sapeva che il Senate Intelligence Committee avrebbe condiviso i propri dati su presunti account collegati alla Russia con entità commerciali.

In sintesi : con profondi legami con il Pentagono e una patina di legittimità commerciale rivolta al pubblico, Graphika è stata creata per essere la Rand Corporation dell’era anti-disinformazione.

Collegato a : Stanford Internet Observatory, DFRLabs, Dipartimento della Difesa, DARPA, Knight Foundation, Bellingcat

Ulteriori letture: https://www.foundationforfreedomonline.com/?page_id=2328

6.​ Digital Forensic Research Lab (DFRLabs) del Consiglio Atlantico

Link: https://www.atlanticcouncil.org/programs/digital-forensic-research-lab/

Tipo : braccio di ricerca sulla disinformazione rivolto al pubblico del think tank altamente influente, finanziato in modo stravagante e allineato alla NATO, il Consiglio Atlantico.

Potresti aver letto di loro quando: nel maggio del 2018, Facebook ha annunciato una “nuova partnership elettorale con il Consiglio Atlantico”, per “impedire che il nostro servizio venga abusato durante le elezioni”. L’annuncio è stato dato dall’ex capo della stratega digitale del Comitato senatoriale repubblicano nazionale Katie Harbath , settimane dopo una controversa udienza al Senato in cui Mark Zuckerberg ha risposto alle domande sull’abuso di dati su Facebook. I DFRLabs dell’Atlantic Council all’epoca includevano figure come Eliot Higgins (di Bellingcat) e Ben Nimmo, futuro direttore delle indagini presso Graphika. Questo è diventato un momento di svolta, poiché Facebook subito dopo ha annunciato una serie di epurazioni di account accusati di ” attività non autentiche coordinate “, inclusi piccoli siti indipendenti come Anti-Media, End The War on Drugs, “Murica Today, Reverb e Anonymous News” , dando inizio a un’era di cancellazioni di massa.

DFRLab è stato un partner fondamentale per “Election Integrity Partnership” e “Virality Project” di Stanford. Il Consiglio Atlantico organizza anche l’elite 360/Open Summit la cui edizione di disinformazione del 2018 comprendeva il forum privato Vanguard-25 che ha riunito Madeleine Albright, l’ex primo ministro svedese Carl Bildt, il capo della Conferenza sulla sicurezza di Monaco, la vincitrice del premio Nobel per la pace Maria Ressa, Edelman (la più grande società di pubbliche relazioni al mondo), Facebook, Twitter, Microsoft, Bellingcat, Graphika e altro ancora.

Quello che sappiamo sui finanziamenti : “DFRLab ha ricevuto sovvenzioni dal Global Engagement Center del Dipartimento di Stato che supportano la programmazione con un focus esclusivamente internazionale”, ha detto a Racket Graham Brookie di DFRLabs . Il Consiglio Atlantico riceve finanziamenti dall’esercito e dalla marina degli Stati Uniti, da Blackstone, Raytheon, Lockheed, dal centro di eccellenza STRATCOM della NATO e da un lungo elenco di altre entità finanziarie, militari e diplomatiche.

Cosa fanno/Cosa vendono : report di lunga durata, creazione di elenchi, hosting di conferenze, creazione di widget adatti ai giornalisti (ad es. ” Tracciatore di interferenze elettorali straniere “, ” Monitoraggio di Minsk “)

Citazione caratteristica/visione del mondo : Sulle ” voci sulle origini del Covid-19 “, in particolare sulla “disinformazione” secondo cui il virus potrebbe aver avuto origine in un laboratorio: “L’effetto cumulativo di ciò è stato quello di distogliere l’attenzione del pubblico statunitense dall’approccio sconnesso del governo federale per mitigare il virus e addossare la colpa alla Cina”.

Verbiage incomprensibile : quantità impressionanti; il sito ribolle per la riluttanza del pubblico a rendere popolare il nome d’équipe “Digital Sherlock”; insiste così spesso che si basa solo su “informazioni open-source” che se ne dubita; fa molto affidamento su metafore militari (“Narrative Arms Race”) e mediche (“Infodemia”) per descrivere la minaccia della disinformazione. 

Grafico “Hairball” Analisi DFRLabs delle voci di Wuhan:

In #TwitterFiles: Appare con frequenza, con la “Lista India” di 40.000 nomi sospettati di “nazionalismo indù” che è un notevole sfortunato episodio:

Riassumendo : DFRLabs non è solo finanziato dal Global Engagement Center, e aveva come collega il capo iniziale del GEC Richard Stengel, ma utilizza sostanziali risorse statali e aziendali per evangelizzare la teoria della disinformazione dell'”ecosistema” del GEC, che sostiene che le opinioni che si sovrappongono a quelle straniere gli attori della minaccia sono essi stessi parte della minaccia.

Collegato a : Stanford Internet Observatory, University of Washington Center for an Informed Public, Graphika, Bellingcat e NYU Center for Social Media and Politics

​7.​ Osservatorio Internet di Stanford 

Link: https://cyber.fsi.stanford.edu/io  

Tipo : istituto di ricerca accademico 

Potresti aver letto di loro quando: Il SIO è il capostipite di due sforzi fondamentali per la sorveglianza e la censura dei contenuti di massa: la “Election Integrity Partnership” creata prima del voto presidenziale del 2020 e il “Virality Project” che ha creato un unico sistema di ticketing per sei importanti piattaforme Internet per la “disinformazione” relativa ai vaccini Covid-19. Come notato dal capo Alex Stamos , l’EIP si è riunito per “colmare il vuoto” di cose che “il governo non poteva fare da solo”. I partner di DFRLabs hanno aggiunto che l’Election Integrity Partnership della SIO “si è riunita nel giugno del 2020 su incoraggiamento della Cybersecurity and Infrastructure Security Agency, o CISA, del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti”. Il direttore della ricerca Renee DiResta è un ex membro della CIA.

Quello che sappiamo sui finanziamenti : sovvenzione quinquennale della National Science Foundation per $ 748.437. I progetti EIP e Virality hanno anche collaborato con Graphika e DFRLabs, a loro volta destinatari di finanziamenti rispettivamente dal Dipartimento della Difesa e dallo Stato. SIO è stata fondata con una sovvenzione di 5 milioni di dollari da Craig Newmark e riceve fondi anche da Omidyar, Gates, Hewlett e altri.

Cosa fanno/Cosa vendono : come notato in due rapporti di Twitter Files (vedi qui qui ), i progetti SIO gemelli hanno rappresentato sforzi importanti per creare sorveglianza e segnalazione per scalare su più piattaforme, apparentemente come prova di concetto per una potenziale impresa completamente gestita dal governo come il Disinformation Governance Board, il programma promosso dai loro partner al CISA.

Verbiage incomprensibile : abile nel generare sinonimi imperiosi che si lodano per essere intelligenti e dalla California (ad esempio “costellazione di risolutori di problemi”, “coproduzione di competenze per la protezione delle infrastrutture critiche”). Idea nata della ” miccia lunga ” della disinformazione, suggerendo che i pericoli del linguaggio devono essere interrotti presto.

Grafico “Hairball” analisi EIP delle voci “Glendale mail dump” nelle elezioni del 2020, che per inciso sono state coperte dalla CNN 

In #TwitterFiles: SIO forse appare nel TF più di qualsiasi altro partner accademico, think tank o ONG. Da un’e-mail a Twitter dal Virality Project: a Twitter è stato detto che dovrebbe considerare come “disinformazione standard sulla tua piattaforma … storie di veri effetti collaterali del vaccino … post veri che possono alimentare l’esitazione”. 

In sintesi : lo Stanford Internet Observatory può o meno continuare ad avere un ruolo di alto profilo nella costruzione del CIC, ma figure come Renee DiResta e Alex Stamos hanno già svolto una funzione storica sostanziale organizzando raccolte di contenuti multipiattaforma per Covid- 19 e le elezioni del 2020. 

Collegato a : Twitter, First Draft, Graphika, il Centro per un pubblico informato dell’Università di Washington, il Centro per la politica ei social media della NYU, l’Aspen Institute e l’agenzia DHS CISA. 

​8.​ Poynter Institute / Rete internazionale di verifica dei fatti 

Link: https://www.poynter.org/ https://www.poynter.org/ifcn/

Tipo : think tank privato, un tempo noto come operazione di difesa dei media, ora noto più per l’IFCN, che è essenzialmente il braccio interno di verifica dei fatti di Facebook/Meta, nonché l’hub di verifica dei fatti Politifact Produce anche il widget adatto ai giornalisti MediaWise .

Potresti aver letto di loro quando: Trump è stato eletto e Poynter ha inviato una lettera aperta a Mark Zuckerberg per conto di “organizzazioni indipendenti di verifica dei fatti” dicendogli “Facebook dovrebbe avviare una conversazione aperta sui principi che potrebbero essere alla base di un ecosistema di notizie più accurato ”, che Zuckerberg ha correttamente interpretato come un invito a investire in quelle stesse organizzazioni. Successivamente Zuckerberg è stato sfidato da Alexandria Ocasio-Cortez sull’inclusione di The Daily Caller nel suo corpo di verificatori di fatti, e Zuckerberg ha cercato di insinuare che l’IFCN fosse un organismo completamente indipendente, tralasciando sia il suo rapporto di finanziamento (vedi sotto) sia la sua capacità di esercitare veti sui membri dell’IFCN. Barra laterale umoristica: al dottor Anthony Fauci è stato chiesto “Sei ancora sicuro che [Covid-19] si sia sviluppato naturalmente?” a un “Festival of Fact-Checking ” di Poynter e stordisce il pubblico dicendo: “No, non ne sono convinto”.

Quello che sappiamo sui finanziamenti : oltre 4 milioni di dollari all’anno vanno da Facebook alle organizzazioni partner di IFCN. Poynter e Politifact nel frattempo elencano la Craig Newmark Foundation, la Koch Foundation, la Knight Foundation, la Omidyar Network, il National Endowment for Democracy, Microsoft e il Washington Post come finanziatori, tra gli altri. 

Cosa fanno/Cosa vendono : sforzo aziendale su larga scala per verificare i fatti sulla terra. Politifact , fondata nel 2007, ha trasformato l’intera idea di fact-checking, che era un esercizio giornalistico privato e interno, in cui i fact-checker si assicuravano che le dichiarazioni riportate fossero difendibili e/o avessero una base fattuale, un processo progettato per proteggersi dal contenzioso. Ora, il controllo dei fatti viene venduto come un concetto positivo e rivolto verso l’esterno, in cui le cose possono essere dichiarate vere/false da un’autorità istituzionale, i cui giudizi possono quindi essere utilizzati come base per revisioni algoritmiche. 

Citazione caratteristica / visione del mondo : “Ha bisogno di contesto”.

Verbiage incomprensibile : da poco a nessuno. IFCN/ Politifact sono principalmente gestiti e mantenuti da persone con relazioni con il giornalismo e i suoi prodotti sono progettati per essere consumati da un vasto pubblico.

In #TwitterFiles: In una pausa elettorale, l’FBI chiede di due tweet e un membro dello staff di fiducia e sicurezza di Twitter cita Politifact come l’autorità per colpire un contenuto, scrivendo: “Questo è dimostrato essere falso tramite questo”.

In sintesi : l’IFCN in particolare è un’operazione di verifica dei fatti su vasta scala il cui rapporto conflittuale con Meta/Facebook può fornire un modello per futuri appaltatori della verità. 

​9.​ Integrity Initiative / Institute for Statecraft

Link: https://www.statecraft.org.uk/ per la pagina ufficiale; collegamento ai documenti Integrity Initiative trapelati da Anonymous qui .

Tipo : piano di sorveglianza del mondo spettrale e di controllo delle informazioni losco come F che ti manderà a svuotare il terrore 

Potresti averne letto quando: L’hacker Anonymous alla fine del 2018 ha pubblicato una serie di documenti che mostrano che il Ministero degli Esteri britannico ha finanziato un ampio programma anti-disinformazione, incentrato sulla costruzione di “gruppi” geografici di guerrieri anti-disinformazione sotto la guida di Istituto britannico per l’arte di governo. L’elenco iniziale dei partecipanti al cluster includeva molti nomi che sarebbero diventati attori centrali nella lotta alla disinformazione, dall’allora addetto stampa della NATO (e futuro direttore delle indagini di Graphika) Ben Nimmo all’aspirante capo del comitato per la governance della disinformazione Nina Jankowicz a l’ex funzionario della difesa di Obama (e capo del McCain Institute) Evelyn Farkas alla giornalista Anne Applebaum. La fuga di notizie è stata una grande notizia in Inghilterra, perché conteneva passaggi dannosi che mostravano che il Foreign Office britannico identificava Jeremy Corbyn come un “utile idiota” per la Russia, ma ha fatto pochi titoli negli Stati Uniti 

Quello che sappiamo sui finanziamenti : i documenti trapelati hanno mostrato un finanziamento pubblico 2016-2017 di £ 296.500, con un aumento previsto a £ 1.961.000 l’anno successivo; quei numeri sono stati citati da più organi ufficiali, incluso il parlamento britannico. 

