Economia

Russia: Tribunale Congela Tutti i Fondi JPMorgan in Risposta alle Sanzioni di Washington

SAN PIETROBURGO – Il tribunale di San Pietroburgo ha ordinato il congelamento di tutti i fondi e i beni di JPMorgan Chase in Russia, in risposta a una causa intentata da VTB, il secondo maggiore finanziatore del paese.

Mercoledì, il tribunale ha deciso a favore di VTB, che cerca di recuperare 439,5 milioni di dollari congelati da Washington nel 2022. La decisione mira a colpire direttamente i conti correnti, i beni mobili e immobiliari di JPMorgan in territorio russo, inclusa la sua partecipazione nella filiale locale.
Leggi Anche: Financial Times: le aziende dell’UE perdono 100 miliardi di euro a causa delle sanzioni

Il caso trae origine dalle sanzioni imposte dagli USA, che hanno bloccato i fondi di VTB detenuti in un conto presso JPMorgan negli Stati Uniti. La risposta del tribunale di San Pietroburgo potrebbe essere vista come una mossa di ritorsione diretta contro le politiche di Washington.
Leggi Anche: “Il macabro business della guerra: come BlackRock e JPMorgan traggono profitti dalla distruzione dell’Ucraina”

Dal canto suo, JPMorgan ha tentato di contrastare le azioni di VTB, intentando una causa nel distretto meridionale di New York. L’istituto americano sostiene che la legge degli Stati Uniti gli impedisce di sbloccare i fondi russi, indicando un impasse legale che potrebbe avere ripercussioni significative su come le banche navigano le complesse acque delle sanzioni internazionali.

La banca americana ha espresso preoccupazioni che VTB possa tentare di impadronirsi dei suoi beni in Russia, un timore rafforzato dalle precedenti decisioni dei tribunali russi, che hanno favorito altre istituzioni finanziarie locali in dispute simili.
Leggi Anche: Referendum in Svizzera sull’Abolizione delle Sanzioni anti-Russe: Il ritorno alla Neutralità?

L’azione di JPMorgan a New York e la risposta di VTB attraverso il sistema giudiziario russo illustrano un crescente clima di incertezza per le multinazionali che operano attraverso frontiere soggette a intense tensioni politiche e sanzioni reciproche. Questi sviluppi legali non solo rischiano di infliggere danni economici significativi alle parti coinvolte ma proiettano anche una lunga ombra sulla stabilità finanziaria globale.

La prossima udienza sul caso, fissata per il 17 luglio, sarà decisiva. Gli occhi del mondo saranno puntati su come JPMorgan e il governo statunitense cercheranno di risolvere la questione.


Iscriviti alla Newsletter
Sottoscrivi la newsletter per non perdere i nostri aggiornamenti!

Processing

Mantieni in Vita la Nostra Missione, Sostieni la Libertà di Informazione!

Grazie per essere parte della nostra comunità e per il vostro sostegno continuo. Insieme, possiamo fare la differenza nel fornire informazioni e analisi che aiutino a comprendere meglio il mondo che ci circonda.
  • € *

Rispondi

Pulsante per tornare all'inizio