Cosa fanno/Cosa vendono : tutte le tracce pubbliche di Integrity Initiative, la cui storia di tweeting mostrava un ampio interesse nell’identificare figure occidentali come legate alla Russia e ad altri attori, sono state chiuse dopo la fuga di notizie di Anonymous alla fine del 2018. Un successivo rapporto di l’OSCR , l’ente di regolamentazione scozzese per gli enti di beneficenza, è una lettura spaventosa. Descrive le attività dell’Institute for Statecraft, tecnicamente classificato come “ente di beneficenza”, come “non interamente caritatevole”, aggiungendo che “una delle sue attività più significative, un progetto noto come Integrity Initiative, non ha fornito benefici pubblici”.

Citazione caratteristica/visione del mondo : “Sebbene l’obiettivo principale [sic] sia la disinformazione e l’influenza russa, ove appropriato, i cluster considerano anche altre fonti di interferenza in cui queste interagiscono con i russi”. Inoltre: “Il principale mezzo di influenza del cluster è attraverso giornalisti selezionati”.

Parole incomprensibili : “Gli indicatori di prestazione” includono “una maggiore educazione delle giovani generazioni sulla disinformazione e sulle minacce”.

In #TwitterFiles: l’FBI inoltra a Twitter il rapporto del Parlamento britannico sull’influenza russa: “Siamo grati a coloro che sono al di fuori della comunità dell’intelligence – in particolare Anne Applebaum, William Browder, Christopher Donnelly, Edward Lucas e Christopher Steele – per aver offerto volontariamente la loro cospicua perizia sulla Russia”.

Insomma Straight Outta Orwell ! I documenti dell’Integrity Initiative rappresentano una delle fughe di informazioni più significative di tutti i tempi: le mutande molto sporche della NATO.

​10.​ Convegno Nazionale sulla Cittadinanza / Istituto per la Trasparenza Algoritmica 

Link: https://ncoc.org/ https://ati.io/

Tipo : un’organizzazione civica istituita dal Congresso dopo la seconda guerra mondiale che stranamente ha rivolto la sua attenzione alla causa dell'”anti-disinformazione” e della censura. L’Algorithmic Transparency Institute (ATI) è una sub-iniziativa dell’NCoC.

Potresti aver letto di loro quando: Si sono iscritti come partner EIP e Virality Project per aiutare a “consentire ai loro analisti di monitorare attraverso le reti”. Tramite la sua Junkipediainiziativa, ATI ha contribuito con la raccapricciante tattica dell ‘”ascolto civico” al fine di “indagare sulle narrazioni”. Junkipedia “consente la raccolta manuale e automatizzata di dati da tutto lo spettro delle piattaforme di comunicazione digitale, inclusi social media aperti, reti marginali e app di messaggistica chiuse”. Esatto, scruteranno persino le tue conversazioni private per “abilitare la consapevolezza della situazione in tempo reale” al fine di “contrastare i contenuti problematici”. Gli informatori possono inviare segnalazioni tramite “tipline”. ATI quindi “lavorerà con molte redazioni” e “invierà le informazioni risultanti nei canali appropriati incentrati sullo stato per un lavoro di risposta rapida”. Sei stato denunciato al governo. Portandolo al livello successivo, ATI gestisce anche il ” Corpo di ascolto civico”.”, “una rete di volontari formati per monitorare, valutare criticamente e segnalare la disinformazione”.

Origini : la leadership di ATI è emersa dal progetto di cambiamento tecnologico e sociale dello Shorenstein Center, che sta per essere chiuso. Cameron Hickey ha guidato l’ATI e da allora è stato promosso a CEO di NCoC. L’ex presidente del consiglio di NCoC Garret Graff è direttore del programma di sicurezza informatica e tecnologia dell’Aspen Institute. Graff è stato un attore chiave nel tavolo “hack and dump” del laptop Hunter Biden dell’Aspen Institute dell’agosto 2020 . In qualità di presidente del consiglio, il record di Graff nel seguire le regole è in discussione, dato che uno è: “NCoC è rigorosamente apartitico e non sostiene né si oppone a nessun candidato o partito”. 

Quello che sappiamo sui finanziamenti : NCoC riceve finanziamenti da molti dei soliti sospetti, tra cui Omidyar, Craig Newmark e la Knight Foundation, così come McArthur, Reset.tech, Rockefeller, Gates Foundation e la Carnegie Corporation di New York.

Cosa fanno/Cosa vendono : tecnologia per monitorare i social media, inclusi messaggi privati, spionaggio al governo e ai media, coordinamento dei media etnici, formazione e coordinamento dei volontari. 

Citazione caratteristica/visione del mondo : “La disinformazione virale è contagiosa e pericolosa. Unisciti alla lotta e ferma la diffusione”; “centralizzare la raccolta dei contenuti problematici”; “una serie di processi automatizzati estrae dati importanti relativi al contenuto, come la posizione geografica, i dati sul coinvolgimento, il testo dell’immagine e i volti importanti nelle immagini”.

Verbiage incomprensibile : ” Messaggi di inoculazione efficaci 

In #TwitterFiles: l’ex presidente del consiglio di amministrazione dell’NCoC Garret Graff ha inviato l’ormai famigerata e-mail “Stephen aveva ragione” a Twitter, il New York Times, NBC News, il Washington Post Rolling Stone , First Draft, CNN e altri come aver provato il loro risposta in anticipo alla fuga di notizie dal laptop di Hunter Biden, prima di condurre la propria campagna di disinformazione per contrastare quella che si è rivelata una storia vera.

A parte questo, l’unica apparizione è una richiesta “tutte le mani” di Election Integrity Partnership da parte di Alex Stamos di Stanford che include l’allora CEO dell’Algorithmic Transparency Institute Cameron Hickey.

In sintesi : spesso i tecnici e le “comunità” collaborano alle iniziative di censura. Nel promuovere Cameron Hickey a CEO di NCoC, la logica di ATI è stata ora trasferita a un’organizzazione su larga scala istituita dal Congresso. 

​11.​ Consulenti del Parco 

Link: https://www.state.gov/defeat-disinfo/

Tipo : Società a scopo di lucro finanziata dal Global Engagement Center (GEC) del Dipartimento di Stato specializzata in “soluzioni a problemi urgenti come disinformazione, terrorismo, estremismo violento, incitamento all’odio, tratta di esseri umani e riciclaggio di denaro”.

Potresti aver letto di loro quando : Park Advisors ha ricevuto finanziamenti dal Technology Engagement Team (TET) del GEC nel 2018 per sviluppare Disinfo Cloud, un dashboard per la valutazione e l’implementazione di strumenti contro la disinformazione. Oltre a Disinfo Cloud, TET ha commissionato lo studio “Weapons of Mass Distraction: Foreign State-Sponsored Disinformation in the Digital Age”, che presenta le vulnerabilità alla disinformazione sulle piattaforme dei social media. Park Advisors ha anche collaborato con la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency (CISA) del Department of Homeland Security, il gruppo di media olandese DROG e GEC per creare il gioco “Harmony Square”, che sostiene essere un “vaccino psicologico contro la disinformazione”.

Quello che sappiamo sui finanziamenti : finanziamenti diretti dal Dipartimento di Stato americano GEC su Disinfo Cloud e studi sulla disinformazione.

Cosa fanno/Cosa vendono : Creato un database digitale per strumenti e tecnologie volti a contrastare la disinformazione e la propaganda per clienti aziendali, accademici, nonché partner governativi statunitensi e stranieri. Rapporti di lunga durata sulle vulnerabilità della disinformazione, competenze politiche internazionali e strumenti di coordinamento antiterrorismo internazionale.

Citazione caratteristica / visione del mondo : “Un numero crescente di stati, nel perseguimento di fini geopolitici, sta sfruttando gli strumenti digitali e le reti di social media per diffondere narrazioni, distorsioni e falsità per modellare le percezioni pubbliche e minare la fiducia nella verità”. 

Grafico sciocco 

Strettamente collegato a: The Census Bureau, Congresso degli Stati Uniti, Dipartimento della Difesa, Dipartimento dell’Energia, Dipartimento della Sicurezza Nazionale, Dipartimento, Dipartimento di Stato, Federal Bureau of Investigation, Office of Global Affairs, Office of the Director of National Intelligence, the Treasury Department, US Agency for Global Media e US Department of Agriculture

In sintesi : un gruppo di consulenza sulla disinformazione ormai defunto (e difficile da trovare), collegato a GEC, che ha creato un banco di prova digitale per strumenti di “contro-disinformazione”

​12.​ New Knowledge AI, rinominata Yonder AI, acquisita da Primer

Link: https://primer.ai/products/yonder/

Tipo: società Internet a scopo di lucro che ha lavorato per marchi ed enti di sicurezza nazionale alla ricerca di piattaforme per il controllo narrativo, oltre a rilevare la manipolazione narrativa da parte di attori maligni. 

Potresti aver letto di loro quando: New Knowledge ha fatto un rapporto molto pubblicizzato per il Senate Intelligence Committee nel 2018 che affermava che i russi hanno saturato i social media statunitensi con la disinformazione per influenzare le elezioni del 2016. Giorni dopo che il direttore della ricerca Renee DiResta ha consegnato il rapporto, i media hanno rivelato che New Knowledge, in collaborazione con un ex aiutante della Casa Bianca di Obama, aveva condotto un’operazione di sporchi trucchi online intesa a far sembrare che il Cremlino sostenesse la candidatura repubblicana al Senato in Alabama. Lo hanno fatto creando migliaia di falsi follower russi su Twitter per il candidato Roy Moore, che ha perso di poco la gara. L’operazione è stata finanziata dal fondatore di LinkedIn Reid Hoffman. New Knowledge è stato pagato $ 100.000 per la campagna in Alabama. I documenti fiscali mostrano che la sua società madre, Popily, Inc., è stata pagata $ 575.000 per la consulenza di ricerca da Advance Democracy, un’organizzazione senza scopo di lucro gestita dal ricercatore dell’oppo Dan Jones, un collegamento del Partito Democratico con i finanziatori della Silicon Valley. New Knowledge ha creato un dashboard elettorale chiamato Disinfo2018 per Advance Democracy di Jones. (Vedi voce 48.)

Inoltre : il fondatore di New Knowledge Jonathan Morgan è stato uno dei creatori del cruscotto Hamilton 68 , sotto gli auspici dell’Alliance for Securing Democracy. L’ex agente dell’FBI Clint Watts è stato un frontman per il cruscotto ed è diventato una delle maggiori fonti di notizie in vista delle elezioni di medio termine. Hamilton 68 ha affermato di tracciare la disinformazione russa monitorando 644 account russi attivi. I Twitter Files hanno rivelato che la maggior parte degli account monitorati da Hamilton 68 appartenevano ad americani, non russi. 

Cosa sappiamo sui finanziamenti:Morgan ha fondato New Knowledge ad Austin nel 2015. Lui e DiResta hanno detto agli intervistatori di essere stati consultati dalla Casa Bianca di Obama mentre crescevano le preoccupazioni per l’uso di Internet da parte di ISIS, suprematisti bianchi e altri cattivi attori. Nel giro di un anno, aveva 50 dipendenti, ha detto Morgan all’Austin American Statesman. Alcuni erano stati analisti nel mondo dell’intelligence; Morgan aveva lavorato a due programmi open source per la Defense Advanced Partnerships Research Agency (DARPA), ha affermato; un altro alto funzionario ha trascorso 15 anni alla NSA. New Knowledge aveva 30 milioni di dollari in denaro di investimento. Ha cercato ulteriori investimenti dopo che lo scandalo dell’Alabama ha portato a un “rebranding” della società nel 2019 in “Yonder AI”. Gli investitori includono Lux Capital, Geekdom Fund, GGV Capital, Buildgroup, Capital Factory e Kelly Perdew, co-fondatrice di Moonshots, proprietario di Fast Point Games. 

Cosa stanno vendendo: gestione delle narrazioni del marchio e rilevamento e analisi della manipolazione narrativa. New Knowledge/Yonder ha cercato determinate parole e gli avatar che ha valutato erano spesso usati da particolari gruppi di utenti maligni. La ricerca di un linguaggio utente che rivela “narrazioni contestuali” ha aiutato a rilevare sottili segni di manipolazione tra gli account.

Citazione di Worldview: “Yonder è in missione per umanizzare le informazioni del mondo e mantenere la promessa di un Internet più autentico… Yonder parlerà all’industria di un quadro etico per l’IA”.

Verbiage incomprensibile: “La piattaforma Yonder è la prima a mappare la fazione Internet, trovando, descrivendo e misurando l’impatto delle fazioni sulle conversazioni che contano per i clienti”. 

In #TwitterFiles : Yoel Roth, ex responsabile della fiducia e della sicurezza di Twitter, sui proprietari dell’account “Hamilton 68”: 

“Questi account non sono né fortemente russi né fortemente bot”.
“Nessuna prova a sostegno dell’affermazione secondo cui il cruscotto è un dito sul polso delle operazioni di informazione russe”.
“Difficilmente prova di una massiccia campagna di influenza”.
“Penso che dobbiamo solo dichiararlo per le stronzate che sono.”

​13.​ Moonshot CVE 

Link: https://moonshotteam.com

Tipo : azienda tecnologica a scopo di lucro che collabora con partner del settore pubblico e privato per rilevare e prevenire l’odio online.

Potresti aver letto di loro quando: Moonshot, in collaborazione con l’Accademia militare degli Stati Uniti, ha prodotto un rapporto sull’estremismo violento interno all’interno dell’esercito. Il rapporto includeva la geolocalizzazione dei membri del servizio alla ricerca di specifici termini di odio, identificando aree concentrate su basi militari. I parametri dello studio sono stati esaminati a causa dei termini e delle frasi considerati “incitamento all’odio”, tra cui “la verità su Black Lives Matter”. L’obiettivo di Moonshot, una volta identificati i modelli di ricerca online di odio e ideologia estremista, è utilizzare il loro “metodo di reindirizzamento”, inviando pubblicità per guidare le persone verso “messaggi alternativi costruttivi”. Il metodo di reindirizzamento è stato criticato quando ha indirizzato le persone a un criminale precedente che propagandava opinioni anarchiche e antisemite.

Quello che sappiamo sui finanziamenti : Moonshot, sin dalla sua fondazione nel 2015, è stato finanziato principalmente da società di capitale di rischio, come Beringea e Mercia. 

Cosa fanno/Cosa vendono : servizi di monitoraggio e segnalazione delle minacce online, inclusi rapporti periodici e di “risposta agli incidenti”. Moonshot commercializza anche capacità di intervento, tra cui il contro-messaggio e il loro già citato “Metodo di reindirizzamento”. 

Citazione caratteristica / visione del mondo : “Un numero crescente di stati, nel perseguimento di fini geopolitici, sta sfruttando gli strumenti digitali e le reti di social media per diffondere narrazioni, distorsioni e falsità per modellare le percezioni pubbliche e minare la fiducia nella verità”. 

Grafico sciocco 

Collegato a: Obama Foundation, Department of State, Wilson Center, Anti-Defamation League, Institute for Strategic Dialogue, Google Jigsaw

Citazione di Worldview “Le lezioni apprese nell’affrontare i fattori alla base dell’estremismo violento offline semplicemente non venivano applicate in modo efficace online, dove propagandisti e reclutatori estremisti continuano a depredare individui vulnerabili… lavoriamo per comprendere meglio e interrompere le reti di disinformazione, basate sul genere violenza, abuso e sfruttamento sessuale di minori e criminalità organizzata, tra gli altri danni”. 

​14.​ Annenberg Public Policy Center (sede di Factcheck.org) 

Link: www.annenbergpublicpolicycenter.org

Tipo : Centro di ricerca sulle politiche pubbliche finanziato privatamente affiliato alla Annenberg School of Communication presso l’Università della Pennsylvania.

Potresti aver letto di loro quando : “Il motto dell’APPC è ‘Ricerca e impegno che contano’ e il suo lavoro ha informato i dibattiti politici sul finanziamento delle campagne, la televisione per bambini, la privacy su Internet, la pubblicità del tabacco, il tono del discorso a Washington e la disinformazione . Gli studiosi del centro politico hanno offerto una guida ai giornalisti che trattano storie difficili, tra cui minacce terroristiche, suicidio, salute mentale, virus Zika ed esitazione vaccinale. 

Quello che sappiamo sui finanziamenti : il finanziamento iniziale e in corso per il centro proveniva da un lascito di 2 miliardi di dollari di Walter Annenberg, un uomo d’affari e scelto da Richard Nixon come ambasciatore presso la Corte di Saint James (Regno Unito) dal 1969 al 1974, proprietario di “Triangle Publications” che comprendeva Seventeen Magazine, The Daily Racing Form e TV Guide sotto il loro ombrello mediatico.

Walter e Leonore Annenberg con la Regina Elisabetta II e il Principe Filippo nella loro casa, Sunnylands, a Rancho Mirage, CA 1983

Cosa fanno/Cosa vendono : un forum per discussioni su questioni chiave di politica pubblica, uno spin-off educativo, ricerca sulle elezioni, educazione dei figli, prevenzione del suicidio, educazione civica e salute mentale e factcheck.org. 

Citazione caratteristica/visione del mondo : “La comunità dell’Annenberg Public Policy Center celebra la vita e piange la scomparsa dello statista George P. Shultz, che ha servito come segretario di stato sotto il presidente Ronald Reagan e segretario del lavoro e del tesoro sotto il presidente Richard Nixon, ed era un intimo amico degli ambasciatori Leonore e Walter Annenberg. Shultz era anche un amico di lunga data dell’Annenberg Public Policy Center (APPC) dell’Università della Pennsylvania e dell’Annenberg Retreat a Sunnylands , dove era un ospite frequente.

Verbiage incomprensibile : “Il gruppo di lavoro transatlantico ad alto livello sulla moderazione dei contenuti online e la libertà di espressione sta cercando di identificare e incoraggiare l’adozione di soluzioni scalabili per ridurre l’incitamento all’odio, l’estremismo violento e l’inganno virale online, proteggendo al contempo la libertà di espressione e un vibrante, globale Internet.” ( Fonte )

Esempio di grafico :

Da: Annenberg Science and Public Health Knowledge Monitor 

Riferimento ai file di Twitter: Susan Ness, Distinguished Fellow e Project Director dell’Università della Pennsylvania, che è stata nominata Commissario presso la Federal Communications Commission dal presidente Clinton nel 1994, ha inviato a Nick Pickles di Twitter un rapporto finale dal rapporto finale del Transatlantic Working Group sulla moderazione dei contenuti online e Libertà di espressione, in preparazione di una “conversazione sincera e non registrata”.

In sintesi: l’Annenberg Public Policy Center è un tentacolo della più ampia operazione di influenza della Fondazione Annenberg mascherata da think tank. La sua analisi è informata e in definitiva fedele ai fantasmi di Richard Nixon, Ronald Reagan, la regina Elisabetta e Walter Annenberg (il ragazzo che pubblicava il “Daily Racing Form” che è “noto per essere l’autorità del territorio americano dal 1894 e fornisce notizie e dati agli appassionati di corse di cavalli).  

​15.​ Alleanza per la sicurezza della democrazia del Fondo Marshall tedesco 

Link: democrazia.gmfus.org 

Tipo : Think Tank di politica pubblica/Istituzione sovvenzionatrice. 

Potresti aver letto di loro quando : Hanno contribuito a finanziare o sono serviti come nave di passaggio per i soldi del Dipartimento di Stato diretti a Hamilton 68, uno sforzo del 2016 per “rintracciare l’interferenza russa” che ha applicato l’etichetta di “influenza russa” a persone che non lo erano essendo influenzati dai russi, ma erano scettici su una cosa o sull’altra nella narrativa più ampia adottata dal Consiglio Atlantico, dallo Stanford Internet Observatory, da Brookings o dal National Endowment for Democracy. 

Quello che sappiamo sui finanziamenti : “Il German Marshall Fund degli Stati Uniti è stato fondato nel 1972 grazie a un dono della Germania come tributo al Piano Marshall”. I loro finanziatori a livello di $ 1 milione di dollari e oltre includono la Commissione Europea, la Direzione Generale per i Negoziati di Vicinato e di Allargamento, Auswaertiges Amt, il Ministero degli Affari Esteri della Norvegia, l’Agenzia statunitense per lo Sviluppo Internazionale e il Ministero degli Affari Esteri svedese. A livello di $ 100-999K, i finanziatori includono Google, Microsoft, Open Society, Rockefeller Foundation, Charles Mott Foundation (che finanzia anche gli sforzi di disinformazione della Clemson University), Knight Foundation, Ministero della Difesa della Lettonia e Ministero degli Affari Esteri per il Belgio . 

Cosa fanno/Cosa vendono : Nella sezione “priorità” del loro sito web si nota che “GMF lavora su questioni critiche per gli interessi transatlantici nel 21° secolo, compreso il futuro della democrazia, della sicurezza e della geopolitica, le alleanze e l’ascesa di Cina, tecnologia e innovazione”.

Citazione caratteristica/visione del mondo : “L’ondata di minacce autoritarie, la polarizzazione politica e l’ampliamento delle disuguaglianze sociali continuano ad alimentare l’arretramento democratico e a minare i valori democratici su cui poggiano i nostri sistemi e le nostre istituzioni. L’urgenza di affrontare queste crisi globali richiede alle società di rafforzare la loro resilienza e reimmaginare il futuro della democrazia”. Dal futuro della democrazia

Parole incomprensibili : “La globalizzazione del laissez-faire è al punto di rottura. La pandemia di Covid-19 e l’invasione russa dell’Ucraina hanno finalmente messo in luce la fragilità del sistema economico globale dopo decenni di tensione causata dall’ascesa della Cina ed esacerbata dal cambiamento climatico e dalla crescente disuguaglianza. Ora, la leadership statunitense è necessaria per garantire che le forze nazionaliste e autoritarie non riempiano il vuoto strutturale risultante in un mondo sempre più digitale. È necessaria una nuova tabella di marcia su come le democrazie e i loro alleati affronteranno le sfide tecnologiche del 21° secolo”. Da ” La nuova politica estera americana della tecnologia ” 

Il famigerato grafico “Hamilton 68” 

Twitter Files Reference: L’Hamilton 68 creato dall’ASD è dettagliato in Twitter Files#15 ed è oggetto di molte, molte comunicazioni Twitter su sospetti account bot russi. I dirigenti di Twitter come Carlos Monje erano ansiosi di rimanere vicini al “gioco più lungo” piuttosto che confrontarsi con l’ASD sul problema Hamilton 68. 

Riassumendo : il German Marshall Fund è un grande passaggio per i finanziamenti degli Stati Uniti e di altri governi della NATO, nonché dei maggiori industriali di quelle nazioni, per cercare di modellare la percezione pubblica attraverso organizzazioni di facciata. 

​16.​ Ad Consiglio

Link: https://www.adcouncil.org/

Tipo : non profit/media

Potresti aver letto di loro quando : Hanno avviato la campagna di prevenzione della guida in stato di ebbrezza “Gli amici non lasciano che gli amici guidino ubriachi” e hanno anche creato il personaggio di Smokey the Bear. 

Quello che sappiamo sui finanziamenti : Il Consiglio Ad è finanziato dalle più grandi aziende del mondo. Comcast, Google e Meta hanno tutti donato ad Ad Council più di $ 400.000, mentre Adobe, Apple, Johnson & Johnson, Disney, TikTok, Verizon e Walmart hanno donato tra $ 300-399.000. Le donazioni nella fascia $ 200-299K sono arrivate da Accenture, Amazon, Bank of America, Pfizer e Twitter, tra gli altri. IBM, Fox, JP Morgan Chase hanno preso il via al livello 150K-199K, ma praticamente tutti i suoi finanziamenti provengono da società Fortune 500. 

Cosa fanno/Cosa vendono : il Consiglio pubblicitario tenta di influenzare un gran numero di persone attraverso la pubblicità per ciò che considera il bene pubblico. Fondati inizialmente nel 1941, erano conosciuti come War Advertising Council e conducevano campagne per promuovere le donne sul posto di lavoro, a causa del massiccio afflusso di uomini nell’esercito. 

Citazione caratteristica/visione del mondo: “ La missione dell’Ad Council è riunire i migliori narratori per educare, unire ed elevare, aprendo i cuori, ispirando l’azione e accelerando il cambiamento. Non ci fermeremo finché non vivremo in una società in cui ogni singola persona può prosperare”.

Riferimento ai file di Twitter: uno dei quattro principali consulenti di disinformazione Covid-19 di Twitter. In particolare, ha avanzato un progetto per aumentare la domanda di vaccini:

In sintesi : un colosso pubblicitario creato dalle più grandi società della seconda guerra mondiale per vendere la guerra lo sta ancora facendo. 

​17. Hub di media forensics della Clemson University

Collegamento: https://www.clemson.edu/centers-institutes/watt/hub/

Tipologia : Istituto di Ricerca Pubblico-Privato

Potresti aver letto di loro quando : sono stati formati nel 2020 “per basarsi sulla ricerca riconosciuta a livello nazionale eseguita dalla facoltà della Clemson University che è stata tra i primi a identificare la campagna organizzata di interferenza russa nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2016 “. Gli studiosi dell’hub Media Forensics della Clemson University hanno pubblicato ” The Real Target of Authoritarian Disinformation ” in Foreign Affairs sulla “Internet Research Agency” della Russia hanno lavorato con il Senate Select Committee on Intelligence, il Department of Homeland Security, le forze dell’ordine federali e il Cyber ​​Command dell’esercito degli Stati Uniti. 

Quello che sappiamo sui finanziamenti sovvenzione di 3,8 milioni di dollari dalla Knight Foundation per studiare e combattere la disinformazione online nel novembre del 2022 (eguagliata dalla Clemson University per portare l’investimento totale a 7,6 milioni di dollari). Sono ospitati in un edificio costruito con un dono di $ 5,5 milioni di dollari dal Dr. Charles Watt, ex preside del College of Business and Behavioral Science di Clemson, un uomo d’affari appaltatore della difesa con un contratto con SPAWAR Charleston (ora noto come NAVWARSYSCOM il Navy ‘s Comando Sistemi Elettronici). Una delle specialità di Watt era in ciò che i militari chiamano C3I: (comando, controllo, comunicazioni, intelligence) e C4I (comando, controllo, comunicazioni, computer, intelligence). Prima di allora era ilDirettore della Difesa, Test e Valutazione presso l’ Ufficio del Segretario alla Difesa durante l’Amministrazione Reagan, quando la priorità di quell’ufficio era l’Iniziativa di Difesa Strategica.

Cosa fanno/Cosa vendono : Ricerca multidisciplinare con “impatti sociali diretti”. Una dichiarazione d’intenti piena di parole d’ordine sul “bene comune”, strumenti per l’analisi dei social media come Botometer (controlla l’attività di un account e gli assegna un punteggio che indica la probabilità che si tratti di un bot) o Tweetbeaver (funziona a livello granulare, scavando informazioni dal tuo o da qualsiasi account pubblico) 

“I ricercatori dell’Hub studiano la disinformazione e l’inautenticità online e creano strumenti per educare le persone e fermare la diffusione della disinformazione”. Questi strumenti includono “aiutare gli anziani a riconoscere truffe e disinformazione online”, ” troll spotting ” e “Convergence Accelerator” in collaborazione con la National Science Foundation dell’USG . “Il modello del programma Convergence Accelerator comprende tre fasi: identificazione dell’argomento e fasi 1 e 2 di ricerca sulla convergenza. I team che completano le fasi di ricerca sulla convergenza sono tenuti a fornire soluzioni ad alto impatto che soddisfino le esigenze della società e continuino ad avere un impatto dopo la fine del supporto NSF. “

Citazione caratteristica/visione del mondo Mission Statement : “Il Media Forensics Hub presso la Clemson University sviluppa la capacità della società di comprendere il contesto, le origini e l’impatto dei media moderni. Come parte del Watt Family Innovation Center, realizziamo questo collegando l’esperienza scientifica con l’applicazione pratica”.

Parole incomprensibili : uno studio sui gruppi partigiani russi e americani “ha esplorato come le loro operazioni deviassero dalla propaganda di stato canonica contrassegnata da simboli di identità nazionale e mascolinità eroica” ( Russia: Strategia/Tattiche/Impatto 2021 )

Riferimento ai file di Twitter: nel 2020, Nick Pickles di Twitter ha scritto di aver condiviso la frustrazione di Yoel Roth per il fatto che CUMFH “non ha preso alcun tipo di guida” su ciò che hanno trovato nei confronti dell’Internet Research Agency. Roth in un’altra e-mail ha aggiunto che i ricercatori di Clemson erano “troppo amichevoli con HPSCI”, cioè il Comitato House Intel, e non avevano “le braciole”. 

In sintesi : i professori di comunicazione a Clemson sono riusciti a ottenere molti finanziamenti da un accademico in pensione e appaltatore della difesa che ha svolto un ruolo molto critico nell’iniziativa di difesa strategica sotto l’amministrazione Reagan per un centro di analisi/disinformazione dei social media, costruito principalmente per fornire informazioni ai giornalisti che le stesse analisi di Twitter hanno costantemente smentito. 

​18.​ Agenzia per la sicurezza informatica e delle infrastrutture (CISA) 

Link: www.cisa.gov

Tipo : Ente governativo; una divisione all’interno del Department of Homeland Security che è il “leader operativo per la sicurezza informatica federale e il coordinatore nazionale per la sicurezza e la resilienza delle infrastrutture critiche”. Fondata nel 2018, ha rapidamente assunto un ruolo nella sicurezza elettorale, dichiarando il processo elettorale un’infrastruttura nazionale critica. 

Potresti aver letto di loro quando : Il loro direttore inaugurale, Christopher Krebs, è stato licenziato dal presidente Donald Trump tramite tweet dopo che la CISA ha rilasciato una dichiarazione, dicendo il 12 novembre 2020, “Le elezioni del 3 novembre sono state le più sicure nella storia americana”. 

Quello che sappiamo sui finanziamenti : secondo quanto riferito, un budget di $ 3 miliardi di dollari .

Cosa fanno/Cosa vendono : CISA dovrebbe essere l’agenzia leader nella protezione delle infrastrutture critiche e nel respingere gli attacchi informatici; “progettato per la collaborazione e la partnership”, CISA collabora anche con società civili, università e centri di ricerca, tra cui in particolare l’Election Integrity Partnership di Stanford. 

Citazione caratteristica / visione del mondo : “La missione di sicurezza informatica di CISA è difendere e proteggere il cyberspazio guidando gli sforzi nazionali per guidare e consentire un’efficace difesa informatica nazionale, la resilienza delle funzioni critiche nazionali e un solido ecosistema tecnologico”. Il loro motto è “difendi oggi, proteggi domani”.

Verbiage incomprensibile : alla conferenza RSA del 2020, il direttore Chris Krebs ha spiegato che l’agenzia ha un motto aggiuntivo – “la sicurezza informatica ha un gruppo” – sottolineando il ruolo che tutti svolgono nella costruzione della resilienza e nella difesa della nazione dalle minacce informatiche.

“Inviamo [informazioni sulle minacce] in modo anonimo”, ha spiegato Krebs. “Quello che stiamo cercando di fare qui è capire il paesaggio – capire le condizioni al di sopra di esso e cosa potrebbe fare l’avversario – e tirarlo fuori in modo che la prossima vittima possa non accadere. Questo è particolarmente importante nella più ampia conversazione sul ransomware”.

Riferimento ai file di Twitter: in un’e-mail dell’agente speciale Elvis M. Chan dell’FBI a Yoel Roth, viene delineata una relazione formale tra Twitter, l’FBI e la CISA:

Riassumendo : una nuova sub-agenzia della Homeland Security con un budget mostruoso, forti connessioni universitarie e una gigantesca competenza nel mezzo di una palude burocratica di varie altre agenzie e dipartimenti federali, che hanno tutti anche un pezzo di Cybersecurity e Portafoglio di protezione delle infrastrutture; ha rivali nel Dipartimento della Difesa, nel Dipartimento dell’Energia, nell’FBI, nei servizi segreti e nella comunità dell’intelligence. 

​19.​ Bellingcat 

Link: https://www.bellingcat.com/

Tipo : organizzazione di giornalismo investigativo a scopo di lucro con sede nei Paesi Bassi che sembra principalmente indagare e/o denunciare i professionisti del giornalismo. 

Potresti aver letto di loro quando : Bellingcat è un’organizzazione di giornalismo investigativo indipendente, sedicente “Agenzia di intelligence per il popolo”. È stata fondata dall’ex collega dell’Atlantic Council DFRLabs, Eliot Higgins. Nello spirito dell’agenzia di intelligence, il personale e i collaboratori di Bellingcat sono disseminati di ex funzionari dell’intelligence e del governo. Ad esempio, più contributori lavorano presso il Center for Information Resilience, un’organizzazione no profit contro la disinformazione con l’ex “zar della disinformazione” Nina Jankowicz come vicepresidente. Per aggiungere al suo personaggio spettrale, il collettivo giornalistico riceve finanziamenti dal National Endowment for Democracy (NED), un’organizzazione oscura chiamata “il papà dello zucchero delle operazioni palesi” dal Washington Post, facendo “apertamente ciò che una volta era stato indicibilmente nascosto: erogare denaro alle forze anticomuniste dietro la cortina di ferro”. Bellingcat è stato nominato in un consorzio proposto di ONG contro la disinformazione – tra cui DFRLabs dell’Atlantic Council – chiamato EXPOSE Network, organizzato dalla rete Zinc nell’ambito del programma di controdisinformazione e sviluppo dei media del Regno Unito. Questa rivelazione è stata inclusa nel rilascio del 2018 dei documenti Integrity Initiative dell’Institute of Statecraft dal gruppo di hacktivisti Anonymous.

Quello che sappiamo sui finanziamenti : mentre Bellingcat afferma di non sollecitare o accettare finanziamenti o contributi direttamente da alcun “governo nazionale”, NED è un donatore almeno dal 2017. Nello stesso anno, Bellingcat ha ricevuto finanziamenti da Meedan, uno dei I fidati partner di condivisione della disinformazione Covid-19 di Twitter. Nel 2020, Bellingcat ha ricevuto 160.000 euro da Zinc Network, una rete di comunicazione che progetta “interventi informati sulla scienza comportamentale che cambiano atteggiamenti e azioni”. 

Cosa fanno/Cosa vendono : giornalismo investigativo indipendente, che fa molto affidamento sull’intelligence open source (OSINT). 

Citazione caratteristica/visione del mondo : “Anche la disinformazione apparentemente ‘innocua’ normalizza la distorsione della realtà, con conseguenze potenzialmente mortali.”

Strettamente connesso a: The Open Societies Foundation, Human Rights Foundation, NED, Zinc Network, Integrity Initiative, Graphika, Atlantic Council/DFRLabs.

In sintesi : il gruppo di investitori spettrali del consorzio di giornalisti “indipendenti” e il maleodorante elenco di contributori mettono in discussione il suo giornalismo senza agenda.

20.​ Centro per l’analisi delle politiche europee (CEPA)

Link: https://cepa.org/

Tipo: CEPA è un’istituzione di politica pubblica senza scopo di lucro con sede a Washington, DC con la missione di “garantire un’alleanza transatlantica forte e duratura radicata nei valori e nei principi democratici”.

Potresti aver letto di loro quando: I dipendenti CEPA sono spesso citati nelle notizie sugli affari europei e sulla guerra Russia-Ucraina . Diceva che la “complicità degli Stati Uniti” nel sabotaggio degli oleodotti Nord Stream era “disinformazione”. Il 29 marzo 2023 CEPA ha pubblicato un articolo in cui concludeva che “la Russia rimane il colpevole più probabile” della distruzione degli oleodotti Nord Stream.

CEPA è stato un sostenitore dell’escalation della guerra alla disinformazione online. Ha proposto che le sanzioni statunitensi ed europee contro la Russia dovrebbero includere il divieto di “funzionari e oligarchi russi da Twitter, Facebook e YouTube”. In un articolo intitolato “Allerta a medio termine: la Silicon Valley sta perdendo la lotta contro la disinformazione”, CEPA ha concluso: “Le società di social media riconoscono la pervasività della disinformazione e della disinformazione sulle loro piattaforme e la minaccia che [sic] rappresenta per la democrazia. Ora devono aumentare i loro investimenti per combattere il flagello”.

Cosa sappiamo sui finanziamenti: l’elenco dei sostenitori della CEPA per l’ anno fiscale 2022 include il National Endowment for Democracy (che è fortemente finanziato dal governo degli Stati Uniti ), la NATO Public Policy Division, Lockheed Martin, Microsoft, Amazon Web Services, BAE Systems, Google, la Russia Strategic Initiative, il Comando europeo degli Stati Uniti (Dipartimento della difesa) e il Dipartimento di Stato degli Stati Uniti. Il Dipartimento di Stato e il Dipartimento della Difesa hanno (combinato) fornito sovvenzioni per oltre 1 milione di dollari alla CEPA dal 2016. Il rapporto CEPA del dicembre 2020 sul reato democratico contro la disinformazione è stato “cofinanziato dall’Unione europea”.

Cosa fanno/Cosa vendono: CEPA mira a promuovere la cooperazione transatlantica su questioni come il sostegno alla democrazia, la regolamentazione digitale e la difesa. Uno dei suoi obiettivi principali è “garantire che gli Stati Uniti e i suoi più stretti alleati possano mantenere il loro vantaggio strategico in un mondo sempre più conteso”. Impiega una serie di “esperti” che apportano “soluzioni politiche innovative alle questioni più critiche che l’alleanza transatlantica deve affrontare”.

Citazione caratteristica/visione del mondo: “Le democrazie non sono buone” nel diffondere disinformazione. Fonte

Parole incomprensibili: “La NATO dovrebbe sottolineare il ruolo che può svolgere nella difesa di tutti gli esseri umani che condividono i valori transatlantici , non necessariamente attraverso interventi militari ma attraverso mezzi diplomatici, umanitari e politici”. Inoltre: “La nostra analisi all’avanguardia e i dibattiti tempestivi galvanizzano le comunità di influenza mentre investono nella prossima generazione di leader per comprendere e affrontare le sfide presenti e future ai valori e ai principi transatlantici “.

Riferimento ai file di Twitter: un’e-mail della dott.ssa Alina Polyakova, presidente e CEO di CEPA, a Nick Pickles di Twitter, che accenna a informazioni sul capo del GEC. Polyakova è anche inclusa nel gruppo di segnalazione di disinformazione d’élite di Twitter.

Strettamente collegato a: Brookings Institute, Atlantic Council/DFRLabs, Unione Europea, Dipartimento di Stato, Dipartimento della Difesa, SIO, Graphika, GEC.

In sintesi: la CEPA cerca di promuovere i “valori” politici transatlantici e rafforzare la cooperazione transatlantica per ” garantire la nostra difesa collettiva e la sicurezza futura”.

​21.​ Center for an Informed Public presso l’Università di Washington 

Link: https://www.cip.uw.edu

Tipo: un “centro di ricerca multidisciplinare” accademico con la missione di “resistere alla disinformazione strategica, promuovere una società informata e rafforzare il discorso democratico”.

Potresti aver letto di loro quando: CIP ha co-fondato il Virality Project, insieme allo Stanford Internet Observatory, al Center for Social Media and Politics della NYU e alla Tandon School of Engineering, Graphika, DFRLabs e alla National Conference on Citizenship. The Virality Project ” ha lavorato con le piattaforme dei social media per segnalare e sopprimere i commenti sui vaccini, la scienza e la politica Covid che contraddicevano le posizioni dei funzionari della sanità pubblica, anche quando quel commento era vero”. Descritto anche il Virality Projectopposizione a Vaccine Passports come comportamento anti-vaccino e descriverebbe come “eventi” di disinformazione cose come una notizia che “ha aumentato la sfiducia nella guida esperta di Fauci”. Il CIP ha anche partecipato a The Election Integrity Partnership, (EIP) insieme allo Stanford Internet Observatory, Graphika e DFRLabs.L’EIP, un sostenitore della censura aggressiva dei social media, ha collaborato con la Cybersecurity and Infrastructure Security Agency nel 2020 e ha pubblicato un rapporto su disinformazione durante le elezioni del 2020. 

Cosa sappiamo sui finanziamenti: nel 2019 l’Università di Washington ha ricevuto un finanziamento di 5 milioni di dollari dalla John S. and James L. Knight Foundation per istituire il CIP. Nel giugno 2021, il CIP ha annunciato un “dono di 1 milione di dollari da Craig Newmark Philanthropies per sostenere la ricerca a risposta rapida del centro di ricerca multidisciplinare sulla cattiva informazione e la disinformazione legate alle elezioni”. Agosto 2021: il CIP ha annunciato una sovvenzione di 3 milioni di dollari dalla National Science Foundation “per applicare una ricerca collaborativa e di risposta rapida per mitigare la disinformazione online” in collaborazione con lo Stanford Internet Observatory. Il CIP ha ricevuto 2,25 milioni di dollari da quella sovvenzione. Altri finanziatori includonoMicrosoft e iSchool, Technology & Social Change Group dell’Università di Washington e Population Health Initiative.

Cosa fanno/Cosa vendono: CIP ha intrapreso progetti che ricercano la disinformazione e progetti che esaminano come il controllo dei fatti può essere ridimensionato e sostenuto online senza compromettere la qualità. I ricercatori del CIP hanno scritto sui modi per combattere la disinformazione online e il CIP tiene seminari per gli studenti delle scuole superiori su come individuare informazioni fuorvianti, sfatare i dati e migliorare le capacità di ragionamento.

Citazioni caratteristiche / visione del mondo : ” Abbiamo riunito ricercatori, laboratori, leader di pensiero e professionisti di livello mondiale per tradurre la ricerca sulla disinformazione e la disinformazione in politiche, progettazione tecnologica, sviluppo di programmi di studio e impegno pubblico”. Da Jevin West , co-fondatore del Centro: “Studio Scienza della Scienza e mi preoccupo per la diffusione della disinformazione. Il mio laboratorio è composto da milioni di articoli accademici e post pubblici sulla scienza. 

Parole incomprensibili: ” Esplora le profondità della disinformazione con giochi divertenti e collaborativi”.

Riferimento ai file di Twitter: il Virality Project e l’EIP – progetti che il CIP ha contribuito a formare e guidare – sono stati coinvolti nella segnalazione di contenuti e hanno raccomandato alle piattaforme di social media di agire contro ” contenuti veri che potrebbero promuovere l’esitazione del vaccino “.

Strettamente connesso a: Virality Project, Election Integrity Partnership, Stanford Internet Observatory, Graphika, NYU CSMaP e Tandon School of Engineering, National Conference on Citizenship, DFRLabs, Aspen Institute, Information Futures Lab/First Draft.

In sintesi: attraverso finanziamenti pubblici e privati, il CIP ha utilizzato il suo status accademico per aiutare con alcuni dei più grandi sforzi di censura mirati ai discorsi relativi alle elezioni del 2020 e al Covid-19. 

​22.​ Istituto Aspen 

Link: www.aspeninstitute.org 

Tipo: L’Aspen Institute è un’organizzazione no profit globale neoliberista apparentemente “impegnata a realizzare una società libera, giusta ed equa” che ha la reputazione (e il profilo geografico) di una Davos americana. 

Potresti aver letto di loro quando: L’Aspen Institute tiene il suo “Festival delle idee” annuale e i vertici con leader statali e funzionari eletti di entrambi i partiti, burocrati importanti, giornalisti e professori, dirigenti e “leader di pensiero”. I punti salienti di Aspen includono:

Quello che sappiamo sui finanziamenti: l’Aspen Institute è una centrale di raccolta fondi, ricevendo oltre 140 milioni di dollari in contributi e sovvenzioni nel 2021. Secondo USAspending.gov , l’Aspen Institute ha ricevuto decine di milioni di dollari in sovvenzioni e contratti dal governo degli Stati Uniti, principalmente dal Dipartimento di Stato, ma anche da USAID.

Le seguenti entità e fondazioni sono elencate da Aspen come donatori di oltre $ 500.000 o più, con molte donazioni superiori a $ 1 milione: Bill and Melinda Gates Foundation; Johnson & Johnson; Fondazione JP Morgan Chase; Walmart; Roccia nera; e la Fondazione Società Aperta.

Cosa fanno/Cosa vendono: l’Aspen Institute si propone come leader nel riunire leader provenienti da una varietà di settori – governo, borsa di studio, affari – “per affrontare alcuni dei problemi più complessi del mondo”. L’ Aspen Strategy Group , co-presieduto da Condoleezza Rice, organizza forum annuali per “fornire un forum bipartisan per esplorare le principali sfide di politica estera che gli Stati Uniti devono affrontare”.

Citazione caratteristica/visione del mondo: “Stiamo costruendo un’economia più inclusiva attraverso la nostra partnership con Mastercard”.

Verbiage incomprensibile: tic nervoso attorno alla parola “infodemia”, che ha portato a una serie di video sull’infodemia che fornisce un’immersione profonda “nei costi dell’appropriazione indebita e del negazionismo della scienza e offre soluzioni alle sfide che la scienza deve affrontare a livello globale”, nonché un panel virtuale guidato dall’infodemia della dottoressa Claire Wardle, che “ha offerto un quadro chiaro e conciso di cosa sia la disinformazione e di come potremmo proteggere la nostra società da essa”. Hanno persino discusso dell’infodemia come di un problema che alimenta “la sfiducia nelle nostre istituzioni” che “colpisce tutti gli aspetti della vita moderna”. Ma buone notizie: “Il settore privato difenderà la fiducia e combatterà l’infodemia”.

Riferimento file Twitter: Garret Graff, capo di Aspen Digital, ha inviato un’e-mail di invito a Facebook, First Draft, Twitter, The Carnegie Endowment for International Peace, Yahoo! Notizie e altri. Afferma “Porta le tue immaginazioni più subdole e ciniche! Si prega di mantenere riservato questo documento; per vari motivi, non vogliamo che questo diffonda ampiamente.

Scherza anche dopo il rilascio del laptop:

Strettamente connesso a: Dipartimento di Stato, Stanford Internet Observatory, First Draft/Information Futures Lab; la National Conference on Citizenship e lo Shorenstein Center on Media, Politics, and Public Policy, oltre a un carico di personaggi dei media mainstream e celebrità internazionali del vino come il principe Harry. 

In sintesi: l’Aspen Institute è un’organizzazione influente che riceve decine di milioni di dollari di finanziamenti dal governo degli Stati Uniti per avanzare in modo completo soluzioni ai problemi del mondo in modo da non doverlo fare.

​23.​ Trusted News Initiative 

Link: www.bbc.com/beyondfakenews/trusted-news-initiative

Istituzione: Trusted News Initiative

Tipo: Trusted News Initiative è una partnership “fondata dalla BBC” che include organizzazioni di media e tecnologia di tutto il mondo, tra cui Google e YouTube, Microsoft, Facebook, Twitter, The CBC, The Washington Post, AP, Thomson Reuters, the Information Futures Lab/First Draft e molti altri. I suoi membri collaborano “per costruire la fiducia del pubblico e trovare soluzioni per affrontare le sfide della disinformazione”.

Potresti aver letto di loro quando: La Trusted News Initiative ha istituito un “sistema di allerta rapida di allarmi rapidi per combattere la diffusione della disinformazione” durante le elezioni del 2020. Secondo Variety , i partner di TNI si sarebbero avvisati a vicenda della disinformazione che minacciava “l’integrità delle elezioni in modo che il contenuto possa essere prontamente rivisto dalle piattaforme”.

RFK Jr e una miriade di altri querelanti hanno intentato un’azione legale contro The Trusted News Initiative e molti dei suoi membri, accusandoli di sopprimere informazioni e dibattiti su Covid-19.

Quello che sappiamo sui finanziamenti: ci sono pochi dettagli sui suoi finanziamenti o sul livello delle risorse fornite dai suoi membri, oltre ovviamente al rapporto con la BBC. Sappiamo che la sua espansione a una rete Asia-Pacifico è stata “finanziata dalla Google News Initiative”.

Cosa fanno/Cosa vendono: lotta in tempo reale alla disinformazione relativa a questioni come le elezioni e il Covid-19.

Citazione caratteristica/visione del mondo: “Faremo tutto il possibile, lavorando insieme, per fermare la disinformazione sul Coronavirus”.

Verbiage incomprensibile: Information Apocalypse . La pandemia di Covid-19 ha portato alla “apocalisse dell’informazione a lungo profetizzata”. Per i giornalisti che si occupano di disinformazione: “Non affrontare da soli l’apocalisse dell’informazione”.

Riferimento ai file Twitter: Claire Wardle nel maggio 2019 menziona “BBC Media Action che era nella stanza ci ha parlato di questo ridicolo database che hanno . Elenca le fonti di informazioni di cui le persone si fidano in tutto il mondo, localizzate per paese, regione e settore della popolazione (agricoltori, insegnanti, ecc.).

Strettamente connesso a: Big tech e big media, e gruppi anti-disinformazione come Information Futures Lab/First Draft.

In sintesi: una gigantesca iniziativa anti-disinformazione che riunisce le più grandi aziende di media e tecnologia del pianeta.

​24.​ Rilevamento automatico delle controversie 

Link: https://www.aucode.io

Tipo: una startup tecnologica focalizzata su “disinformazione e controversie” che emergono dall’Università del Massachusetts Amherst. AuCoDe ha ricevuto una sovvenzione da 1 milione di dollari della National Science Foundation nel novembre 2020 per contrastare la “disinformazione” utilizzando l’intelligenza artificiale. Sono un partner fondamentale dell’iniziativa Fact Champ di Meedan finanziata dalla NSF per “aumentare la collaborazione tra verificatori di fatti, accademici e leader della comunità per contrastare la disinformazione online”. 

Potresti aver letto di loro quando: AuCoDe lo porta al livello successivo, lasciando dietro di sé il contrasto alla disinformazione e mostrando quanto sia vicina l’industria “anti-disinformazione” allo zeitgeist culturale. AuCoDe è preoccupato che “le idee vengano diffuse in modo incontrollabile online”. Fortunatamente hanno un “algoritmo di rilevamento” che può “dire cosa è importante e potenzialmente cambiare l’opinione primale cose diventano virali” rendendo “la comunicazione più produttiva e meno pericolosa”. In questo modo creano un “nuovo standard per discussioni comunitarie sfumate”. Inoltre, eseguono il “monitoraggio della tossicità” e hanno un prodotto chiamato “Detoxify”, per aiutarti a “evitare contenuti indesiderati che ti attivano”. Nessuna disinformazione, tutto il controllo narrativo, ma fatto sotto la bandiera dell’anti-disinformazione. Il fondatore Shiri Dori-Hacohen si è ora trasferito al laboratorio RIET (Reducing Information Ecosystem Threats) dell’Università del Connecticut . La corsa alla missione continua.

Quello che sappiamo sui finanziamenti: la National Science Foundation ha fornito quasi tutti i finanziamenti dichiarati pubblicamente

Cosa fanno/Cosa vendono: servizi tecnologici basati sull’intelligenza artificiale per il monitoraggio delle conversazioni online

Citazione caratteristica / visione del mondo: “Evita i contenuti indesiderati che ti attivano”

Collegato a: Meedan, il laboratorio RIET (Reducing Information Ecosystem Threats), Annenberg Public Policy Center/Factcheck.org, l’Università del Massachusetts ad Amherst, la School of Communication and Information della Rutgers University-New Brunswick

In sintesi: il rilevamento automatico delle controversie porta la missione anti-disinformazione a un livello superiore con il suo approccio aperto ed esplicito guidato dall’intelligenza artificiale per sorvegliare i “contenuti che ti innescano”.

​25.​ Centro per contrastare l’odio digitale

Link: https://counterhate.com/

Tipo: una ONG impegnata in diffamazioni sfacciate, attacchi di opinioni dissenzienti, deplatforming, censura e restringimento proattivo della finestra di Overton.

Potresti aver letto di loro quando: Hanno pubblicato un rapporto chiamato ” Disinformation Dozen ” che cercava di “deplatformare” i pensatori Covid dissidenti di Substack, incluso RFK Jr, diffamandoli come “anti-vaxxer”. I CCHD sono esperti nel fondere strategicamente voci serie con le frange, mescolandole insieme per isolare attori genuini e reprimere il dissenso. Ciò che è unico nel CCHD sono le sue sfacciate distorsioni, il tono vizioso e l’appropriazione cinica della retorica antirazzista, antisessista e della salute pubblica. Il gruppo promuove esplicitamente posizioni pro-censura e deplatforming e spinge i confini della nuova normalità. Il fondatore Imran Ahmed è collegato a figure di spicco del partito laburista britannico. Lavori di campagna in corsosi concentra sulla pressione sugli inserzionisti affinché lascino Twitter perché Musk lo rende un ” rifugio sicuro per l’odio e l’intolleranza “.

Quello che sappiamo sui finanziamenti: CCHD non dichiara i suoi finanziamenti sul suo sito, sebbene i documenti mostrino che la sua registrazione nel Regno Unito (sono anche registrati negli Stati Uniti) ha ricevuto quasi 1 milione di sterline nel 2022.

Cosa fanno/Cosa vendono: targeting aggressivo di “disinformazione” in particolare su Covid ma anche in relazione al clima, comprese campagne con un forte accesso ai media.

Citazione caratteristica / visione del mondo: “Chi sono i milionari anti-vaxx Substack?” “La scienza conta. Le bugie possono uccidere. “Il CCDH ha costretto le società di social media a stabilire un precedente e a rimuovere i contenuti che incitano all’odio o pericolosi, ritenendoli direttamente responsabili dell’amplificazione e del profitto che ne derivano”. fatto diffondere teorie del complotto, bugie e propaganda odiosa.

Nei #TwitterFiles: 12 procuratori generali scrivono a Twitter e Facebook il 24 marzo 2021, chiedendo loro di intervenire sulla “dozzina di disinformazione”, riferendosi al Center for Countering Digital Hate. Affermano: “Man mano che diventano disponibili vaccini sicuri ed efficaci, la fine di questa pandemia è in vista”. Il 1 aprile, giorni dopo, Twitter aggiunge etichette e avvertenze a tutti gli account e sospende definitivamente una persona.

In sintesi: ONG istituzionale mercante di rabbia con un background oscuro e una mentalità da bulldog pronta ad attaccare tutti indistintamente, per istituire il loro regime di censura.

26. Craig Newmark Filantropie 

Link: https://craignewmarkphilanthropies.org/

Tipo: una grande filantropia fondata dall’inventore di Craigslist, con particolare attenzione al giornalismo e alla disinformazione.

Potresti aver letto di loro quando: Insieme a Omidyar e alla Knight Foundation, Craig Newmark è forse il finanziatore privato più prolifico di progetti che combattono la “disinformazione”. Ha fornito sovvenzioni di base a una vasta gamma di istituti tra cui lo Stanford Internet Observatory, il Craig Newmark Center for Journalism Ethics and Security della Columbia University, l’Institute for Rebooting Social Media dell’Università di Harvard, il Craig Newmark Center for Ethics and Leadership di Poynter e The Markup.

Ha anche fornito finanziamenti al progetto Technology and Social Change che sarà presto smantellato presso lo Shorenstein Center di Harvard. Newmark è l’élite “anti-disinformazione” dell’élite. Eccolo qui sotto (ultima fila, 7° da sinistra) all’Information Disorder Commission dell’Aspen Institute, un progetto da 3,5 milioni di dollari che ha finanziato, insieme al principe Harry, Alex Stamos (SIO), Kate Starbird (Università di Washington), Katie Couric, Chris Krebs (Direttore, Cybersecurity and Infrastructure Security Agency, DHS) e molti altri. Elenco completo dei commissari .

Fa parte di quasi 40 consigli di amministrazione , così come di molte organizzazioni che finanzia, tra cui Shorenstein Center di Harvard, Columbia Journalism Review, CUNY Graduate School of Journalism, Poynter, Electronic Frontier Foundation, New America Foundation, Politifact e altri.

Quello che sappiamo sui finanziamenti: secondo Philanthropy.com, Newmark ha donato 419 milioni di dollari tra il 2018 e il 2022, gran parte dei quali per iniziative “anti-disinformazione”. L’elenco è enorme, ma include i partner del Virality Project, lo Stanford Internet Observatory, il Center for an Informed Public dell’Università di Washington, il Center for Social Media and Politics della NYU e la National Conference on Citizenship, oltre a First Draft, Politifact, Poynter , Pro Publica, Mother Jones e Shorenstein Center di Harvard. Nel 2022 ha annunciato una sovvenzione di 50 milioni di dollari all’Aspen Institute per costruire quella che chiama una “protezione civile informatica”. 

Cosa fanno/Cosa vendono: l’idea che i suoi soldi possano essere un “moltiplicatore di forza” per combattere la disinformazione. Gli annunci gratuiti di Craigslist hanno contribuito a distruggere i giornali locali, ma Newmark ha trovato amici nel giornalismo con donazioni di $ 10 milioni alla Columbia Journalism School e $ 20 milioni alla Craig Newmark Graduate School of Journalism di CUNY.

Citazione caratteristica/visione del mondo: “Puoi manipolare una persona manipolando il feed di una persona. Puoi dire a una persona cosa credere e forse dire a una persona cosa fare.

Nei #TwitterFiles: Newmark riceve regolarmente messaggi di posta elettronica dal Carnegie Endowment for International Peace per i suoi incontri mensili sulla “sfera di influenza”. Altri invitati includono Nina Jankowicz, capo del comitato per la governance della disinformazione fallito, l’Australian Strategic Policy Institute finanziato dai militari, l’Atlantic Council e decine di altri. Non si sa se abbia partecipato a qualche incontro.

Connesso a: Quasi tutti, incluso, probabilmente, chiunque sia attualmente nella stanza con te. 

In sintesi: un nucleo di mega-fondi per alimentare la crescita esplosiva del complesso Censura-industriale.

​27.​ Gruppo Omidyar

Link: https://omidyar.com

Tipo: una serie di fondazioni del fondatore di eBay che fornisce un’enorme quantità di finanziamenti al complesso Censorship-Industrial.

Potresti averne letto quando: Hai sentito parlare di quasi tutte le iniziative “anti-disinformazione”. I progetti finanziati da Omidyar includono l’incredibilmente inquietante CryptoChat , che scruta in sistemi di messaggistica privati ​​e crittografati per eliminare la disinformazione. Omidyar ha anche finanziato l’ Algorithmic Transparency Instituteche conduce “ascolto civico” e “raccolta automatizzata di dati” da “app di messaggistica chiuse” al fine di combattere i “contenuti problematici”. Lo stesso Pierre Omidyar è forse il più famoso traditore della causa della libertà di parola nel complesso “anti-disinformazione”, essendo intervenuto una volta per servire come protettore dei documenti di Edward Snowden. Guarda indietro e vedrai articoli che lo descrivono come una figura simile a Bruce Wayne, un miliardario solitario per il quale le perdite di Snowden “gli hanno dato una causa – e un nemico”. 

Cosa sappiamo sui finanziamenti: Omidyar fornisce fondi a quasi tutte le principali iniziative “anti-disinformazione”, tra cui Stanford Internet Observatory, Global Disinformation Index, Full Fact, Meedan, Poynter, National Conference on Citizenship (NCoC)/Algorithmic Transparency Institute e Centro per un pubblico informato dell’Università di Washington. Omidyar è anche uno dei principali finanziatori di The Intercept . Recentemente è stato acclamato per aver donato 100 milioni di dollari per ” promuovere il giornalismo e combattere l’incitamento all’odio “, anche se solo una parte di quel denaro sembra essere destinata a sforzi contro la disinformazione. I finanziamenti sono distribuiti sotto diversi marchi tra cui Luminate, Democracy Fund e First Look Media. 

Cosa fanno/Cosa vendono: finanziamenti per cause progressiste, apparentemente.

Citazione caratteristica / visione del mondo: da un rapporto di Omidyar Network: “La grande tecnologia ha mostrato poca volontà di fermare veramente … messaggi infettivi e pericolosi”.

Grafico “Hairball”: da uno studio di gruppo di Oxford finanziato dalla rete Omidyar:

In #TwitterFiles: Nick Pickles di Twitter reagisce a un rapporto sponsorizzato da Omidyar sulle “notizie spazzatura”:

In sintesi: come il gruppo di Newmark, questo è un mega-fondo e forza trainante dietro il Complesso Censura-Industriale.

28.​ La Fondazione Cavaliere

Link: https://knightfoundation.org/

Tipo: il terzo nella tripletta di fondazioni private che guidano il finanziamento dell’industria “anti-disinformazione”. 

Potresti aver letto di loro quando: La Fondazione è nata dalla società Knight Ridder, un tempo la più grande casa editrice di giornali negli Stati Uniti. Nel 2005 ha avviato un importante cambiamento di rotta verso iniziative di giornalismo digitale e negli ultimi anni ha fatto della disinformazione un punto focale. Il CEO uscente Alberto Ibargüen ha fatto parte del Council on Foreign Relations e dei consigli di amministrazione di ProPublica, American Airlines e World Wide Web Foundation, tra gli altri. Come indicazione dell’intimità del Complesso Censura-Industriale, Vivian Schiller (CEO dell’Aspen Institute e partecipante al tavolo del laptop Hunter Biden di Aspen) qui ospita il podcast di Knight sulle elezioni del 2020 e discute il problema della disinformazione. Non si fa menzione del suo lavoro nella gestione di un’operazione di disinformazione.

Nel 2018 Graphika ha prodotto un rapporto per la Knight Foundation sulla disinformazione e Twitter durante le elezioni del 2016. Il rapporto cerca di collegare coloro che sostengono il giornalismo di Julian Assange a “temi anti-immigrati/anti-musulmani”, “teorie del complotto” e “resoconti razzisti e di “identità bianca”.

Quello che sappiamo sui finanziamenti: come Newmark e Omidyar, Knight ha donato a Who’s Who del CIC, tra cui NewsGuard, il Center for an Informed Public dell’Università di Washington, First Draft, il Global Disinformation Index, Poynter e l’Algorithmic Transparency Institute. 

Nel 2019 Knight ha impegnato $ 50 milioni per “11 università e istituti di ricerca americani, inclusa la creazione di cinque nuovi centri di studio”, di cui $ 5 milioni per il Center for an Informed Public dell’Università di Washington (dell’infamia di EIP e Virality Project).

Le sovvenzioni totali nel 2021 sono state di 114 milioni di dollari.

Cosa fanno/Cosa vendono: Finanziamenti per una serie di iniziative mediatiche dal giornalismo, alla lotta alla disinformazione, così come all’arte e alla cultura.

Nei #TwitterFiles: nell’ottobre 2018, in una classica dimostrazione di come i gruppi CIC influenzino sia la moderazione dei contenuti che la copertura delle notizie, il Washington Post scrive su Twitter e cita uno studio della Knight Foundation affermando che l’80% degli account che diffondono disinformazione nel 2016 sono ancora attivi il sito. Twitter ha due giorni per rispondere a questa domanda, che segue uno schema che Twitter ormai conosceva fin troppo bene: “Lo studio dice che non hai fatto abbastanza per fermare . Pubblichiamo tra le ore …”

Citazione caratteristica/visione del mondo: “Crediamo nella libertà di espressione e nei valori espressi nel Primo Emendamento della Costituzione degli Stati Uniti”.

Strettamente collegato a: quasi tutte le ONG, i think tank e i leader accademici del campo “anti-disinformazione”, nonché altre importanti fondazioni tra cui la Charles Koch Foundation, la Hewlett Foundation, Craig Newmark Philanthropies e la Omidyar Network.

In sintesi: una forza trainante nello sviluppo dell’ecosistema delle organizzazioni anti-disinformazione, in particolare negli Stati Uniti.

​29.​ Google Puzzle 

Link: https://jigsaw.google.com/

Tipo: un “think/do tank” che sviluppa soluzioni tecniche alla disinformazione, alla censura e all’estremismo violento.

Potresti averne letto quando: Jigsaw è stata fondata nel 2010 come Google Ideas sotto la guida di Jared Cohen, che ha lavorato sia con Condoleezza Rice che con Hilary Clinton al Dipartimento di Stato. Cohen è stato visto come una stella nascente che potrebbe aiutare a sfruttare il potenziale geopolitico delle tecnologie digitali emergenti. Cohen ha co-scritto il libro “The New Digital Age” con il CEO di Google Eric Schmidt e ha aperto la strada alla trasformazione di Google in un delegato per il cambio di regime del Dipartimento di Stato. Cohen è anche membro del Council on Foreign Relations.

Cohen si è dimesso da Jigsaw a metà del 2022 per entrare a far parte di Goldman Sachs come partner e come presidente degli affari globali. In ottobre si è recato a Kiev per incontrare il presidente Zelensky 

Il nuovo CEO, Yasmin Green, è membro del gruppo di sicurezza informatica dell’Aspen Institute della Commissione sul disturbo dell’informazione e nel consiglio di amministrazione dell’Anti-Defamation League. È anche consulente senior per l’innovazione presso Oxford Analytica , una società di intelligence privata creata dall’ex membro dello staff di Nixon David Young. Young ha co-fondato “The Plumbers” i cui membri hanno condotto l’irruzione del Watergate nel 1974. (Young non ha partecipato direttamente).

Jigsaw ha sviluppato il controverso metodo di reindirizzamento in collaborazione con Moonshot. Jigsaw sta addestrando l’intelligenza artificiale a combattere “tossici”, “irragionevoli”, “problematici” e altri linguaggi.

Camille Francois, l’attuale Chief Innovation Officer di Graphika, è stata in precedenza Principal Researcher presso Jigsaw.

Cosa sappiamo sui finanziamenti: i fondi provengono da Google.

Cosa fanno/Cosa vendono: soluzioni tecnologiche altamente sofisticate per guidare il discorso online e il lavoro selettivo anticensura al servizio di obiettivi ufficiali selettivi. 

Citazione caratteristica/visione del mondo: “I progressi nell’elaborazione del linguaggio naturale e nell’intelligenza artificiale nel suo insieme ci hanno permesso di sviluppare prodotti con l’obiettivo di migliorare le conversazioni online su larga scala”.

Collegato a: Moonshot, Atlantic Council/DFRLabs, Graphika, Aspen Institute, Dipartimento di Stato. 

In sintesi: forse la più intelligente e tecnicamente sofisticata delle iniziative di censura e controllo vocale 

​30.​ Fatto completo 

Link: https://fullfact.org/

Tipo: una delle principali “ONG” di “controllo dei fatti” del Regno Unito con montagne di denaro da Big Tech.

Potresti aver letto di loro quando: Fondato da Michael John Samuel, figlio di un aristocratico, Full Fact incarna l’elitarismo e il disprezzo dell’industria del “controllo dei fatti”. Full Fact è stato esplicito sulla collaborazione con Big Tech e il governo, affermando in un’e-mail #TwitterFiles “Full Fact ha lavorato con una varietà di organizzazioni tra cui Facebook, Google, Twitter, First Draft e i governi del Regno Unito e del Canada per creare un Framework per Incidenti informativi.”

Nello sviluppare il quadro si sono affidati in gran parte allo stesso accogliente club della polizia dell’informazione: il rapporto è stato attinto da altre organizzazioni leader tra cui First Draft, Carnegie Endowment for International Peace, Ben Nimmo (NATO, Graphika, Facebook) e Joan Donovan (Data & Società, Shorenstein).

Mentre la maggior parte dei gruppi per i diritti digitali e la libertà di parola si sono opposti al disegno di legge sulla “sicurezza” online del governo britannico, Full Fact pensa che non vada abbastanza lontano , sostenendo che “il disegno di legge non è all’altezza dell’obiettivo del governo di rendere il Regno Unito il posto più sicuro in cui essere online .”

Full Fact è stato il primo membro del Regno Unito del programma di verifica dei fatti di terze parti di Facebook . Caratteristica dei “controllori di fatti”, ottengono un livello enorme di informazioni su Covid sbagliate, inclusa l’affermazione che è “molto raro” ottenere Covid due volte o che ” non puoi essere costretto a ottenere un vaccino “. Pur affermando di essere indipendenti, affermano anche di ” lavorare per Facebook “. Full Fact ha condotto una campagna di successo per far rimuovere dal partito il deputato conservatore e critico sui vaccini Andrew Bridgen.

Come è tipico, Full Fact si allontana drammaticamente dal mandato di perseguire la verità, combattendo invece le informazioni “cattive”. (Non è noto se ciò significhi cattivo o di scarsa qualità; possibilmente, entrambi) Sarebbe una cosa se la risposta fosse controbattere con informazioni “buone”, ma l’approccio coerente di Full Fact favorisce soluzioni di tipo censura. Full Fact ha persino sviluppato il proprio Robocop basato sull’intelligenza artificiale per il discorso di polizia online .

Quello che sappiamo sui finanziamenti: Full Fact prende enormi quantità di denaro Big Tech , quasi $ 2,5 milioni tra il 2019-2021 solo da Facebook. Un altro esempio di aziende che finanziano le persone che presumibilmente le rendono responsabili. Ricevono anche un forte supporto da Google, Poynter e Omidyar.

Cosa fanno/Cosa vendono: controllo della verità al servizio dei potenti. 

Citazione caratteristica / visione del mondo: “Full Fact combatte le cattive informazioni”; “Le cattive informazioni rovinano la vita.”

Nei file #Twitter: una nota tramite la mailing list #FakeNewsSci mostra che stanno lavorando con “Facebook, Google, Twitter, First Draft e i governi del Regno Unito e del Canada per creare un quadro per gli incidenti informativi”.

Collegato a : Facebook, Google, Poynter, First Draft, Shorenstein Center, Graphika e il governo del Regno Unito. 

In sintesi: candidato principale per l’inevitabile premio del Grande Fratello nel Regno Unito.

MENZIONI D’ONORE:

31: Media Matters For America Una creatura del noto sicario politico David Brock , MM4A ha effettuato una transizione senza sforzo da media mainstream promulgatore di scandali politici come il Russiagate a creatore di liste nere di Internet e contatore di reati sui social media, un esempio sono i 927 milioni di interazioni Donald I post su Facebook di Trump guadagnati tra il 1° gennaio 2020 e il 6 gennaio 2021. 

32. Miburo/Digital Threat Analysis Center L’antidisinformazione vive, anche su Substack! Dopo aver abbandonato il progetto Hamilton 68, l’ex funzionario dell’FBI Clint Watts è approdato a una serie di agenzie, a cominciare da Miburo, un gruppo il cui obiettivo, secondo un’e-mail di TwitterFiles, era “rilevare i malintenzionati in 1 ora e valutarli in meno di 6 ore attraverso report rapidi, infografiche e case study.” Per quanto ne sapeva Racket , questo rendeva Miburo l’unico gruppo anti-disinformazione che offriva un servizio di tipo drive-thru basato sul tempo. Miburo alla fine è rinato su Substack come Digital Threat Analysis Center. 

33. Credibility Coalition Un gruppo di ricercatori stranamente vago che ha investito risorse nel tentativo di sviluppare quello che chiama un “vocabolario condiviso per la credibilità”. Da 30.000 piedi, il CC sembra replicare molto di ciò che i punti vendita come il Global Disinformation Index(vedi sotto) lo fanno, analizzando le fonti dei media e declassandole per varie qualità che vanno dalla mancanza di verifica dei fatti all’uso di argomenti “uomo di paglia” o “pendio scivoloso”. Sebbene il gruppo sottolinei che sta cercando di identificare i “segnali” di contenuto che “richiedono giudizio umano e formazione”, il CC ha collaborato con la piattaforma di alfabetizzazione mediatica Public Editor di Berkeley per pubblicizzare un “software collaborativo” chiamato “TextThresher” che assomiglia in modo sospetto uno strumento per l’analisi computerizzata della credibilità. Il CC ha anche prodotto qualcosa di simile a una versione inversa di questo elenco , creando una pagina in cui gli utenti possono navigare su mappe codificate a colori di gruppi che mirano a “migliorare la qualità delle informazioni”.

34. Factcheck.me Botcheck.me Creato da due ambiziosi whippersnapper di Cal-Berkeley, Rohan Phadte e Ash Bhat , che una volta si autodefinirono come passati da “una coppia di studenti che hackerano un progetto scolastico esteso a un gruppo di otto persone squadra con la missione di proteggere il pubblico” — Factcheck.me e Botcheck.me offrono rispettivamente strumenti intuitivi per difendersi dalla disinformazione e dai bot. Il Comitato nazionale democratico nel 2020 ha assunto la coppia per scrivere un rapporto “sulla diffusione della disinformazione sui social media”, come ha affermato il New York Times. Internamente, i file di Twitter mostrano che la società ha visto i propri strumenti adatti ai giornalisti rilevare attività “simili a bot” come cugini del famigerato progetto Hamilton 68, con un dirigente che ha scritto a un funzionario delle comunicazioni gestendo un’inchiesta stampa sul servizio: “Ognuno di gli account che usano come esempio di un account bot nella loro pagina della metodologia su Medium sono sbagliati. Non pubblica dati, vende consulenza. Definizione di monetizzare il problema. Detto delle e-mail, Ro Bhat ha detto: “Wow … Abbiamo contattato quei ragazzi diverse volte e non abbiamo mai avuto risposta”.

35. Duke Reporters’ Lab Gli strumenti del DRL sono esempi perfetti di ciò che noi di Racket abbiamo definito “RFW” o “widget adatti ai giornalisti”. Finanziato dai soliti sospetti della Newmark Foundation, della Knight Foundation e di Facebook, il Lab sperimenta strumenti come MediaReview e ClaimReview, essenzialmente codificando progetti che consentono alle organizzazioni di verifica dei fatti di inviare le loro segnalazioni di false affermazioni o immagini ai motori di ricerca e alla tecnologia. piattaforme per una classifica più rapida. Una “piattaforma sperimentale” chiamata Squash offre “un controllo automatico dei fatti dal vivo durante eventi politici come dibattiti e discorsi”, utilizzando l’intelligenza artificiale per “individuare” i soggetti per la revisione umana. Il prodotto è già stato distribuito per dibattiti politici:

Come con quasi tutti gli strumenti sviluppati da CIC, i prodotti DRL cercano di identificare “terminologia coerente” o un’applicazione che “standardizza i contenuti di verifica dei fatti in modo leggibile dalla macchina”. Questa ricerca di un unico linguaggio per il controllo dei fatti è supportata da Jigsaw, Facebook, Google e il Washington Post . Un recente studio della Duke che pretende di mostrare quali parti del paese sono tristemente prive di sforzi avanzati di verifica dei fatti potrebbe ricordarti un’altra mappa di stato con codice colore:

36. Reveal Questo sito di “verifica dei social media” finanziato dall’UE è, come molti progetti anti-disinformazione europei, più apertamente terrificante nei suoi obiettivi distopici rispetto ad alcuni dei suoi omologhi americani. Questo programma finanziato dal governo offre uno strumento che chiama senza imbarazzo il Journalist Decision Support System, o “JDDS”. Il reporting è descritto come un lavoro di squadra supportato dal governo: “Fino a 19 giornalisti possono utilizzare JDSS contemporaneamente, ciascuno sfogliando in modo interattivo 10.000 post in tempo reale” e “le analisi vengono eseguite automaticamente su tutti i post, inclusa l’analisi del sentiment, fake e l’etichettatura dei media dei testimoni oculari e l’estrazione di affermazioni degne di nota. Dillo ad alta voce e con orgoglio, gente: l’estrazione di reclami degni di nota. Il premio di finanziamento dell’UEInfatti, Reveal descrive essenzialmente uno sforzo per automatizzare ciò che i giornalisti della vecchia scuola avrebbero potuto chiamare l’ufficio degli incarichi, poiché il “problema chiave” con le notizie è che “ci vuole un grande sforzo per distinguere le informazioni utili dal ‘rumore'”. Afferma Reveal. aiutare sviluppando strumenti per “giudicare automaticamente la qualità e l’accuratezza dei contenuti”. Il portale di visualizzazione per il JDDS sembra un gioco di guerra interattivo, che probabilmente non è un incidente. 

37. Indice globale di disinformazione Il GDI dovrebbe probabilmente essere più in alto in questo elenco. È stato oggetto di uno dei primi veri servizi investigativi sul Censorship-Industrial Complex, una serie del Washington Examiner incentrata su due fatti chiave: il GDI con sede in Gran Bretagna ha ricevuto almeno $ 315.000 dall’Ente del Dipartimento di Stato, il GEC, e si sono impegnati nella valutazione del “rischio” delle organizzazioni dei media che hanno declassato i media conservatori come ” American Spectator , Newsmax, the Federalist , the American Conservative, One America News , the Blaze, the Daily Wire RealClearPolitics, Reason e ilPosta di New York .” Come nel caso dell’Oxford Internet Institute finanziato da Omidyar e della già citata Credibility Coalition, il punteggio di credibilità/rischio/fiducia del GDI si basa su una serie di variabili soggettive , tra cui l’uso di un “linguaggio mirato” che “sminuisce o sminuisce le persone o organizzazioni” o include un linguaggio “iperbolico”, “emotivo” e “allarmista”. Il GDI annuncia apertamente che la sua strategia è quella di spingere i principali clienti del marketing digitale a “reindirizzare la loro spesa pubblicitaria online”. Va notato che due delle organizzazioni ritenute meno affidabili dal GDI sono il New York Post, la cui storia sul laptop Hunter Biden è stata erroneamente censurata (“Lo studio del GDI non ha esaminato storie specifiche di alto profilo”, scherza un rapporto ) e la rivista Reason , uno dei pochi eminenti critici giornalistici della censura organizzata. L’ormai defunto Buzzfeed , il cui naufragio editoriale porterà per sempre segni di strappo dello scafo dalla sua decisione di pubblicare un dossier Steele che sapeva essere pieno di errori, era nella lista dei dieci siti più sicuri di GDI, lodato per – senti questo – “migliori pratiche giornalistiche” e “linguaggio neutro e privo di emozioni”.

39.  Institute for Strategic Dialogue Finanziato anch’esso dal Dipartimento di Stato degli Stati Uniti, l’ISD con sede in Gran Bretagna offre un altro buffet di strumenti per il soffocamento dei contenuti, tra cui un servizio di “hate-mapper” e un prodotto chiamato Beam , che “è un servizio multilingue, capacità multipiattaforma sviluppata per esporre, tracciare e affrontare le minacce informatiche online. L’ISD identifica “cattivi attori” o “attori estremisti” e il suo programma “sforzo condiviso” cerca di costruire “resilienza psicosociale alla radicalizzazione”. L’ISD è responsabile del rapporto secondo cui le osservazioni antisemite sono aumentate vertiginosamente su Twitter dopo l’acquisto della piattaforma da parte di Elon Musk, un rapporto che elenca “giornalisti indipendenti” che amplificano la “propaganda russa” che ha ispiratoun rapporto della NBC che includeva Gonzalo Lira, ora sotto processo. ISD è stata anche una fonte per un rapporto di USA Today che è stato influente nel far rimuovere da una varietà di servizi Internet persone non ancora condannate accusate di partecipazione alle proteste del 6 gennaio. L’ISD è uno dei tanti gruppi che ruggivano sui pericoli di Discord prima della storia di “Pentagon Leaker”, affermando: “Le prove suggeriscono che gli utenti dei canali di estrema destra su Discord sono molto giovani”, sollevando domande sul ruolo che “i giochi online ” giocano in “radicalizzazione dei minori”.

40. Wikipedia Nel giugno del 2021, l’allora direttore esecutivo di Wikipedia, Katherine Maher, è apparsa a una conferenza ospitata dall’Atlantic Council, dove è stata intervistata dal giornalista della NBC Brandy Zadrozny su “quanto la grande tecnologia può essere affidabile quanto Wikipedia”. Il fulcro del rapporto era che Wikipedia aveva rifiutato una richiesta del governo turco di rimuovere “due pagine che non apprezzavano i riferimenti al presidente Erdogan e alla sua famiglia e al loro coinvolgimento nella guerra civile siriana come stato sponsor del terrorismo”. che ha portato a un divieto del sito che è stato ribaltato in pompa magnanel 2020. Wikipedia, come molti colossi tecnologici, svolge il ruolo di difensore della libertà di parola in determinate circostanze, ma ultimamente è diventata forse la mola più furiosa del conformismo digitale nei media occidentali al di fuori di Twitter, Google e Facebook, istituzionalizzando un sistema di blocchi che lasciano passare sempre più solo informazioni riportate in modo approvante da grandi istituzioni aziendali o accademiche (è stata una grande lottaper ottenere materiale Twitter Files sul sito, ad esempio). Una volta Wikipedia era vista come uno dei grandi esperimenti nei media open source e identificata con sfide legali a cose come il programma illegale di sorveglianza interna della NSA, ma è diventata solo un altro membro della “chiamata del settore” simile a un cartello che include l’FBI , Twitter e Facebook (i Twitter Files mostrano il momento esatto in cui Wikipedia chiede un contatto di “disinformazione” all’FBI), e ha preso posizioni rigide su questioni ridicole come la definizione di “recessione ” .

#TwitterFiles mostra anche il personale di Wikipedia invitato ai tavoli elettorali con il Pentagono che partecipa a “riunioni di settore” settimanali con i loro fratelli Big Tech.

L’ex direttore esecutivo Katherine Maher è un membro del Council on Foreign Relations, un giovane leader globale del World Economic Forum, un membro della sicurezza presso il Truman National Security Project e un membro del DFRLabs presso l’Atlantic Council, il Think preferito del complesso militare-industriale Cisterna. È incredibile quanto lontano possa portarti la vendita di enciclopedie.

41. EU Disinfo Lab Un altro sito anti-disinformazione pieno di funzionalità che avvertono del flusso insufficientemente vibrante di avvertimenti sull’aggressione russa, il cambiamento climatico e spazi Internet non regolamentati come Telegram. Nonostante sia un’organizzazione no-profit indipendente, il Lab delega il governo, valutando attentamente “gli impegni dei firmatari della piattaforma del Codice di condotta dell’UE sulla disinformazione”. Cerca anche di eliminare una “mentalità anti-sistema”, come l’uso di criptovalute per finanziare “siti spazzatura” che cercano di coltivare una “immagine marginale e anticonformista”. The Lab rappresenta l’ala tesa e chiacchierona della scena “anti-disinformazione”.

L’EU Disinfo Lab ha fatto forse il suo più grande successo nel 2019 quando ha affermato di aver portato alla luce ” 265 falsi siti di media locali coordinati al servizio degli interessi indiani “. L’illustrazione presenta icone con teschio e tibie incrociate per i siti “zombie” e volti alieni per quelli “nuovi”:

42. La 77a Brigata del Regno Unito Dovrebbe dire qualcosa al lettore che la formazione di un’unità militare attiva da parte di un partner chiave della NATO che è apertamente dedita alla lotta alla “disinformazione” online ed è stata credibilmente accusata di sorveglianza di massa della propria cittadinanza è solo il 42a voce nella nostra lista. La 77a brigata del Regno Unito verrebbe respinta da qualsiasi buon editore di fiction come troppo esagerata. Il Grande Fratello Watch ha rivelato la storia rivelando come il discorso di parlamentari, accademici, giornalisti, attivisti per i diritti umani e il pubblico sia stato monitorato con il pretesto di combattere la “disinformazione”.

43. Claim Buster Un altro strumento di apprendimento automatico supportato dalla Knight Foundation, dalla National Science Foundation, da Newmark Philanthropies e dal Facebook Journalism Project che sta lavorando su un problema chiave per qualsiasi futuro programma di moderazione guidato dall’intelligenza artificiale: come utilizzare l’apprendimento automatico per identificare “affermazioni ” in tempo reale. “Fact-checking automatizzato dal vivo per tutti” è facile, stando alla sua grafica: basta seguire le istruzioni qui sotto.

44. DisinfoCloudQuesta è stata un’operazione finanziata da GEC, fino all’inizio del 2023. Presentava un “feed di notizie continuamente aggiornato” di articoli relativi alla disinformazione, spesso con raccomandazioni piuttosto lontane alle “quasi 300 organizzazioni, comprese quelle che forniscono analisi di apprendimento automatico di social media, monitoraggio dei media, verifica dei fatti, alfabetizzazione mediatica, mappatura dei social network e altro ancora” nel “banco di prova” dell’organizzazione. Questo materiale bloggato era disponibile per “utenti selezionati del governo, della società civile e del settore privato”, di cui, fortunatamente per i lettori di #TwitterFiles, Twitter era uno. L’azienda ha ricevuto pepite di saggezza come l’idea che i termini “rivoluzione colorata” e “russofobia” fossero propaganda “pro-Cremlino”, la buona notizia che il GHCQ britannico potrebbe presto utilizzare l’intelligenza artificiale per combattere la disinformazione e molto altro. Non destinato ai tuoi occhi,

Un aggiornamento DisinfoCloud

45. MythDetector Il braccio di verifica dei fatti della Media Development Foundation, finanziato da USAID e dal German Marshall Fund, aiuta a produrre preziosi messaggi di servizio pubblico, come un video in georgiano che spiega che il cosiddetto medico americano online che curerà Covid e ovviare alla necessità di maschere è in realtà una porno star . MythDetector è un fact checker di terze parti di Facebook, “conforme” ai principi dell’International Fact Checking Network di Poynter e “misurerà la verità!” per te.

46. ​​Verificato L’inevitabile iniziativa di verifica dei fatti delle Nazioni Unite promette di “fornire informazioni salvavita su Covid-19 e storie dal meglio dell’umanità”. Intuizioni chiave? “La ricerca sulla scienza comportamentale ci ha detto che dovevamo aumentare la percezione del rischio delle persone, la sensazione che ci sia una minaccia per se stesse o per i loro cari”. I tecnocrati di Verified erano sicuri che i vaccini COVID-19 avrebbero “posto fine alla pandemia” “fermando la diffusione del COVID-19”. Verified ha collaborato con la Banca mondiale, Al Jazeera, Facebook, Omidiyar, First Draft, Ikea, Spotify, Tik Tok, Twitter e #ThisIsOurShot (anche partner di Virality Project). È stato costruito in collaborazione con Purpose , un McKinsey per i millennial il cui co-fondatore ha presieduto il Global Agenda Council on Civic Participation del WEF.

47. Foreign Malign Influence Center Dopo il fiasco delle pubbliche relazioni dell’Orwellian Disinformation Governance Board che doveva essere ospitato nel Department of Homeland Security, e la cancellazione del sottocomitato “Misinformation, Disinformation, and Malinformation” che sembrava destinato ad assumere il ruolo del DGB funziona, sembra che il governo federale stia mettendo i chip su un altro facsimile del Ministero della Verità, trasferendoli forse a questa agenzia esistente sotto l’Ufficio del Direttore dell’Intelligence Nazionale. Il FMIC è stato “attivato” il 23 settembre 2022. Il DGB ha chiuso il 24 agosto 2022. Il FMIC è guidato da Jeffrey K. Wichman, che ha trascorso 30 anni alla CIA.

48. Advance Democracy Inc. Non si sa molto di questo gruppo, tranne che appare come una fonte per molte storie di USA Today (sui rapporti del 6 gennaio di Tucker Carlson, negazionismo climatico e “alleati di Trump” ancora su Twitter) ed è apparso in uno strano scambio di TwitterFiles, in che un funzionario delle comunicazioni li descrive come misteriosi e autori di alcuni rapporti “traballanti”. Come è tipico di molti ritagli CIC, il suo sito Web non elenca informazioni riguardanti la leadership, il personale o i donatori. Lo fa contemporaneamente al “monitoraggio delle donazioni politiche” di altri.

49. DisinfoWatch Chi dice che i canadesi non possono essere imprecisi? Questo gruppo, che elenca come “partner di ricerca” il GEC, il Centro di eccellenza STRATCOM della NATO e il Centro per l’analisi politica europea, è il solito miscuglio di ritratti malvagi di Putin e testi incomprensibili sulla costruzione della “resilienza” alle narrazioni sulle minacce, ma anche offre abili conoscenze locali nel trovare modi per incolpare RT per aver utilizzato la copertura delle proteste dei camionisti canadesi per ” legittimare le narrazioni antigovernative “.

50. Contrastare la disinformazione Un altro gruppo finanziato dall’USAID che promuove “l’integrità dell’informazione” e sostiene un “approccio dell’intera società”, che secondo loro richiederà la creazione di un “senso di urgenza” nella popolazione riguardo alla disinformazione. (Nella letteratura anti-disinformazione, il pubblico è spesso descritto come non sufficientemente preso dal panico). Il gruppo promuove un “approccio a metodi misti”, che include “verifica dei fatti, monitoraggio e altri interventi”. Offre anche un’acuta rappresentazione visiva di come appare uno “spazio informativo sano”: completo accerchiamento da parte di istituzioni protettive. Come la libertà, in poche parole, solo il contrario!

Per Saperne di più

SUSAN SCHMIDT, ANDREW LOWENTHALTOM WYATTTECHNO FOG


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Exit mobile version